change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - cipro 2008 newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano
26/08/2019
Preghiera per i poveri

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
17 Novembre 2008 09:30 | Hilton Cyprus - Achera Hall

Panel 6 - La preghiera alla radice della pace

VIDEO FOTO







Presiede

Ole Christian Mælen Kvarme


Vescovo luterano, Norvegia
 biografia
• Ole Chr. M. Kvarme
IT | EN
 testo

Intervengono

Georgios


Metropolita ortodosso, Chiesa di Cipro
 biografia

Wahiduddin Khan


Presidente del Centro Islamico di New Delhi, India
 biografia

Arie Zeev Raskin


Rabbino di Larnaca, Cipro
 biografia

Abuna Paulos


Patriarca della Chiesa Ortodossa Tewaedo d'Etiopia
 biografia

Armand Puig I Tàrrech


Teologo cattolico, Spagna
 biografia
• Armand Puig i Tàrrech  testo


Ebrei, musulmani  e cristiani di ogni confessione si confrontano a Cipro al meeting di Sant'Egidio su una dimensione fondamentale per ogni credo: la preghiera. Se la violenza sembra talvolta la padrona del mondo, le religioni possono dire una parola forte per guarire il mondo da questa malattia. E gli amici della pace non si preoccupano di se stessi ma del mondo malato che presentano a Dio perché lo guarisca.
Per Armand Puig, decano della facoltà di teologia di Barcellona e membro della Comunità di Sant'Egidio, “la violenza è una malattia del cuore che non sa più parlare ed ascolta solo se stesso. E la preghiera fonda la pace perché è ascolto, e pone le basi per il dialogo tra gli uomini dopo che si è imparata l'amicizia con Dio”.
Il patriarca etiope Abuna Paulos, a proposito della fine del regime autoritario di Menghistu, ha ricordato come uomini e donne abbiano affollato le chiese di Addis Abeba, e la città sia stata risparmiata dalla distruzione.
Al suo discorso ha fatto eco il rabbino Raskin, che ha ricordato come la preghiera per la pace sia sempre accompagnata da un duro lavoro per renderla possibile. “Pregare non è suonare un campanellino per ottenere in modo automatico ciò che si desidera”, ha detto Raskin.
Ed ancora il vescovo luterano norvegese Kvarme ha ricordato la preghiera di Francesco d'Assisi, che così si rivolgeva a Dio:
“Signore, rendimi uno strumento della tua pace, dove c'è odio che io porti amore”.