change language
you are in: home - ecumenis...dialogue - internat...or peace - assisi 2...or peace newslettercontact uslink

Support the Community

  

Let us help Rohingya refugees in Bangladesh

The Community of Sant'Egidio launches a fundraising campaign to send humanitarian aid to the refugee camps in Bangladesh, in collaboration with the local Church

Christmas Lunch with the poor: let's prepare a table table that reaches the whole world

The book "The Christmas Lunch" available online for free. DOWNLOAD! And prepare Christmas with the poor


 
printable version
September 20 2016 06:30 | Cittadella, Sala San Giovanni

Intervento di François Clavairoly



François Clavairoly


President of the Protestant Federation of France

 Tre punti:

 
1) Un breve richiamo:
Il cammino ecumenico comporta  più  tappe, più momenti.  Il XIX secolo con le missioni nel mondo , missioni in ordine sparso su territori comuni, iniziative che manifestano le divisioni e la concorrenza fra le Chiese . La Conferenza di Edimburgo del 1910 affronterà questo problema e lancerà il primo movimento di discussione in vista di un migliore coordinamento fra le Chiese protestanti  europee, africane e americane. Questo movimento sarà una delle fonti del  Consiglio ecumenico delle Chiese.
Il secondo momento è quello delle discussioni teologiche fra le due guerre e , in seguito, fino ad oggi: grande ricchezza e grandi passi in avanti. Ma nessun altro accordo internazionale dal 1999, dall’accordo di Augsburg : da più di 15 anni
Il terzo momento è il nostro, l’attuale: che fare dopo il tempo degli accordi e dei passi in avanti sul piano teologico?
Due piste: l’ecumenismo spirituale e liturgico (preghiera, incontri, sessioni, ritiri, formazione), l’ecumenismo dell’azione e della testimonianza. 
 
2)  Qui le Chiese sono davanti a un immenso cantiere: la testimonianza e l’azione pongono  le Chiese dinanzi alla sfida dei drammi del nostro tempo e rivelano la loro fragilità e  la loro impotenza (ad esempio  Siria, Ucraina, Iraq, Libia, Ruanda, Burundi ecc. )
 
3) Le reti sono le alternative alla pratica abituale nella misura in cui le parrocchie sono meno trainanti e quando la società secolarizzata è meno disponibile a far loro spazio. Le comunità, le associazioni, i movimenti, i  gruppi di influenza possono agire meglio. Ambiti: povertà, esclusione, guerra, accoglienza dei rifugiati. Esempio: i corridoi umanitari in Italia e in Francia con Sant’Egidio e la Federazione Protestante di Francia.
 
Conclusione:
La parola magnificata e largamente diffusa della Chiesa o del papa non ha l’efficacia che si crede.
Il  “religioso” e l’impegno delle religioni non può essere il  surrogato  di una politica che si indebolisce. Nello stesso tempo il mondo ha bisogno di segni. 
La testimonianza delle Chiese che si mettono insieme per operare , è uno di questi segni. Ma è insufficiente.
Che cosa resta? Allargare lo spazio della testimonianza e dare una dimensione interreligiosa  all’azione. E’ qualcosa  di nuovo e difficile da mettere in atto. 
E’ però una nostra sfida, per far comprendere che le religioni sono una risorsa e non una minaccia per l’umanità. Vi è una profonda riflessione da avviare, a questo proposito, in Occidente, nel contesto di un Islam che è in crisi e spaventa, e di un razionalismo  in cerca di senso e di progetti  
 

#peaceispossible #thirstforpeace
PROGRAMME

ASSOCIATED PRESS
February 7 2018
Avvenire
Il sociologo Bauman al Papa: «Sei la luce in fondo al tunnel» La testimonianza di Riccardi
October 28 2016
La Civiltà Cattolica
Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia
October 4 2016
Avvenire
Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi
October 1 2016
Avvenire
Quale accoglienza? Il metodo «adottivo» che emerge da Assisi
September 29 2016
Vida Nueva
Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”
all press-related


Giovani x la Pace