change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - "ero car...rovarmi" - i condannati a morte newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

I condannati a morte


 
versione stampabile

I condannati a morte

Corrispondiamo con 350 detenuti condannati alla pena capitale, la maggior parte sono reclusi nei bracci della morte degli Stati Uniti, una parte minore nelle carceri Russe, in Siberia, dove però attualmente tutte le condanne sono state commutate in ergastoli, altri nelle carceri di paesi africani. 

 

 

Molti condannati a morte fanno esplicita richiesta di avere rapporti epistolari con persone in ogni parte del mondo. La corrispondenza è in effetti il solo spazio libero nella vita di queste persone. Scrivere e ricevere posta è come spezzare le sbarre per far passare le parole e l'affetto che vengono da fuori, anche da molto lontano. Questa amicizia di "carta" contiene interesse, dignità, affetto, fedeltà.

Comune a tutti i bracci della morte è la solitudine e un'inquietudine che aumenta via via che diminuiscono le speranze di sopravvivere. In queste condizioni avere un amico, qualcuno che ti vuol bene e che ti scrive è un po' come trovare un tesoro

Le storie dei condannati a morte sono, sotto molti aspetti, storie di povertà, simili a quelle di tanti che conosciamo. Attraverso la corrispondenza con i condannati a morte abbiamo capito meglio cosa vuol dire vivere nella segregazione totale e senza almeno un po' di speranza. La maggior parte di loro trascorre 23 ore al giorno in una cella il cui spazio è limitato a un letto e una sedia, in assenza di qualsiasi intimità, con le luci sempre accese, di giorno e di notte. Alcuni detenuti sono analfabeti o scarsamente scolarizzati. Ci sono persone che hanno imparato a leggere e scrivere durante la detenzione. Inoltre ci sono anche degli handicappati mentali.

 


....Quindici anni fa, se fossi stato ucciso in uno scontro a fuoco con qualcuno di quell'ambiente, sarei morto senza amici e solo, e nessuno, oltre alla mia famiglia, si sarebbe preoccupato della mia morte. Ora so che non morirò solo e senza amici. So che morirò amato da altri, oltre che dalla mia famiglia. La famiglia ti deve amare, e in questo non ha scelta, ma nelle amicizie si può scegliere. Gli amici si scelgono gli uni con gli altri perché c'è un legame, qualcosa in comune, da qualche parte. Forse non scopriremo mai dov'è, ma c'è.

E così, per concludere, sei un mio amico, per qualche ragione sconosciuta, e per tale amicizia ti ringrazio. E' una benedizione nella vita di qualcuno con un passato come il mio poter dire che ha veri amici. Mi hai aiutato durante i più duri tredici anni della mia vita. Grazie per essere stato presente. Grazie per essere stato mio amico. Grazie per il tempo della tua vita che mi hai dedicato. Dire grazie non mi sembra sufficiente per esprimere tutto quanto. Sappi che è stata la tua amicizia a fare la differenza.

Con il più profondo amore.

D.

 

Dalla lettera di un condannato a morte, tre giorni prima della sua esecuzione.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
4 Gennaio 2018
PADOVA, ITALIA

'Tutti abbiamo servito tutti': una lettera dal carcere racconta il pranzo di Natale

22 Dicembre 2017
NAKURU, KENYA

In certe parti del mondo, l'acqua è il più bel regalo di Natale: una cisterna per le detenute di Nakuru in Kenya

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
28 Ottobre 2017
BLANTYRE, MALAWI

Dall'abisso alla luce dopo 10 anni: la storia vera di un'ingiustizia riscattata con l'amore in Malawi

IT | EN | ES
14 Agosto 2017
MAROUA, CAMERUN

Imparare a leggere e a scrivere in carcere: inizia qui la libertà

IT | ES | DE | FR
31 Luglio 2017

'E adesso la palla passa a me': storie di solitudine, riscatto e umanizzazione in carcere

29 Luglio 2017
NAPOLI, ITALIA

Un pomeriggio di solidarietà con i detenuti del carcere di Poggioreale a Napoli

tutte le notizie
• STAMPA
2 Gennaio 2018
Il Messaggero - ed. Civitavecchia

La comunità di Sant'Egidio offre il pranzo ai detenuti

29 Dicembre 2017
La Stampa

Sant’Egidio e il pranzo della serenità nel carcere

29 Dicembre 2017
Avvenire

Kenya, Natale in cella. Adesso arriva l'acqua

24 Novembre 2017
La Repubblica - Ed. Firenze

Fuori dal carcere: la guida per orientarsi in città

23 Novembre 2017
Famiglia Cristiana

Quelle coperte che scaldano le notti degli ultimi di Roma

24 Settembre 2017
Notizie Italia News

Giovani stranieri in carcere

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

ALCUNI NUMERI DELLA SOLIDARIETA’ NEL 2012 DALLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Comunità di Sant'Egidio

Le carceri in Italia:tra riforma, sovraffollamento e problemi di bilancio. Analisi e proposte delle Comunità di Sant'Egidio

Comunità di Sant'Egidio

Mai così tanti in carcere nella storia dell’Italia Repubblicana

Comunità di Sant'Egidio

CALANO I REATI, MA CRESCONO GLI ARRESTI E LE DETENZIONI

tutti i documenti
• LIBRI

E adesso la palla passa a me





Guida Editori
tutti i libri

FOTO

258 visite

297 visite

244 visite

250 visite

244 visite
tutta i media correlati