change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - i luoghi... impegno - europa - italia newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Italia


 
versione stampabile

In Italia

La popolazione detenuta in Italia è andata notevolmente aumentando negli ultimi anni. Il sovraffollamento, le scarse possibilità di lavorare durante la detenzione e la lunga attesa dei processi sono fra i problemi più evidenti dell'attuale situazione penitenziaria italiana. Una parte prevalente dei detenuti è costituita da tossicodipendenti e immigrati. A Roma, ad esempio, sul totale dei detenuti, circa un terzo sono tossicodipendenti e un terzo stranieri. Ed è una tendenza che si va diffondendo su tutto il territorio nazionale. I reati per i quali sono stati accusati o condannati rientrano prevalentemente nella cosiddetta "microcriminalità".

La povertà stessa permette il protrarsi nel tempo delle carcerazioni peggiorando la condizione di esclusione dal contesto sociale e lavorativo. La disuguaglianza sociale inoltre impedisce a coloro che mancano di appoggi esterni e dell'abitazione di poter utilizzare le misure alternative alla detenzione.

La gravità relativamente bassa dei reati potrebbe far prevedere che le pene, almeno nella misura dei due o tre anni previsti per accedere alle misure alternative alla detenzione, siano scontate in parte (semilibertà) o del tutto (affidamento al servizio sociale) fuori dalle mura del carcere. Ma l'accesso a questi benefici è di fatto impedito da tanti fattori concomitanti a cominciare dalla deprivazione economica, sociale e culturale e dalle situazioni personali e familiari di svantaggio da cui essi partono. 

Queste persone mancano dei requisiti necessari per ottenere le misure alternative: è dunque certamente difficile, tante volte impossibile, che un giudice le conceda quando fuori non ci sono persone che offrano garanzie, quando spesso non c'è neppure l'abitazione. Queste considerazioni riguardano non solo chi è già stato definitivamente condannato ma anche chi è in carcere per custodia cautelare con il processo ancora in corso.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
4 Gennaio 2018
PADOVA, ITALIA

'Tutti abbiamo servito tutti': una lettera dal carcere racconta il pranzo di Natale

22 Dicembre 2017
NAKURU, KENYA

In certe parti del mondo, l'acqua è il più bel regalo di Natale: una cisterna per le detenute di Nakuru in Kenya

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
28 Ottobre 2017
BLANTYRE, MALAWI

Dall'abisso alla luce dopo 10 anni: la storia vera di un'ingiustizia riscattata con l'amore in Malawi

IT | EN | ES
14 Agosto 2017
MAROUA, CAMERUN

Imparare a leggere e a scrivere in carcere: inizia qui la libertà

IT | ES | DE | FR
31 Luglio 2017

'E adesso la palla passa a me': storie di solitudine, riscatto e umanizzazione in carcere

29 Luglio 2017
NAPOLI, ITALIA

Un pomeriggio di solidarietà con i detenuti del carcere di Poggioreale a Napoli

tutte le notizie
• STAMPA
2 Gennaio 2018
Il Messaggero - ed. Civitavecchia

La comunità di Sant'Egidio offre il pranzo ai detenuti

29 Dicembre 2017
La Stampa

Sant’Egidio e il pranzo della serenità nel carcere

29 Dicembre 2017
Avvenire

Kenya, Natale in cella. Adesso arriva l'acqua

24 Novembre 2017
La Repubblica - Ed. Firenze

Fuori dal carcere: la guida per orientarsi in città

23 Novembre 2017
Famiglia Cristiana

Quelle coperte che scaldano le notti degli ultimi di Roma

24 Settembre 2017
Notizie Italia News

Giovani stranieri in carcere

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

ALCUNI NUMERI DELLA SOLIDARIETA’ NEL 2012 DALLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Comunità di Sant'Egidio

Le carceri in Italia:tra riforma, sovraffollamento e problemi di bilancio. Analisi e proposte delle Comunità di Sant'Egidio

Comunità di Sant'Egidio

Mai così tanti in carcere nella storia dell’Italia Repubblicana

Comunità di Sant'Egidio

CALANO I REATI, MA CRESCONO GLI ARRESTI E LE DETENZIONI

tutti i documenti
• LIBRI

E adesso la palla passa a me





Guida Editori
tutti i libri

FOTO

258 visite

297 visite

244 visite

250 visite

244 visite
tutta i media correlati