change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più anziani - uvira (r... anziani newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Uvira (Repubblica Democratica del Congo): L'impegno delle Comunità di Sant'Egidio del Kivu per proteggere la vita degli anziani


 
versione stampabile

Uvira (Repubblica Democratica del Congo) - Dopo la tragica uccisione di Sophie Zabibu, una donna anziana, amica della Comunità, le Comunità di Sant’Egidio nella regione del Kivu, rinnovano la loro alleanza con gli anziani
25 marzo 2011

Si chiamava Sophie Zabibu Mulondala, aveva 80 anni, ed era amica della Comunità da alcuni anni, da quando cioè la Comunità di Sant'Egidio di Uvira aveva iniziato un servizio agli anziani nel quartiere di Rombe.

E’ stata accusata di aver provocato la morte della nipotina con la stregoneria. La gente del quartiere ha cominciato a lanciare pietre e ad usare bastoni, colpendola a morte. Anche suo figlio, che voleva difenderla, è stato ucciso.

Questa morte assurda e violenta ha scosso le Comunità della regione del Kivu (la parte più orientale della Repubblica Democratica del Congo) che hanno avviato una riflessione su come proteggere la vita degli anziani.

Gli anziani in Congo attraversano una situazione sociale ed economica molto difficile. Sono in maggioranza donne, vedove e sole, che vivono nella più completa indigenza, costrette a mendicare, mancando di cibo, abiti, esposte alle malattie e ai pericoli della strada.

Il loro numero cresce nei quartieri poveri delle città.  Vittime di una cultura del disprezzo, gli anziani vengono spesso considerati come un pericolo per le fasce più giovani, forti e attive, della società. Si diffonde così l’idea omicida dell’accusa di stregoneria. In realtà, molto spesso all’origine di queste accuse ci sono conflitti familiari.

Le Comunità di Sant'Egidio hanno deciso di impegnarsi per contrastare questa cultura di disprezzo e di morte: ogni settimana, nel quartiere dell’Hyppodrome a Bukavu, i giovani liceali e universitari di Sant'Egidio visitano gli anziani,  li riuniscono per pregare insieme. 

E' commovente il coraggio e la fedeltà di questi anziani che fanno grandi sacrifici, percorrono lunghi percorsi a piedi, pur di non mancare mai a questo appuntamento.

Nel tempo, si è creato anche tra loro un forte legame di amicizia e solidarietà, fatto di visite quando sono malati e di condivisione del poco che hanno quando qualcuno di loro è nella necessità.

Ma, soprattutto, le visite dei più giovani della Comunità, “gli studenti”, cominciano ad infrangere il muro di miti e pregiudizi che avvolgono la vita degli anziani nei quartieri.

Anastasie, che era trattata nel quartiere come una strega, dopo che i ragazzi hanno cominciato a visitarla a casa, ha visto cambiare l’atteggiamento dei vicini nei suoi confronti.

Una cultura più umana cammina sui passi di questi giovani, forti dell'amicizia e della speranza, nata dall'ascolto del Vangelo, di cambiare la vita non solo degli anziani, ma dei quartieri in cui essi vivono.

30 anni di amicizia
con gli anziani



NOTIZIE CORRELATE
18 Gennaio 2018
Comunicato stampa

Anziani, Sant'Egidio: la creazione di un Ministero per la solitudine nel Regno Unito è un campanello di allarme


Attivare in Europa reti di protezione contro l'isolamento sociale e favorire un'alleanza tra le generazioni. L’esperienza del programma “Viva gli anziani!” e il movimento Giovani per la Pace
IT | EN | ES | DE
2 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Una visita alla mostra degli artisti disabili "La forza degli anni" aperta a Roma fino al 9 dicembre

24 Novembre 2017

La storia di Tina. Quelle coperte che scaldano le notti degli ultimi di Roma


Tina e le sue coperte raccontano la forza degli anni, perché anche la vecchiaia ha i suoi valori e la sua bellezza.
22 Novembre 2017
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

A Ouagadougou apre una casa per anziani: per Marie e Angele inizia una nuova vita

IT | ES | DE | NL | ID
23 Ottobre 2017
BEIRA, MOZAMBICO

Dare da mangiare agli anziani in Mozambico: distribuiti aiuti alimentari ai più poveri nella città di Beira

IT | ES | DE | FR | PT | RU | ID
17 Ottobre 2017
LOME, TOGO

Telemedicina per i bambini di strada e gli anziani in Togo: dove scienza e solidarietà si alleano

IT | ES | FR
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
26 Febbraio 2018
Roma sette
Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»
22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana
La preghiera sia un urlo contro le guerre
21 Febbraio 2018
Vatican Insider
Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa
21 Febbraio 2018
SIR
Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane
7 Febbraio 2018
Avvenire
L'Italia già «casa comune». Anziani e badanti, la forza di un abbraccio di debolezze
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

678 visite

663 visite
tutta i media correlati