change language
vous êtes dans: home - l'oecum...dialogue - rencontr...tionales - sarajevo 2012 newslettercontactslink

Soutenez la Communauté

  

Les arrivées des premiers couloirs humanitaires 2018 en Italie. La nouvelle phase du projet, devenu un modèle d'accueil et d'intégration pour l'Europe

"PAIX SUR TOUTES LES TERRES" : 1er janvier, une marche pour un monde qui sache accueillir et intégrer

Le premier jour de l'année nouvelle, manifestations sur tous les continents pour soutenir le message du pape François

De l'Indonésie au Salvador, de l'Allemagne au Mozambique, voici les nouvelles galeries d'images des repas de Noël de Sant'Egidio dans le monde

Des photos continuent d'affluer de tous les continents, regardez-les sur notre carte interactive!

Galerie de photos et vidéos du repas de Noël à Santa Maria in Trastevere

Visite virtuelle de la crèche de Sant'Egidio : Jésus accueilli par les pauvres, les malades, les sans logis et les hommes de toutes confessions

Sant'Egidio et la Muhammadiyah signent à Djakarta un nouvel accord pour la paix et le dialogue interreligieux

une délégation de la Communauté menée par Marco Impagliazzo se trouve en Indonésie

Sant'Egidio au conseil de sécurité de l'ONU pour un point sur la République centrafricaine

Mauro Garofalo : "Le succès de ce premier désarmement garantit la crédibilité de l'ensemble du processus en actes"

Donner à manger aux personnes âgées au Mozambique : distribuitions d'aides alimentaires aux plus pauvres dans la ville de Beira

Aidons les réfugiés rohingyas au Bangladesh

La Communauté de Sant’Egidio lance une collecte de fonds pour envoyer des aides dans les camps de réfugiés au Bangladesh, en collaboration avec l’Eglise locale

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

L'assemblée d'inauguration de la rencontre internationale Chemins de Paix

Chemins de 2017 : tout sur la rencontre internationale des religions du monde pour la paix

Le programme, les intervenants et les événements en direct streaming

Global friendship, #MoreYouthMorePeace : le message et l’engagement des Jeunes pour la paix à Barcelone

rendez-vous l’année prochaine à Rome !

 
version imprimable
10 Septembre 2012 16:30 | Muslim Madresa (Gazi Husrev-begova medresa)

La Gratuità : motore nascosto dell’economia



Michel de Virville


Directeur du “Collège des Bernardins”, France

Come parlare della gratuità senza fare riferimento all’enciclica Caritas in Veritate? Per quanto mi riguarda, ne ho vissuto la lettura come una rilettura della mia esperienza di dirigente d’impresa.
Ho avvertito prima di tutto un pressante appello, assai necessario d’altronde, a manifestare nella vita economica la gratuità a cui ci chiama il Vangelo. Ma ben presto una rilettura collettiva e più attenta, svolta con altri impresari, mi ha convinto che l’Enciclica di fatto ci propone una via nuova per  vincolare la conversione sempre necessaria alla modernità della nostra economia globalizzata. Una via per tutti, quali che siano le nostre convinzioni religiose o politiche.
La gratuità non è un argomento fra tanti. Noi uomini siamo fatti per il dono, questa è l’essenza della nostra natura: “La carità nella verità pone l'uomo davanti alla stupefacente esperienza del dono.”(Cin III-34).
Questa  “gratuità” può apparirci dapprima come un’esigenza molto radicale. Ma non si tratta prima di tutto di un’esigenza, non è un “ di più” che dobbiamo produrre o una “scelta” che siamo chiamati a fare. Ci viene proposto di riconoscere che la gratuità è già là, che è il materiale costitutivo, il tessuto stesso della vita quotidiana sociale, economica ma anche politica: “...nei rapporti mercantili il principio di gratuità e la logica del dono come espressione della fraternità possono e devono trovare posto entro la normale attività economica.”(Cin III-36). Infatti, se mi posso permettere, con ardire, di riscrivere quest’ultima frase a partire dalla logica stessa del testo, oserei semplicemente dire : «la logica del dono trova posto entro la normale attività economica ».


Ma di quale normalità si tratta ?
La gratuità : la fonte dell’efficacia collettiva
Davvero è ragionevole ? non è francamente irrealistico in un mondo economico che appare piuttosto sempre più « finanziarizzato », dominato da meccanismi di mercato e che ha fatto dei soldi il regolatore supremo, per non dire l’unico?
Questa obiezione è talmente forte che molti sono stati tentati di leggere l’enciclica come una chiamata allo sviluppo alternativo di un’economia della gratuità che sfugga alla dittatura del denaro : nuove attività nate dai bisogni a lungo termine dello sviluppo mondiale o adattate alle necessità dei più poveri, riscoperta all’interno delle imprese della responsabilità sociale « RSI ».
Ma l’originalità dell’enciclica è che senza rinnegare nulla della radicalità dell’esperienza della gratuità, afferma con molta forza che tale esperienza non riguarda solamente una parte dell’economia o una parte dell’attività delle imprese : così come le encicliche non si rivolgono solo ai credenti, ma a tutti gli uomini di buona volontà, Caritas in Veritate sottolinea in modo molto chiaro che l’esigenza di gratuità riguarda tutte le imprese e non solo l’Economia Sociale, riguarda tutta l’attività delle imprese e non solo ciò che è di pertinenza della RSI, concerne tutti gli agenti economici e non solo i cristiani.
Infatti occorre spingersi più a fondo per misurare quanto questo approccio conferma alla fine la mia esperienza e, ne sono convinto, quella degli «impresari»,cioè di coloro che si sono impegnati nell’economia :  ciò che produce valore non è solamente la qualità dell’organizzazione né  i meccanismi di mercato ma prima di tutto il libero impegno, la reattività, la creatività dell’insieme dei collaboratori: “la gratuità è presente nella vita (dell’uomo al lavoro) sotto molteplici forme che spesso non sono riconosciute a causa di una visione dell’esistenza puramente produttivistica e utilitarista.”
La fine della frase  è particolarmente importante : bisogna misurare fino a che punto i progressi reali introdotti dall’organizzazione dei mercati, della finanza, dei media, della democrazia politica, progressi  eccezionali, ci hanno allo stesso tempo in qualche modo anestetizzato : ci hanno fatto perdere di vista il fatto che noi possiamo beneficiare di questi meravigliosi strumenti solo se sappiamo coniugare tutti insieme le nostre libertà e la nostra creatività.
Bisogna superare con decisione una visione puramente contrattuale per cui la retribuzione « compra » il contributo del lavoratore, per considerarla come una delle componenti di una giustizia all’interno della quale la logica del dono possa esprimersi: “ la logica del dono non esclude la giustizia e non si giustappone ad essa in un secondo momento e dall'esterno ; lo sviluppo economico, sociale e politico ha bisogno, se vuole essere autenticamente umano, di fare spazio al principio di gratuità come espressione di fraternità.” (Cin III 34) “senza la gratuità non si riesce a realizzare nemmeno la giustizia” (Cin III 38).”  Un modo forse più prosaico per dire la stessa cosa per il dirigente d’azienda che sono : non è la retribuzione che compra la performance, ma una retribuzione ripartita ingiustamente può renderla impossibile.
Ecco abbozzarsi una nuova visione del nostro ruolo di manager a qualsiasi livello di responsabilità : creare le condizioni di libertà ed equità che permettano di beneficiare pienamente dell’impegno libero dei collaboratori. Questo approccio non disconosce le virtù dell’Economia di mercato: “Il mercato, se c'è fiducia reciproca e generalizzata, è l'istituzione economica che permette l'incontro tra le persone … ma il mercato, lasciato al solo principio dell'equivalenza di valore dei beni scambiati, non riesce a produrre quella coesione sociale di cui pure ha bisogno per ben funzionare” (Cin III-35)
Certamente questa convergenza delle libertà assumerà forme molto diverse a seconda delle culture, dei settori, dei progetti imprenditoriali : il management della gratuità, come l’amore, deve esistere negli atti più che nelle parole, ogni impresa, ogni progetto ha una propria personalità e deve trovare il proprio equilibrio tra regolazione e libertà, in quanto ha a che fare con contraddizioni spesso forti, a volte violente tra interessi divergenti.

Ma si tratta anche di un compito che ci è comune, che ci riunisce attorno a domande e attitudini comuni : compito permanente, da ricominciare ogni volta, fondato sulla reciprocità, la coerenza tra parole e atti, la tensione congiunta verso l’ambizione e l’umiltà.


Conclusione : Gratuità e organizzazione del mercato

L’enciclica apre allora in maniera più larga un vero e proprio laboratorio : quello di un’organizzazione del « mercato » tale da permettere di preservare la logica del dono, senza la quale la meccanica economica diventerebbe perversa. Essa respinge infatti  un modo di agire nel quale dei semplici meccanismi permetterebbero di fare l’economia della morale, della scelta saggia: “ L’esigenza di autonomia dell'economia, che non deve accettare “influenze” di carattere morale, ha spinto l'uomo ad abusare dello strumento economico.”(34) “ La sfera economica non è né eticamente neutrale né di sua natura disumana e antisociale.” (Cin III-36)
Questa strada apre una prospettiva se non contraria quantomeno “violentemente complementare” a una tendenza naturale per le nostre economie sviluppate : associare ad ogni problema nuovo, così come ad ogni riaffiorare di un problema già identificato, uno strato supplementare di controllo, senza misurare gli effetti anestetizzanti per le nostre libertà di questo aumento. Ricordiamoci, per limitarci al periodo più recente, delle risposte apportate alla crisi finanziaria e dei dibattiti aperti sulla crisi del debito pubblico europeo.
L’orientamento è chiaro, gli uomini e le donne devono impegnare insieme le proprie libertà, mentre sono indispensabili dei testimoni attivi della gratuità: “ Il mercato della gratuità non esiste e non si possono disporre per legge atteggiamenti gratuiti. Eppure sia il mercato sia la politica hanno bisogno di persone aperte al dono reciproco. ” (Cin III-39). Come mobilitare le energie attorno a questo compito, formare a questo bisogno, suscitare formatori dei formatori del « management » delle libertà ?
E’ importante sottolineare che l’Enciclica oppone un rifiuto categorico alla divisione del lavoro che viene più spesso rivendicata, tanto dagli imprenditori quanto dai politici: “è causa di gravi scompensi separare l'agire economico, a cui spetterebbe solo produrre ricchezza, da quello politico, a cui spetterebbe di perseguire la giustizia mediante la ridistribuzione.” (Cin III-36)
Si mette al contrario l’accento su una necessaria corresponsabilità, essendo le questioni economiche come quelle politiche troppo cruciali per poter essere lasciate al solo intervento di ciascuno degli attori economici  o politici separatamente. Ciò che viene richiesto è la loro cooperazione, insieme a quella della società civile : “ la necessità di un sistema a tre soggetti: il mercato, lo Stato e la società civile ; … la vita economica deve essere compresa come una realtà a più dimensioni: in tutte, in diversa misura e con modalità specifiche, deve essere presente l'aspetto della reciprocità fraterna. ” (Cin III-38)

 

Message du pape pour la rencontre à Sarajevo
Benoît XVI

Programme in English
PDF

PROGRAMME DES TRANSMISSIONS EN DIRECT

NOUVELLES EN RELATION
24 Janvier 2018
ROME, ITALIE

"La puissance de l'Eglise de Jésus est une force désarmée qui arrête le mal."


Prédication du pasteur Paolo Ricca pour la Semaine de Prière pour l'Unité des Chrétiens
IT | FR | HU
18 Octobre 2017

Un mois après la rencontre des religions à Münster, les Chemins de paix ont traversé quatre continents


Sur la photo, l'événement à Blantyre, Malawi. Voir les photos et vidéos des autres rencontres
IT | ES | DE | FR | RU
26 Septembre 2017
ABIDJAN, CÔTE-D'IVOIRE

Prière pour la paix en Côte d’Ivoire : la rencontre interreligieuse #PathsofPeace mise en œuvre par Sant’Egidio à Abidjan

IT | FR | HU
22 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

IT | EN | ES | FR | CA
15 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

En vidéo, les interventions de la table ronde "Faire la paix" à la rencontre internationale #PathsofPeace

IT | FR
14 Septembre 2017

Aux racines du terrorisme. VIDEO


#Pathsofpeace
IT | EN | FR
toutes les nouvelles connexes

FAITS MARQUANTS NEWS
2 Février 2018

D'Argentine au sanctuaire des martyrs de Saint-Barthélemy, les reliques des religieux tués en 1976


La prière a été présidée par Mgr Oscar Vicente Ojea, président de la Conférence épiscopale argentine
IT | ES | FR
1 Février 2018 | IRAK

Irak : inquiétude de Sant'Egidio devant le recours à la peine de mort

IT | ES | DE | FR
30 Janvier 2018 | PARIS, FRANCE

Bienvenue ! L'arrivée à Paris de 40 réfugiés syriens par les couloirs humanitaires ouverts en France

IT | ES | DE | FR | CA | ID

ASSOCIATED PRESS
23 Février 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Février 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Janvier 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Janvier 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Janvier 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tous les dossiers de presse

LIVRES
L'hiver le plus long



DDB
Le repas de Noël



DDB
catalogue

16/06/2019
Le jour du Seigneur

La prière chaque jour


Comment suivre l'événement
Sarajevo 2012

Si Ringrazia