change language
vous êtes dans: home - l'oecum...dialogue - rencontr...tionales - sarajevo 2012 newslettercontactslink

Soutenez la Communauté

  

Les arrivées des premiers couloirs humanitaires 2018 en Italie. La nouvelle phase du projet, devenu un modèle d'accueil et d'intégration pour l'Europe

"PAIX SUR TOUTES LES TERRES" : 1er janvier, une marche pour un monde qui sache accueillir et intégrer

Le premier jour de l'année nouvelle, manifestations sur tous les continents pour soutenir le message du pape François

De l'Indonésie au Salvador, de l'Allemagne au Mozambique, voici les nouvelles galeries d'images des repas de Noël de Sant'Egidio dans le monde

Des photos continuent d'affluer de tous les continents, regardez-les sur notre carte interactive!

Galerie de photos et vidéos du repas de Noël à Santa Maria in Trastevere

Visite virtuelle de la crèche de Sant'Egidio : Jésus accueilli par les pauvres, les malades, les sans logis et les hommes de toutes confessions

Sant'Egidio et la Muhammadiyah signent à Djakarta un nouvel accord pour la paix et le dialogue interreligieux

une délégation de la Communauté menée par Marco Impagliazzo se trouve en Indonésie

Sant'Egidio au conseil de sécurité de l'ONU pour un point sur la République centrafricaine

Mauro Garofalo : "Le succès de ce premier désarmement garantit la crédibilité de l'ensemble du processus en actes"

Donner à manger aux personnes âgées au Mozambique : distribuitions d'aides alimentaires aux plus pauvres dans la ville de Beira

Aidons les réfugiés rohingyas au Bangladesh

La Communauté de Sant’Egidio lance une collecte de fonds pour envoyer des aides dans les camps de réfugiés au Bangladesh, en collaboration avec l’Eglise locale

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

L'assemblée d'inauguration de la rencontre internationale Chemins de Paix

Chemins de 2017 : tout sur la rencontre internationale des religions du monde pour la paix

Le programme, les intervenants et les événements en direct streaming

Global friendship, #MoreYouthMorePeace : le message et l’engagement des Jeunes pour la paix à Barcelone

rendez-vous l’année prochaine à Rome !

 
version imprimable
11 Septembre 2012 09:30 | Catholic School Centre (Theatre Hall)

Contributo di Kirill


Kirill


Métropolite orthodoxe, Président du Département des Relations Extérieures, Patriarcat de Moscou

Eminenze, Eccellenze, Autorità, stimati partecipanti alla tavola rotonda, sono contento di salutare tutti voi!
Ringrazio chi  ha raccolto tutti noi qui, la Comunità di Sant’Egidio, che  porta la pace in diversi angoli del mondo attraverso l’attività caritativa, attraverso la chiamata del buon samaritano a essere prossimo a colui che sembrerebbe il più lontano e il più estraneo. In questo “sussurro di una brezza leggera” di compassione e di calore umano si percepisce in maniera particolare la Presenza di Dio. Tutti i partecipanti a questo convegno possono chiamarsi esperti nel campo dell’umanità, ma tuttavia proprio i cristiani adempiono nella società alla particolare missione perfino non di esperti, ma piuttosto di testimoni di umanità. Siamo testimoni di umanità con forza particolare, poiché il suo valore è radicato per noi nella divino-umanità di Gesù Cristo e la nostra concezione della dignità umana deriva dalla sua chiamata definitiva.


Nel mio intervento vorrei occuparmi di uno dei personaggi più brillanti della storia della Chiesa, il suo maestro san Basilio il Grande, arcivescovo di Cesarea in Cappadocia, perché teologizzando come nessun altro circa il mistero della Santa Trinità, attingeva da questo mistero le energie per il suo amore compassionevole verso i sofferenti. «Una creatura che ha ricevuto il comando di diventare Dio»: san Basilio il Grande definisce l’uomo proprio in questo modo. Dal punto di vista cristiano proprio questa dimensione verticale dà il senso a tutte le comunicazioni sociali orizzontali, mentre il mistero della realtà Trina come comunione basata sull’amore sacrificale diventa chiave di buone pratiche sociali.


E il contemporaneo di Basilio il Grande, sant’Atanasio di Alessandria, dice che l’uomo per grazia, cioè attraverso la compartecipazione, è chiamato a divenire in tutto quello che Dio è per Sua natura. Con la compartecipazione viene superato l’isolamento – parola-chiave con cui è possibile caratterizzare l’attuale società del consumo –, mentre la condizione di grazia è una condizione di apertura, in virtù della quale l’uomo è capace di essere in comunione con Dio. Nella Chiesa, che è l’Unità della grazia dello Spirito Santo, che vive nelle creature dotate di ragione (Chomjakov), l’isolamento si supera proprio come scrive Basilio il Grande nella preghiera del canone eucaristico della Divina Liturgia: “Unisci nella comunione dell’unico Spirito Santo noi tutti che ci comunichiamo all’unico pane e all’unico calice”. L’antica analogia dei rapporti degli uomini tra di loro e con Dio ai raggi di una ruota, che sono più vicini l’uno all’altro per la prossimità all’asse centrale dell’universo, descrive molto bene l’autentica socializzazione del cristiano nella società. La tradizione ascetica, fuga dal mondo per andare nel deserto, purificazione dalle passioni unita alla preghiera per tutto il mondo, acquisizione dello Spirito Santo (esichia e theosis) e successivo ritorno nel mondo – se c’è una nuova chiamata a questo – descrive la stessa pratica sociale dell’esicasmo. Il confine tra la contemplazione e l’azione si cancella, mentre l’unione di mente e cuore nella preghiera mentale dà all’uomo la possibilità di dimorare nell’autentico centro, permeando tutta la sua attività di energie divine.


Sembra incredibile, ma alcuni pongono alla base delle loro idee umanistiche la tesi della normatività della natura umana in qualunque sua situazione. Ciò è strano, poiché noi non possiamo non rilevare esempi del più profondo deterioramento morale che in nessun modo possono essere proposti come norme universali, e tanto più difese. Infatti, l’umanesimo laico non possiede i mezzi che potrebbero in modo univoco e indiscutibile separare i guasti della natura umana dalla sua norma, per cui è obbligato ad allargare continuamente le frontiere di ciò che è concesso, cominciando a difendere oggi quello che ieri era vergognoso.
In questa luce un ruolo particolare deve essere ricoperto dai cristiani – e lo ricoprono – e dalle tradizioni millenarie della più profonda conoscenza della natura umana che essi conservano. Il tesoro inestimabile dell’esperienza patristica – che deve divenire parte della vita di ciascun cristiano, e attraverso esso testimoniare la verità al mondo esterno – con la sua purezza disarmante distrugge la menzogna dell’umanesimo secolare che vuole prendere veramente dimensione planetaria.


Il metropolita di Smolensk e Kalingrad Kirill (oggi santo patriarca di Mosca e di tutte le Russie) in uno dei suoi interventi, nel 2003, osservò che «all’inizio del terzo millennio si innalza davanti all’umanità la minaccia di nuovi conflitti, la cui radice è la domanda sul potere nel mondo e la domanda sui valori». Secondo la sua opinione, in questo conflitto «le visioni liberali dell’individuo e della società si scontrano con le visioni radicate nelle culture e religioni tradizionali». È evidente il fatto che, per la società contemporanea, che può essere caratterizzata come una corsa sfrenata alle soddisfazioni e ai divertimenti –, i valori tradizionali cristiani hanno smesso di essere attuali.


Desiderando sviluppare un servizio esterno nella società, non dobbiamo dimenticare che non si aspettano da noi l’assunzione di funzioni di altri organismi sociali. Nonostante il fatto che viviamo in un’epoca di tecnologie di connessione sviluppate, non è così semplice «farsi tutto per tutti» e ancora più complicato «salvare almeno alcuni». Per questo occorre lo scintillio della vita eterna sui nostri volti.
Il trionfo dell’autentico umanesimo si raggiunge non imbracciando un’arma e perfino neanche con una parola giusta, ma con la vita cristiana di ciascuno di noi. L’unico esperto di autentico umanesimo è l’asceta, e tale deve essere chiunque porti il nome impegnativo di cristiano.

 

Message du pape pour la rencontre à Sarajevo
Benoît XVI

Programme in English
PDF

PROGRAMME DES TRANSMISSIONS EN DIRECT

NOUVELLES EN RELATION
24 Janvier 2018
ROME, ITALIE

"La puissance de l'Eglise de Jésus est une force désarmée qui arrête le mal."


Prédication du pasteur Paolo Ricca pour la Semaine de Prière pour l'Unité des Chrétiens
IT | FR | HU
18 Octobre 2017

Un mois après la rencontre des religions à Münster, les Chemins de paix ont traversé quatre continents


Sur la photo, l'événement à Blantyre, Malawi. Voir les photos et vidéos des autres rencontres
IT | ES | DE | FR | RU
26 Septembre 2017
ABIDJAN, CÔTE-D'IVOIRE

Prière pour la paix en Côte d’Ivoire : la rencontre interreligieuse #PathsofPeace mise en œuvre par Sant’Egidio à Abidjan

IT | FR | HU
22 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

IT | EN | ES | FR | CA
15 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

En vidéo, les interventions de la table ronde "Faire la paix" à la rencontre internationale #PathsofPeace

IT | FR
14 Septembre 2017

Aux racines du terrorisme. VIDEO


#Pathsofpeace
IT | EN | FR
toutes les nouvelles connexes

FAITS MARQUANTS NEWS
2 Février 2018

D'Argentine au sanctuaire des martyrs de Saint-Barthélemy, les reliques des religieux tués en 1976


La prière a été présidée par Mgr Oscar Vicente Ojea, président de la Conférence épiscopale argentine
IT | ES | FR
1 Février 2018 | IRAK

Irak : inquiétude de Sant'Egidio devant le recours à la peine de mort

IT | ES | DE | FR
30 Janvier 2018 | PARIS, FRANCE

Bienvenue ! L'arrivée à Paris de 40 réfugiés syriens par les couloirs humanitaires ouverts en France

IT | ES | DE | FR | CA | ID

ASSOCIATED PRESS
23 Février 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Février 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Janvier 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Janvier 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Janvier 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tous les dossiers de presse

LIVRES
L'hiver le plus long



DDB
Le repas de Noël



DDB
catalogue

21/05/2019
Prière avec Marie, mère du Seigneur

La prière chaque jour


Comment suivre l'événement
Sarajevo 2012

Si Ringrazia