change language
vous êtes dans: home - l'oecum...dialogue - rencontr...tionales - sarajevo 2012 newslettercontactslink

Soutenez la Communauté

  

Les arrivées des premiers couloirs humanitaires 2018 en Italie. La nouvelle phase du projet, devenu un modèle d'accueil et d'intégration pour l'Europe

"PAIX SUR TOUTES LES TERRES" : 1er janvier, une marche pour un monde qui sache accueillir et intégrer

Le premier jour de l'année nouvelle, manifestations sur tous les continents pour soutenir le message du pape François

De l'Indonésie au Salvador, de l'Allemagne au Mozambique, voici les nouvelles galeries d'images des repas de Noël de Sant'Egidio dans le monde

Des photos continuent d'affluer de tous les continents, regardez-les sur notre carte interactive!

Galerie de photos et vidéos du repas de Noël à Santa Maria in Trastevere

Visite virtuelle de la crèche de Sant'Egidio : Jésus accueilli par les pauvres, les malades, les sans logis et les hommes de toutes confessions

Sant'Egidio et la Muhammadiyah signent à Djakarta un nouvel accord pour la paix et le dialogue interreligieux

une délégation de la Communauté menée par Marco Impagliazzo se trouve en Indonésie

Sant'Egidio au conseil de sécurité de l'ONU pour un point sur la République centrafricaine

Mauro Garofalo : "Le succès de ce premier désarmement garantit la crédibilité de l'ensemble du processus en actes"

Donner à manger aux personnes âgées au Mozambique : distribuitions d'aides alimentaires aux plus pauvres dans la ville de Beira

Aidons les réfugiés rohingyas au Bangladesh

La Communauté de Sant’Egidio lance une collecte de fonds pour envoyer des aides dans les camps de réfugiés au Bangladesh, en collaboration avec l’Eglise locale

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

L'assemblée d'inauguration de la rencontre internationale Chemins de Paix

Chemins de 2017 : tout sur la rencontre internationale des religions du monde pour la paix

Le programme, les intervenants et les événements en direct streaming

Global friendship, #MoreYouthMorePeace : le message et l’engagement des Jeunes pour la paix à Barcelone

rendez-vous l’année prochaine à Rome !

 
version imprimable
10 Septembre 2012 16:30 | Mayor Seminar of Sarajevo (Hall Paul VI)

Cercare il Signore per trovare l’uomo



Jaron Engelmayer


Grand Rabbin, Israël

Dov’è il Signore?

Il rebbe di Kotzk chiese un giorno ai suoi discepoli dove si trovasse il Signore. Uno indicò in alto, verso il cielo, un altro fece notare che il Signore è ovunque. Quindi il rebbe Kotzke indicò il suo cuore e disse: “Il Signore è ovunque lo si lasci entrare…”

La domanda sul Signore, su dove si trovi e sulla Sua sostanza è molto antica, così antica come la religione ed il sentire religioso degli uomini, e quindi in un certo modo così antica come l’umanità stessa. Alle caratteristiche particolari dell’uomo appartiene la religiosità e quindi la ricerca di un Essere più alto, del Signore. Se ne potrebbe quindi desumere che uno dei compiti e delle questioni principali della religione sia proprio approfondire tale ricerca e dare delle risposte. Ma per quanto riguarda la fede ebraica sotto questo aspetto veniamo delusi. La Torah parla molto e spesso del Signore, ma se vogliamo apprendere qualcosa sulla sostanza del Signore restiamo con poche informazioni… In fondo la Torah parla sempre di quello che il Signore dice e di come agisce nel mondo, ma non del Signore stesso.

Questo non è casuale. Il rabbino Jehudah haLevi, grande maestro della Spagna del XI secolo e redattore della sua famosa opera filosofica “haKusari”, si pone questa domanda e constata: la Torah e la tradizione orale ci danno spesso un’immagine di cosa il Signore non sia! La “Torah hashlilah” – “l’insegnamento della negazione”, deve essere adottata anche nel caso di affermazioni positive sul Signore. Se la Torah afferma che il Signore è grande, ciò significa solo che Egli non è piccolo, perché cosa significa che il Signore è grande – anche un elefante e una balena sono grandi… Quando è detto che il Signore vive, ciò significa solo che Egli esiste e questo per escludere la supposizione opposta che Egli non esista.

La spiegazione di tutto ciò è filosoficamente chiara e semplice e deriva direttamente dai fondamenti della fede ebraica: il secondo e terzo dei tredici articoli di fede formulati da Maimonide recitano che c’è un solo Signore  ed è incorporeo. Maimonide spiega questo nella sua opera “More Newuchim”, “Guida dei confusi”, con il fatto che ogni essere corporeo o legato alla materia è limitato e divisibile, fatto che contraddice l’idea fondamentale del Signore. Il Signore sta al di sopra del mondo da lui creato delle sue leggi! Le leggi naturali si muovono nell’ambito della materia, la materia è relativa, il nostro mondo (in senso fisico) è relativo, il Signore invece è assoluto! Noi uomini non possiamo comprendere realmente l’assoluto, ma solo come negazione del relativo, fatto che spiega che i concetti che descrivono il Signore sono intesi solo per negare il relativo ed il limite.

Uomo dove sei?

In realtà la Torah non descrive il Signore ma l’uomo. Ma non com’è bensì come dovrebbe essere, come sarebbe secondo il significato che il Signore attribuisce al termine uomo. E proprio qui incontriamo il Signore. Lì dove l’uomo è uomo nel senso migliore e più nobile!

Il Signore si manifesta nel mondo a diversi livelli. Un livello è quello della creazione, della natura meravigliosa e delle sue leggi, talvolta nella rottura di tali leggi per operare dei miracoli. Un livello più alto della manifestazione del Signore si trova nella sostanza dell’uomo. L’uomo è stato creato a immagine del Signore, gli sono state date qualità divine che lo distanziano dall’intero mondo animale avvicinando e lasciando avvicinare il Signore, come constata il re Davide nei salmi: (capitolo 8) “Davvero l’hai fatto poco meno di un dio”. Qui non si intende naturalmente l’aspetto fisico ma l’anima. Il Talmud (Brachot 10a) spiega che l’anima assomiglia al Signore in cinque cose. L’anima completa l’uomo come il Signore fa con il mondo, essa vede e può non essere vista, così come il Signore, e ricolma l’uomo interamente di vita, così come il Signore fa con il mondo. L’anima proviene direttamente dal Signore ed è stata soffiata dal Signore nell’uomo, così come si legge nella storia della creazione. Solo quando l’uomo prende coscienza delle sue possibilità divine e attinge profondamente da questo potenziale, se l’anima brilla in lui e riluce all’esterno, solo allora egli rende giustizia della sua vocazione: “ad immagine del Signore”.

La Torah ci dà l’indicazione di aggrapparci al Signore (5 Libro Mosè 4,4). Qui il Talmud pone la domanda giustificata (Ketuwot 111b), di come sia possibile aggrapparsi al Signore, visto che Egli è simile ad un fuoco che consuma (5 Libro Mosè 4,24)? I saggi spiegano che si intende: “devi camminare nelle sue vie – così come Lui è misericordioso, sii anche tu misericordioso, così com’è pietoso anche tu devi esserlo…” Il Signore viene descritto con 13 caratteristiche che in questo tempo, nella settimana prima di Rosh Hashanah, l’anno nuovo ebraico, citiamo ogni giorno nelle preghiere di Slichot (2 Libro Mosè 34,6-7). “Il Signore eterno, pieno di misericordia, pietoso, paziente, pieno di bontà e verità…” Gli attributi del Signore vengono descritti affinché noi uomini li prendiamo ad esempio e li assumiamo! Se siamo benevolenti, pazienti, premurosi e generosi con il prossimo allora siamo molto vicini al Signore! Allora seguiamo la Sua via, ci leghiamo alle Sue qualità – ci aggrappiamo a lui!

A partire da alcune affermazioni dell’insegnamento orale, della Mishnah e del Talmud possiamo sostenere questa tesi audace. Così il rabbino Chaninah ben Dosa parla nei detti dei padri (Capitolo 3, Mishnah 13) di come riconoscere in modo inconfondibile se il Signore è contento degli uomini: “Chi piace agli uomini di costui si compiace il Signore. Ma chi dispiace agli uomini, dispiace anche al Signore!” Anche il grande maestro della Mishnah Hillel descrive la religione ebraica in modo interessante nella famosa storia in cui doveva insegnare l’intero ebraismo, stando su una gamba sola, ad uno che si voleva convertire (bab. Talmud Shabbat 31a): “ciò che non vuoi sia fatto a te, non farlo ad altri – questa è l’intera Torah! Tutto il resto è solo una spiegazione di questo; vai e impara!” Non è un caso che i dieci comandamenti siano su due tavole: cinque comandamenti su una tavola trattano del rapporto tra gli uomini e il Signore, e gli altri cinque, sull’altra tavola, parlano del rapporto dell’uomo con il suo prossimo, che ha gli stessi diritti. Perché solo quando l’uomo incontra il suo prossimo, lì dove lo lascia entrare nel suo cuore e si unisce realmente e spiritualmente a lui; lì c’è anche il Signore!

Message du pape pour la rencontre à Sarajevo
Benoît XVI

Programme in English
PDF

PROGRAMME DES TRANSMISSIONS EN DIRECT

NOUVELLES EN RELATION
24 Janvier 2018
ROME, ITALIE

"La puissance de l'Eglise de Jésus est une force désarmée qui arrête le mal."


Prédication du pasteur Paolo Ricca pour la Semaine de Prière pour l'Unité des Chrétiens
IT | FR | HU
18 Octobre 2017

Un mois après la rencontre des religions à Münster, les Chemins de paix ont traversé quatre continents


Sur la photo, l'événement à Blantyre, Malawi. Voir les photos et vidéos des autres rencontres
IT | ES | DE | FR | RU
26 Septembre 2017
ABIDJAN, CÔTE-D'IVOIRE

Prière pour la paix en Côte d’Ivoire : la rencontre interreligieuse #PathsofPeace mise en œuvre par Sant’Egidio à Abidjan

IT | FR | HU
22 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

IT | EN | ES | FR | CA
15 Septembre 2017
MÜNSTER, ALLEMAGNE

En vidéo, les interventions de la table ronde "Faire la paix" à la rencontre internationale #PathsofPeace

IT | FR
14 Septembre 2017

Aux racines du terrorisme. VIDEO


#Pathsofpeace
IT | EN | FR
toutes les nouvelles connexes

FAITS MARQUANTS NEWS
2 Février 2018

D'Argentine au sanctuaire des martyrs de Saint-Barthélemy, les reliques des religieux tués en 1976


La prière a été présidée par Mgr Oscar Vicente Ojea, président de la Conférence épiscopale argentine
IT | ES | FR
1 Février 2018 | IRAK

Irak : inquiétude de Sant'Egidio devant le recours à la peine de mort

IT | ES | DE | FR
30 Janvier 2018 | PARIS, FRANCE

Bienvenue ! L'arrivée à Paris de 40 réfugiés syriens par les couloirs humanitaires ouverts en France

IT | ES | DE | FR | CA | ID

ASSOCIATED PRESS
23 Février 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Février 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Janvier 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Janvier 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Janvier 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tous les dossiers de presse

LIVRES
L'hiver le plus long



DDB
Le repas de Noël



DDB
catalogue

22/05/2019
Prière avec les Saints

La prière chaque jour


Comment suivre l'événement
Sarajevo 2012

Si Ringrazia