change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano

 
versione stampabile

Muslim Madresa (Gazi Husrev-begova medresa)


Sarajevo

  Scarica la mappa con i luoghi di Sarajevo >

Gazi Husrev-begova Džamija, SarajevoThe Gazi Husrev-beg Mosque (Bosnian: Gazi Husrev-begova Džamija, Turkish: Gazi Hüsrev Bey Camii), is a mosque in the city of Sarajevo, Bosnia and Herzegovina. It is considered the most important Islamic structure in the country and one of the world's finest examples of Ottoman architecture. It is located in the Baščaršija neighborhood in the Stari Grad municipality, and remains one of the most popular centers of worship in the city.

 
History 
 
The Gazi Husrev-beg Mosque was built by the famous Ottoman architect Mimar Sinan, who would later go on to build the Selimiye Mosque in Edirne for the Sultan Selim I. The mosque was financed in 1531 by Gazi Husrev-beg, the provincial governor of Bosnia. Gazi Husrev-beg is widely considered Sarajevo's greatest patron, as he financed much of Sarajevo's old city at this time.

Magnificent stalactite ornamentation in the angles under the dome and in the place where the imam leads the prayers, as well as other polychromatic decoration, valuable carpets and the light effects through the 51 windows produces a sense of greater space than there is in reality. At every time of prayer in this mosque, the great benefactor Gazi Husrev-beg is remembered.

In his legacy, he stated: "Good deeds drive away evil, and one of the most worthy of good deeds is the act of charity, and the most worthy act of charity is one which lasts forever. Of all charitable deeds, the most beautiful is one that continually renews itself."

Gazi Husrev-beg also built the same mosque called Hüsreviye Mosque in Aleppo, Syria, between 1531 and 

Destruction and reconstruction

During the Siege of Sarajevo, Serbian forces purposely targeted many centers of the city's culture, such as museums, libraries, and mosques, and fired on them generally. As the largest and best known, the Beg's mosque was an obvious target.

Heavily damaged in the war, it was renovated in 1996 with foreign help. Haverford College Professor Michael A. Sells has accused the renovators (whose money came in large part from Saudi Arabia) of Wahhabism in the mosque. Prior to reconstruction, the interior was far more intricate, but today the walls are simply white, much of the detail, artistry, and color taken out. Complete restoration and re-painting of the mosque began in 2000. It has been done mainly by Hazim Numanagić, a Bosnian calligrapher.
da Wikipedia

SARAJEVO 2012 Religioni e Culture: Dialogo e Pace

PANEL 5 - Mediterraneo, lo spazio dell'incontro


10 Settembre 2012 09:30 programma 

PANEL 15 - La gratuità nel mondo-mercato


10 Settembre 2012 16:30 programma 

PANEL 24
Il valore della vita


11 Settembre 2012 09:30 programma 

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
24 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti


Nella foto l'evento a Blantyre, Malawi. Guarda foto e video di tutti gli altri
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Febbraio 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Gennaio 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Gennaio 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
Andrea Riccardi - Tutto può cambiare



San Paolo
altri libri

15/10/2019
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia