change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano

 
versione stampabile
9 Settembre 2012 17:00 | Skenderjia, Main Hall

Crisi e speranza nel mondo della globalizzazione



Mario Monti


Presidente del Consiglio dei Ministri, Italia

Sono molto onorato di essere oggi qui a Sarajevo per questo Incontro dal titolo assai significativo "Vivere insieme è il futuro". Un titolo che richiama fortemente lo "Spirito di Assisi", il convergere di uomini e donne di fedi e culture diverse alla ricerca della pace e del vivere insieme.

Assisi, grazie all'iniziativa voluta, come ha ricordato Andrea Riccardi, da Giovanni Paolo II, fu per un giorno nell'ottobre 1986, la capitale mondiale della pace. Ricordiamo tutti quella giornata con piacere, soddisfazione ed emozione, perché fu una vera e propria intuizione profetica che ha dato importanti frutti. Credo sia molto importante riandare a momenti che lasciano il segno nella storia del soprassalto dell’ unione rispetto alla disunione come fu quel momento.

Voglio quindi rendere omaggio alla Comunità di Sant’Egidio, questo faro nel mondo che rende l’Italia orgogliosa di esserne sede, al ministro Andrea Riccardi, al Presidente Marco Impagliazzo, per la fedeltà e la tenacia con cui la Comunità ha proseguito questo cammino e tenuto vivo nel tempo questo Spirito.
 Ricordo anche che l'Accordo di pace per il Mozambico, firmato a Roma esattamente venti anni fa, a cui Sant'Egidio ha dato un decisivo contributo, ha mosso i suoi primi passi proprio in uno di questi Incontri di pace.
 
In questi anni abbiamo compreso meglio quanto le religioni siano tornate a essere una realtà importante per la coesione sociale e per la pace del mondo. La crescente globalizzazione ci pone infatti di fronte a scenari e a sfide sempre nuovi, tra le quali vedo ai primi posti la sfida dell'imparare a costruire una società che viva e si alimenti delle diversità che la globalizzazione ci impone, per divenire più unita, più ricca e più solidale.

Nella nostra Europa i Balcani sono da sempre il luogo della mescolanza tra popoli, culture e religioni. Questa regione è sempre stata la faglia dove genti diverse si sono incontrate, con le loro tradizioni, le loro contraddizioni, i loro scontri ma anche la loro voglia di vivere in pace. Qui più che in altri luoghi d'Europa, si gioca la capacità dell'uomo di vivere insieme con il suo simile, anche se appare così diverso da lui. Per questo i Balcani sono luogo e simbolo della sofferenza, della difficoltà e della necessità dell'incontro.

E' per me quindi motivo di grande emozione essere qui, a Sarajevo, cuore dei Balcani, città globalizzata prima della globalizzazione, città ferita, dove il secolo scorso è cominciato e finito. Mai forse come in questa città il titolo dell'incontro - "Vivere insieme è il futuro" - mi sembra giustificato. Qui nei Balcani, come nel resto d'Europa, e negli altri Continenti di questo pianeta, che la globalizzazione rende sempre più piccolo, vivere insieme nella pace esprime una speranza di cui il mondo ha bisogno.

I tempi che stiamo vivendo sono tempi di crisi e non solo economico finanziaria. Si tratta di una crisi più profonda di quanto si possa pensare, che mina le basi di quell'umanesimo attorno al quale è nata e si è sviluppata la costruzione europea.

Esaminiamone infatti, anche solo per grandissime linee, l'evoluzione. Vediamo come, popoli e nazioni che hanno deciso di mettere in comune capacità, risorse  e conoscenze, per fondare una società nella quale fosse impossibile ripetere gli errori tragici del passato, siano arrivati al punto più alto del percorso di integrazione, esprimendo un mercato unico e un'unica moneta, per poi sembrare aver smarrito - mi auguro solo temporaneamente - il senso del loro agire insieme che rappresenta il pinnacolo di una costruzione gotica.

Così l'Euro, che rappresenta un fattore unificante da preservare, ha rischiato di divenire fonte di nuove divisioni, o di nuove linee di frattura, in Europa. Il senso profondo dell'azione che a livello europeo si sta compiendo non è quindi solo quello della ricerca di soluzioni tecnico politiche, ma è prima di tutto quello di uno sforzo teso a recuperare quel comune sentire, basato sui grandi valori positivi della tradizione europea, solidarietà, tolleranza, ricerca del bene comune. Questi valori devono caratterizzare il nostro agire se vogliamo che il nostro continente continui ad essere un pilastro di civiltà.
In questo senso l'Europa potrà vivere la globalizzazione, non solo senza paura, ma anzi come un'opportunità, per tornare ad occupare un posto di primo piano sulla scena mondiale.

Sono questi i valori, ed è questo lo spirito che spesso cerco nelle grandi riunioni internazionali che oggi abbondano. Oggi, qui a Sarajevo, è molto evidente, si vive e si respira. Sono consapevole del significato straordinario che riveste questo Incontro, riuniendo musulmani, cristiani ortodossi, cattolici ed ebrei della Bosnia Erzegovina. Saluto con deferenza Sua Santità il Patriarca Irenej, nonché il Gran Muftì Mustafà Ceric, il Cardinal Vinko Puljic e il Presidente della Comunità Ebraica Finzi.

Nei vostri incontri si sviluppa una vera cultura della globalizzazione positiva, che è poi l'arte del vivere insieme. In questo senso, voi, uomini e donne di religione e di cultura, date a tutti noi speranza.

Come vi diceva Benedetto XVI l'anno scorso, a Monaco di Baviera, "il vivere insieme può trasformarsi in un vivere gli uni contro gli altri, può diventare un inferno, se non impariamo ad accoglierci gli uni gli altri, se ognuno non vuole essere altro che se stesso. Ma aprirsi agli altri, offrirsi agli altri, può essere anche un dono". Queste parole danno a tutti noi la speranza di poter costruire un’ alleanza tra persone di buona volontà anche se di cultura, etnia e tradizione diverse, con l'obiettivo di poter tutti collaborare ad un mondo migliore, in cui la pacifica convivenza non sia un miraggio. E' una costruzione difficile che necessita di tempi lunghi e della volontà di cercare soluzioni a sfide e a questioni complesse. E' un obiettivo che richiede quella pazienza, quella tenacia che molte volte proprio voi, uomini di religione, testimoniate.

Anche l'immagine di questo incontro di oggi, che richiama alla bellezza del vivere insieme, non è frutto di una combinazione o di un attimo di grazia, ma di un lavoro pazientemente costruito negli anni. E' un'immagine che trasmette contenuti importanti, soprattutto per i giovani ai quali dobbiamo dare la speranza, di un mondo migliore. Ed è bene, è necessario riandare nel tempo ai momenti vicini lontani lontanissimi che hanno segnato il prevalere dell’integrazione rispetto alla disgregazione, dell’armonia rispetto al conflitto, della tolleranza rispetto all’intolleranza.

Ringrazio moltissimo ancora una volta di questo invito la Comunità di Sant'Egidio, anche per avermi dato la possibilità di visitare questa bellissima città, capitale di un Paese al quale ci sentiamo molto vicini.

Combattere la crisi non è semplice, lo abbiamo visto in questi mesi. Ne ho fatto esperienza diretta io stesso, in questo periodo di governo della politica nazionale e di impegno nelle sedi europee. La questione non è soltanto quella di mettere a posto i bilanci pubblici, ma di risvegliare nel Paese una voglia di crescere, di ottimismo e di fiducia nel futuro. Credo che sia particolarmente importante che anche nel cercare di risolvere le crisi troviamo formule e modalità che ci uniscano anziché dividerci. Sono un uomo dell'economia, ma posso testimoniare che anche nel campo economico, si sente il bisogno di sconfiggere ogni visione particolaristica e rassegnata, per acquisire una visione comune del futuro.

Grazie

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
24 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti


Nella foto l'evento a Blantyre, Malawi. Guarda foto e video di tutti gli altri
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Febbraio 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Gennaio 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Gennaio 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
Andrea Riccardi - Tutto può cambiare



San Paolo
altri libri

20/03/2019
Preghiera con i Santi

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia