change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 07:30 | Muslim Madresa (Gazi Husrev-begova medresa)

intervento di Antonio Ferrari



Antonio Ferrari


"Corriere della Sera", Italia

Caro Enric Juliana,

permettimi di rivolgermi a te per cominciare questo mio breve intervento sul nostro amato Mediterraneo. Sì, il sogno di ritrovarci tutti, sponda nord e sponda sud, a parlare del Mare Nostro, a dirci con franchezza che cosa dobbiamo fare per crescere e migliorarci, e quali sono gli errori da evitare, è nato proprio nella tua Barcellona.

   Dopo un primo fondamentale appuntamento spagnolo a Madrid, alla fine del 1991, quando per la prima volta si ritrovarono, attorno a un tavolo, nemici giurati ma volonterosi e desiderosi di conoscersi, dando corpo finalmente a quel processo di pace sul Medio Oriente che allora sembrava possibile-un sogno realizzabile, appunto- e che oggi è come svanito, venne appunto dalla tua Barcellona. La conferenza multilaterale era il sigillo di una nuova speranza. Una speranza poliedrica: rafforzare l'Unione europea dando corpo, voce e autorevolezza al suo Meridione; avvicinare le due sponde del Mediterraneo nel nome dell'amicizia, del dialogo, della collaborazione, della cooperazione; cercare i tratti fondamentali di una storia comune, che per secoli abbiamo condiviso; alimentare ed esaltare una solida e comune cultura, pur riconoscendone e rispettandone le differenti espressioni.

    Era bello, amici, non soltanto sognare in grande, ma sapere che il sogno-progetto stava davvero diventando realtà. Un grande intellettuale Predrag Matvejevic, che è nato non lontano da qui, nella vostra dolce Mostar, da madre di etnia croata e da padre russo, ha esaltato il Mediterraneo, luogo di incontro e di incontri, con rara maestria. E con una passione straordinaria ha cercato di raccontare in un libro la storia ge-opoetica del nostro Mare. Il libro s'intitola  "Breviario Mediterraneo". Passai una serata con Predrag, a Napoli, durante una conferenza sul Medio Oriente e per tutta la sera, durante una cena che speravo non finisse mai, mi parlò dettagliatamente del nuovo libro che stava per scrivere, e che ha un titolo struggente: "Pane nostro". Sì, proprio il nostro irrinunciabile alimento, perchè sono tanti i pani che si preparano ogni giorno nei forni delle città e dei villaggi, insomma in tutti i Paesi che si affacciano sul nostro Mare. E ogni tipo di pane ha la sua storia, la sua cultura, la sua grandezza, il suo dettare i ritmi vitali di ogni popolo.

    Credo di aver visitato quasi tutti i paesi del Mediterraneo, cercando di comprendere la loro storia e soprattutto i differenti caratteri della gente, accostandone e magari annodandone i comuni destini. Probabilmente non ci sono riuscito, anche perchè l'obiettivo era troppo ambizioso. Trovare insomma, al di là degli egoismi nazionali, delle differenze ambientali, un convincente comune denominatore tra tanti Paesi. Eppure quel comune denominatore esiste. Ne sono sicuro. Il Pane di Matvejevic me ne ha offerto un esempio. Ma ve ne sono sicuramente molti altri. A volte penso che le promesse di Barcellona, vent'anni dopo, non siano state lanciate invano. Probabilmente, allora vennero vissute sull'onda dell'entusiasmo, che qualche volta non è buon consigliere. Oggi, che tutto è più difficile, oggi che abbiamo una crisi economica che obbliga noi della sponda nord a rinunciare a una parte dei nostri privilegi e i popoli della sponda sud del Mediterraneo a soffrire ancor più per la diminuzione degli aiuti della cooperazione, oggi- come dicevo- potrebbe essere persino più facile guardarci negli occhi e- nel nome di una nuova solidarietà e con rocciosa volontà-riprovarci. Con serenità, senza presunzione, anche perchè tutti-chi più chi meno-siamo diventati più poveri.

   Nel sud del Mediterraneo sono nate le tre grande religioni monoteiste. Qui è nata la grande civiltà greco-romana, che in realtà, come scriveva Spengler, è l'unica rimasta, in attesa ovviamente di quelle future. Sto parlando di civiltà ovviamente, non di culture.

 A volte penso a cosa sarebbe diventato il sud dell'Europa, se nell'Unione -con lungimiranza-fosse stata accolta la Turchia, come tanti di noi speravano. Lungimiranza, dicevo, perchè una Turchia membro effettivo dellUnione europea ci avrebbe indubbiamente arricchito e avrebbe consentito di bilanciare molti egoismi nazionali, e qualche cecità. La Turchia ci avrebbe aiutato insomma a contenere, nel nuovo equilibrio che si sarebbe creato, quella che a volte percepiamo come l'arroganza del nord-Europa.

 

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
5 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
30 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
27 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
23 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
23 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
17 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti


Nella foto l'evento a Blantyre, Malawi. Guarda foto e video di tutti gli altri
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
6 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
6 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
6 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
22 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
31 Gennaio 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
29 Gennaio 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
25 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
14 Gennaio 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
Andrea Riccardi - Tutto può cambiare



San Paolo
altri libri


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia