change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 09:30 | Muslim Madresa (Gazi Husrev-begova medresa)

Contributo di Jean Claude Petit



Jean-Claude Petit


Giornalista e scrittore, Francia

Signore e Signori, Cari amici,

 

Interrogarsi sul Mediterraneo come spazio di incontro è, in qualche modo, come avventurarsi a nuoto tra storia ed utopia. Esercizio pericoloso per antonomasia. Anche lo stesso grande filosofo francese Edgar Morin, non dice forse che il Mediterraneo è, cito, “un concetto complesso”? Ma questo è il nostro destino oggi: ci viene chiesto di tuffarci e di cominciare a nuotare a nostra volta. Io lo farò in tre momenti. Inizierò tra poco spiegando che a mio avviso il Mediterraneo non è, -e senza dubbio, non è mai stato il luogo d'incontro dei nostri sogni. Mi chiederò poi contro quali ostacoli si scontra questo sogno e concluderò precisando le condizioni grazie alle quali, a mio parere, questo sogno potrebbe diventare realtà!

 

Andiamo subito, se voi volete, al primo tempo della nuotata nelle acque tumultuose della storia e dell’attualità mediterranee. Il Mediterraneo, ricordiamolo, non è solamente il “mare nostrum” dell’epoca romana. Non è più solamente la "culla della civiltà", di cui noi siamo i fortunati eredi. Il Mediterraneo, infatti, è anche la "madre", la nostra madre, colei che ha generato una parte importante della nostra storia europea, che ha portato con sė, tra le altre cose, la filosofia greca, il diritto romano, i tre monoteismi. Scusate se ė poco! Fornitore di tanta ricchezza, padre di tanti valori, non è sorprendente che questo sia ancora oggi l'oggetto del nostro sogno e che di fronte a esso si impossessi di noi come una nostalgia dell’infanzia che rende belle tutte le cose.

 

Non sono io che dico questo, ma i grandi scrittori di Francia, ciascuno a suo modo, Paul Valéry nel suo Inspirations méditerranéennes, Albert Camus con L’école d’Alger, Fernand Braudel, che ne ha fatto un "personaggio storico". Senza dimenticare La Méditerranée imaginaire. dei Nerval, Lamartine o Flaubert la creazione "d’Andalousies»" voluta da Jacques Berque e neppure l’italiano Franco Cassano e il suo "Pensiero meridiano". Un sorprendente paradosso dunque: assieme ad una parte vitale della nostra storia, il Mediterraneo continua ad essere un nostro sogno. Di colpo, trasportati dalla nostra immaginazione, dimentichiamo troppo facilmente che esso porta il meglio ed il peggio, ancora oggi come durante la sua lunga avventura.

 

Da qui il saggio consiglio che ci dona Jacques Huntzinger, segretario generale dei Laboratori Culturali del Mediterraneo, inagurati dalle autorità francesi in risposta all'11 settembre 2001: "Il desiderio del Mediterraneo, scrive Jacques Huntzinger, deve essere confrontato con la realtà. Mediterraneo vero non è forse l'area del razzismo crescente, della xenofobia, delle paure, delle esclusioni? Noi vorremmo così tanto che il Mediterraneo fosse mediterraneo! "(1)" Concetto complesso, "ci riporta l’eco di Edgar Morin.

Se il realismo deve prevalere, esso non deve, necessariamente, uccidere l’utopia della quale il nostro desiderio di Mediterraneo è il vettore. Al contrario, il realismo deve portarci ad identificare gli ostacoli che, oggi più mai, rendono difficile fare del Mediterraneo uno spazio vero e durevole di incontro. Evocherò i quattro principali ostacoli:

 

Il primo di essi ė quello che il nostro amico Professor Andrea Riccardi ha chiamato “lo spirito del tempo”. Lo spirito del tempo, lo cito “è credere che uno si salvi da solo e che essere solo non sia poi così male.” Egli aggiunge: “Tuttavia, non si scherza con lo spirito del tempo del quale lo stesso Jung ha scritto che è una religione… a carattere irrazionale, ma che ha la capacità di affermarsi come criterio di verità e che pretende di avere in sė tutta la razionalità .”Lo spirito del tempo, in altre parole, assomiglia all’oblio per non dire alla negazione delle solidarietà umane indispensabili alla costruzione di un mondo vivibile. Il Mediterraneo non è meno immune da questo veleno del resto del mondo, particolarmente ma non esclusivamente sulla sua riva settentrionale.

 

Un secondo ostacolo, legato al precedente, è quello che descriveva Edgar Morin, nel 1998, durante il Convegno Unesco di Agrigento.

 

La crisi mondiale raggiunge pienamente il mare delle grandi civiltà. "Il Mare Mediterraneo che fu mare matriciale è divenuto vuoto, ha scritto il filosofo. Il mare è divenuto frontiera. Le nazioni che si sono sviluppate a nord e ad sud di questo mare hanno generato nazionalismi, le pulizie etniche, la decocosmopolitizzazione  delle grandi città come Istanbul, Beirut, Alessandria. Il nazionale, poi “religione nazionale” hanno ucciso l’umanesimo mediterraneo. Il Mediterraneo racchiude in sé la crisi di tutto il mondo, vivendo la sua crisi particolare”. (2)

 

Il terzo ostacolo deriva dalla globalizzazione in corso. Poiché la globalizzazione  fa paura, a ragione delle mutazioni che essa provoca  e spesso delle disuguaglianze che suscita, essa si accompagna, sempre più, ad una tendenza all’uniformità ed in cambio  provoca una tensione identitaria. Questa a sua volta, tende, contrariamente alle apparenze, a rispettare sempre meno le diversità delle culture, questa diversità costituisce uno dei geni caratteristici del Mediterraneo.

 

Il quarto ostacolo, infine, se confermato,consisterebbe nella fretta delle politiche europee di voler fare dello spazio mediterraneo l’Europa del sud, specialmente uno spazio economico e finanziario, a dispetto della sua identità culturale. Tuttavia, anche Edgar Morin mette in guardia: " È di un doppio movimento di cui il Mediterraneo, troppo vecchio e troppo nuovo allo stesso tempo, ha bisogno per divenire lo spazio che lo spazio di incontri che noi sognamo. Vale a dire la mediterranizzazione dell’Europa e l'europeizzazione del Mediterraneo.”

 

Questi ostacoli sono insormontabili? Sì se si accetta una premessa e se si realizzano due condizioni ai miei occhi essenziali. La premessa, si comprenderà, è innanzitutto accettare di entrare  nella complessità dello spazio mediterraneo. “Il Mediterraneo, scrive Edgar Morin, è sempre stato di volta in volta, scambio e conquista, dominazione e dialogo, relazione e scontro, polifonia e cacofonia. Poiché le sue decisioni e le sue differenze sono troppo pesanti  e vi permangono nonostante gli elementi di patrimonio comune e identità. Essere Mediterraneo è innanzitutto accettare questa complessità. Non è sognare e camminare a piedi.» (3)

 

La prima delle due condizioni essenziali è che l’Europa veglia finalmente e si doti dei mezzi culturali per avere a che fare col suo Sud e che accetti anche di cambiare il suo sguardo ed il suo rapporto con l’Islam. Ma bisogna anche che il mondo mediterraneo, caratterizzato in prevalenza dall’Islam, accetti e si doti dei mezzi per universalizzarsi. "Ciascuno, scrive ancora Jacques Huntzinger, deve un po’ togliere se stesso dal centro e affrontare la complessità." (4)

 

Ma, ed è la seconda condizione maggiore, questo suppone che il religioso ed il politico, che costituiscono le due maggiori forze della vita delle società, nel Mediterraneo come altrove, si decidano finalmente ad essere complici invece che nemici nell’arte del servizio all’umanità, che è la loro missione comune all’interno di registri differenti. Orbene i conflitti che si intensificano sotto i nostri occhi di spettatori volontariamente impotenti e i loro cortei di vittime innocenti ci mostrano ahimè il contrario: la bussola comune che dovrebbero utilizzare, ciascuno nel  proprio campo, religione e politica, non ha sempre ritrovato la giusta direzione: quella del bene comune e dell’incontro multidimensionale tra gli esseri umani. È urgente –per i cittadini europei e mediterranei- e fra loro tutti i credenti di appellarsi a queste due istanze capitali attraverso iniziative pubbliche. Di fronte ad uno spirito dei tempi sempre più devastante, noi non abbiamo altra scelta che aprirci al rispetto delle diversità culturali e religiose e moltiplicare tutti i tipi di solidarietà  tra le due rive del Mediterraneo. Lo sviluppo di un vero spazio di incontro è a questo prezzo.

 


1)       Il etait une fois la Méditerranée, Jacques Huntzinger, CNRS, 2010, p.38

 

2)       idem, p.34

3)       idem, p.39

4)       idem, p.40

 

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
24 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti


Nella foto l'evento a Blantyre, Malawi. Guarda foto e video di tutti gli altri
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
1 Febbraio 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
30 Gennaio 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
26 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
15 Gennaio 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
Andrea Riccardi - Tutto può cambiare



San Paolo
altri libri

21/10/2019
Preghiera per la pace

Preghiera ogni giorno


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia