change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - sarajevo...o e pace newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Liturgia di ringraziamento per il 50mo anniversario della Comunità di Sant'Egidio

10 febbraio, ore 17,30 Basilica di San Giovanni in Laterano

 
versione stampabile
10 Settembre 2012 07:30 | Islamic Faculty Hall (Fakultet islamskih nauka)

Contributo di Siluan



Siluan


Vescovo ortodosso, Patriarcato di Romania

I due temi contenuti nel titolo di questa sessione sono questioni di grande importanza per la Chiesa di ciascuno di noi, ma in generale penso che siano importanti per ogni persona che vive su questo pianeta, e allo stesso tempo, dal punto di vista ortodosso, vi è tra di essi una stretta connessione e un’influenza reciproca.
Senza la pace, gli uomini, le comunità locali tra loro e anche certi popoli possono essere in conflitto o in guerra, e questo è qualcosa di profondamente sbagliato e dannoso, sia a livello personale (per le conseguenze della guerra propriamente detta, e in molti casi tali conseguenze portate all’estremo causano la morte di coloro che sono coinvolti nella guerra), che a livello comunitario (una comunità che perde alcuni dei suoi membri è più povera da tutti i punti di vista). Conosciamo tutti le conseguenze negative e indesiderate della guerra.
D'altra parte, uno dei ruoli più importanti della Chiesa è quello di aiutare la pacificazione dell'uomo, la riconciliazione di questo con Dio e con se stesso. Nella tradizione filocalica ortodossa tra i numerosi pensieri ricchi di saggezza, vi è il seguente: siate in pace con la vostra anima e allora cielo e terra saranno in pace con voi (S. Isacco il Siro, Filocalia, Volume 10).
Uno dei modi più importanti in cui l'uomo può giungere a questa pace interiore è il Mistero della Confessione, che è pratica comune nella tradizione ortodossa di oggi, come anche in altre Chiese cristiane: l'uomo riconosce e confessa i suoi peccati e le sue mancanze davanti al suo confessore e davanti a Dio, e questa confessione di per sé, seguita dalla preghiera del confessore, restituisce al penitente la pace nell'anima. Dopo la confessione (di solito, se il penitente non ha grandi peccati) segue la comunione con il Corpo e il Sangue di Cristo, somministrati al penitente per la guarigione, il beneficio e la santificazione dell’anima e del corpo, per la pacificazione delle forze dell'anima, per la remissione dei peccati, e per ottenere il regno dei cieli e la vita eterna dal Signore Gesù Cristo, che è "la nostra pace" (Ef 2, 14) (lo troviamo nella prima preghiera di ringraziamento, dopo la santa Comunione, ma anche in altre preghiere che si trovano nel canone della Santa Comunione e appartengono a San Basilio il Grande).
Anche se l'epoca in cui viviamo è caratterizzata dalla velocità e la mancanza di tempo è sentita come un grave problema, la preoccupazione per la preghiera, preoccupazione centrale nella vita della Chiesa, è fondamentale affinché l'uomo possa davvero affermare la propria identità cristiana. Chi non prega non può dire di essere un vero credente, perché la preghiera è uno dei metodi più naturali e necessari di comunicazione con il Dio invisibile.
Nella Chiesa ortodossa parliamo di preghiera personale, che può essere basata su un modello, cioè una forma fissa di espressione (e intendiamo quella del libro chiamato Liturgia delle Ore, Horologion, o di altri libri di preghiera), oppure potrebbe rivestirsi di un aspetto personale in base alle esigenze di coloro che pregano. Parliamo anche della preghiera comune o pubblica (le preghiere che hanno luogo in una chiesa, in presenza di un prete e della moltitudine dei fedeli) e che ha inoltre un ruolo molto importante nella vita del singolo e della comunità. Ognuna delle preghiere denominate "Sette Lodi" (preghiere ben strutturate che si fanno in diversi momenti della giornata) ha un suo valore, ma crediamo che la più importante di tutte sia la Divina Liturgia che ci pone in contatto diretto e personale con il nostro Salvatore Gesù Cristo.
Nella misura in cui l'uomo si preoccupa di questi aspetti (la confessione, la comunione, la preghiera personale e la preghiera pubblica) può constatare personalmente nella propria vita il valore della fede e della religione a cui anche lui appartiene, e ad esse ricorre in quanto elementi indispensabili e benefici.
Infine, vogliamo sottolineare un altro aspetto che è legato al tema centrale "La preghiera e la pace": il progresso personale nella preghiera, anche di quanti vivono isolati dalla comunità (ci riferiamo qui alle prime comunità monastiche o a coloro che pregano e sono in ritiro, cioè gli eremiti) le cui preghiere sono benefiche per tutti gli uomini, proprio per il legame dell’individuo con tutta l'umanità. Troviamo questa idea negli scritti di uno dei padri ortodossi più conosciuti al giorno d'oggi: Padre Sofronio Saharov, all’inizio monaco del Monte Athos, e poi fondatore del Monastero di Essex, in Inghilterra. Negli anni che Padre Sofronio ha speso come eremita nel deserto del Monte Athos, sentiva nel suo cuore i dolori, le gravi sofferenze e i pesi degli uomini oppressi dalla Seconda Guerra Mondiale, e siamo sicuri che la sua preghiera e la preghiera degli altri asceti cristiani abbia aiutato questi uomini, abbia fatto diminuire la loro sofferenza e probabilmente accorciato i giorni del conflitto mondiale.
In conclusione, la provvidenza di Dio nel suo mondo si manifesta in ogni momento dell’esistenza umana e la preghiera è il "metodo" che attira questa provvidenza sulla maggior parte degli uomini, sul mondo intero.

Siluan
Vescovo ortodosso, Patriarcato di Romania

Messaggio del papa per l'Incontro di Sarajevo
Benedetto XVI

Programma Italiano
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
5 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
30 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
27 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
23 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
23 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio in Santa Maria in Trastevere. Testo e podcast
17 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti


Nella foto l'evento a Blantyre, Malawi. Guarda foto e video di tutti gli altri
IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
6 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
6 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
6 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
22 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
31 Gennaio 2018
SIR
50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”
29 Gennaio 2018
Vaticannews
Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza
25 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg
Angst und Lethargie überwinden
14 Gennaio 2018
Roma sette
Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi
tutta la rassegna stampa correlata

LIBRI
Andrea Riccardi - Tutto può cambiare



San Paolo
altri libri


COME SEGUIRE L'EVENTO
Sarajevo 2012

Si Ringrazia