change language
vostè està en: home - news newslettercom contactar-noslink

Ajuda la Comunitat

  
19 Juny 2015

Dia Mundial del Refugiat

Sant'Egidio prega pels immigrants i demana una treva d'un llenguatge ofensiu i d'emergència. El drama dels morts i el dret a l'esperança

A la Basílica de Santa Maria a Trastevere ahir i en moltes altres esglésies italianes i europees en els pròxims dies, la memòria dels que van perdre les seves vides en els viatges a la recerca d'una vida millor

 
versió per imprimir

“Oltre 25mila morti nei viaggi della speranza verso l’Europa dal 1990 ad oggi. Sono dati impressionanti”. 

Inizia con questa affermazione drammatica del presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, la riflessione proposta dalla Comunità in occasione della Giornata Mondiale del Migrante.  Si tratta di "un calcolo approssimativo per difetto: dietro ai tanti che ce la fanno ad arrivare – e che comunque vivono momenti difficili per un’accoglienza difettosa – ci sono tutti quelli che hanno perso la vita”.

Proprio in ricordo di queste vittime, la Comunità di Sant’Egidio ha organizzato, nella Basilica di Santa Maria in Trastevere, una veglia di preghiera intitolata “Morire di speranza", a cui partecipano, oltre a tanti romani, anche i parenti di chi ha perso la vita. La lunga lista dei nomi, accompagnata dall'accensione delle candele, è un momento di preghiera lungo e commosso che in qualche modo vuole anche lenire il dolore per l'inaccoglienza che i profughi incontrano al loro arrivo in Europa.

Infatti, ha sottolineato il presidente di Sant'Egidio, la cosiddetta "emergenza immigrati" è una percezione falsa della realtàAnche se si è parlato molto in questi giorni dei migranti (meglio sarebbe dire profughi) alla frontiera di Ventimiglia o alle stazioni di Roma e Milano, si tratta in realtà di numeri contenuti, non così difficili da gestire.

Peraltro, anche i dati più recenti mostrano che non c'è un'emergenza immigrazione: nel 2013 i 28 Paesi dell’Unione Europea hanno registrato, rispetto ai due anni precedenti (2011-2012), una diminuzione di 300 mila domande di ingresso per motivi di lavoro e un contemporaneo aumento di circa 300 mila domande di asilo. Il saldo è quindi pari.

La Comunità di Sant'Egidio, tuttavia, non si è limitata alla denuncia della situazione, ma ha anche elaborato alcune proposte: 

 -  sponsorship da parte di associazioni, Chiese, privati per richiedenti asilo: si chiama direttamente dal Paese di provenienza (si può cominciare con Siria e Iraq, attraversate dalla guerra) evitando i rischiosissimi viaggi della speranza. Lo sponsorship garantirebbe accoglienza e assistenza per il rifugiato

- humanitarian desk: accoglienza da parte di alcuni Paesi europei (o da parte dell’Unione) dei richiedenti asilo già arrivati in alcuni Paesi, come Marocco o Libano. Si tratta di persone che sono già uscite dal loro Stato, hanno già fatto una parte del viaggio, ma eviterebbero comunque l’ultimo tragitto, quello in mare.

- modifica degli accordi di Dublino allargando le maglie che obbligano a chiedere asilo solo ai Paesi di arrivo. Occorre ricordare che molti casi potrebbero essere risolti con i ricongiungimenti familiari.

- visti per motivi umanitari per chi non è ancora entrato in Europa: è previsto dall’articolo 25 del regolamento europeo. Ogni Paese può concederli autonomamente.

- permessi per motivi umanitari per coloro che sono già in Italia. E’ una decisione che può prendere il presidente del Consiglio con un decreto. Dà la possibilità di lavorare. E’ successo già per alcune nazionalità, come per esempio gli albanesi che oggi sono largamente integrati in Italia (ma anche per ex jugoslavi, tunisini ecc.)

 

 

 

OBJECTES ASSOCIATS

 LEA TAMBÉ
• NOTÍCIES
30 Gener 2018
PARÍS, FRANÇA

Bienvenue! Arriben a París 40 refugiats sirians gràcies als corredors humanitaris

IT | ES | DE | FR | CA | ID
18 Desembre 2017

Dia Internacional dels drets dels migrants: per una cultura del diàleg, de l'acollida i de la inclusió

IT | ES | DE | FR | CA
29 Novembre 2017

Comença una nova missió de Sant'Egidio als camps de rohinyás de Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
28 Novembre 2017

Refugiats, corredors humanitaris: dijous arriben els primers refugiats de l'Àfrica

IT | ES | CA
25 Novembre 2017
PARÍS, FRANÇA

Arriben més persones amb els #corredorshumanitaris. Ahir van ser 5 famílies de Síria

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
22 Novembre 2017

També Bèlgica obre corredors humanitaris per als refugiats

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
totes les notícies
• ALLIBERAMENT
13 Març 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

21 Febrer 2018
OnuItalia

Rohingya: la crisi nei colloqui di Sant’Egidio con la premier del Bangladesh

14 Febrer 2018

Der Weg bleibt beschwerlich

8 Febrer 2018
SIR

Migrazioni: Pompei (Comunità Sant’Egidio), “nuove modalità di ingresso in Italia più flessibili ed efficienti”

5 Febrer 2018
SIR

Immigrazione: Comunità Sant’Egidio, oggi anche la ministra Fedeli alla consegna dei diplomi per mediatori interculturali

30 Gener 2018
La Vanguardia

Treinta sirios llegan a Italia con los llamados "corredores humanitarios"

tots els comunicats de premsa
• NO PENA DE MORT
10 Octubre 2017

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte visitiamo i condannati più poveri in Africa

15 Abril 2017
ESTATS UNITS

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica

18 Febrer 2016
ROMA, ITÀLIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Octubre 2015
JAPÓ

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Octubre 2015
JAPÓ

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

10 Octubre 2015
ESTATS UNITS

La Comunità di Sant'Egidio lancia la prossima "Giornata Mondiale delle città per la vita"

5 Octubre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

12 Març 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

12 Març 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

9 Març 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Març 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

9 Març 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

anar a cap pena de mort
• DOCUMENTS

TEMA: Qué son los corredores humanitarios

tots els documents

FOTOS

1341 visites

1424 visites

1440 visites

1384 visites

1323 visites
tots els mitjans de comunicació afins