change language
usted está en: home - noticias newslettercómo contactarnoslink

Ayuda a la Comunidad

  
18 Abril 2013 | BERLÍN, ALEMANIA

Berlín recuerda los 70 años después, la deportación de los gitanos rom y sinti de Berlín invitados por la Comunidad de Sant'Egidio

Hace 70 años, en la primavera de 1943, más de 20.000 gitanos Sinti y Rom fueron deportados al campo de concentración de Auschwitz-Birkenau. La ceremonia y el llamamiento de los jóvenes

 
versión para imprimir

Settant’anni fa, nella primavera del 1943, più di 20.000 Sinti e Rom furono deportati nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau dai territori allora appartenenti al Terzo Reich e da quelli occupati in base ad un ordine di Heinrich Himmler del 16 dicembre 1942. Tra i deportati vi erano anche i Sinti e i Rom del campo di lavori forzati berlinese di Marzahn. Di questi eventi si è fatto memoria a Berlino in una cerimonia di commemorazione organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio.

I partecipanti alla marcia silenziosa, fra i quali molti giovani, hanno sfilato da Potsdamer Platz fino al monumento in memoria dei Sinti e Rom uccisi durante il nazionalsocialismo. Cartelli con su scritti i nomi dei campi di concentramento hanno accompagnato la marcia, che ha suscitato l’attenzione di tanti passanti in questa fredda giornata di aprile.

Davanti al monumento, ha preso la parola
Rita Prigmore, una donna sinti, bambina all'epoca del Porajims, sopravvissuta agli esperimenti medici effettuati sui gemelli nella clinica universitaria di Wurzburg. Era già adulta quando ha saputo da sua madre che la sua sorella gemella, Rolanda, aveva trovato la morte in quella clinica. Rita Prigmore ha chiesto a tutti i partecipanti alla cerimonia di impegnarsi in prima persona contro ogni forma di razzismo e li ha esortati ad accogliere i Sinti e i Rom che negli ultimi anni si sono trasferiti a Berlino da paesi come la Romania e la Bulgaria. Rivolgendosi ai Sinti e ai Rom ha poi aggiunto: “Cercate uomini di buona volontà che vi aiutino a trovare lavoro, a ricevere una buona formazione e a trovare qui una nuova patria”. Una giovane Rom della Romania, che vive a Berlino da un mese e che ha preso parte con la sorella alla manifestazione, aveva le lacrime agli occhi ascoltando queste parole.  

Numerosi interventi hanno fatto eco alle sue parole.  La sovrintendente generale di Berlino, Ulrike Trautwein, che ha ricordato come i Sinti e Rom abbiano sofferto isolamento ed esclusione sin dal loro arrivo in Germania, nel XV secolo, e che ci è voluto fin troppo tempo perché in Germania ci si interrogasse seriamente sulle ingiustizie perpetrate nei loro confronti. Alexander Linke, della Comunità di Sant’Egidio, ha affermato: “Il popolo dei Sinti e dei Rom deve trovare il posto di cui è degno nelle città d’Europa, perché è un popolo che è stato perseguitato in passato e che ancora oggi è discriminato. È un popolo su cui pesano pregiudizi che si trasmettono di generazione in generazione”. Mentre la direttrice della Caritas di Berlino, Ulrike Kostka, ha sottolineato l'importanza di questo monumento, luogo di memoria, anche considerando la discriminazione e lo stigma che ancora colpiscono i circa 20.000 Sinti e Rom oggi presenti a Berlino
.

In conclusione della cerimonia è stato letto un appello in cui i giovani si sono impegnati a lottare contro ogni discriminazione. Vi si legge: “Vogliamo conoscere gli uomini di altre religioni, culture e nazionalità, giovani e anziani, migranti e nati qui, deboli e forti, ricchi e poveri […] Insieme vogliamo sognare che la nostra città non escluda nessuno, che ogni uomo vi possa trovare degli amici, che tutti vi possano vivere dignitosamente”.

Testo completo dell'appello: Per un mondo senza razzismo –  per un mondo senza violenza


 LEA TAMBIÉN
• NOTICIAS
4 Febrero 2018
MACERATA, ITALIA

Macerata, solidaridad de Sant'Egidio con las víctimas: una delegación visita a los heridos en el hospital

IT | ES
19 Enero 2018
MÖNCHENGLADBACH, ALEMANIA

La historia de Rawan: de la guerra de Iraq a la Escuela de la Paz

IT | ES | DE | NL | HU
8 Noviembre 2017
BARCELONA, ESPAÑA

Memoria de la noche de los cristales rotos

IT | ES | CA
19 Octubre 2017

Migrantes, Sant'Egidio: la reforma del reglamento de Dublín que ha puesto en marcha hoy el Parlamento Europeo es positiva

IT | ES | DE | FR
25 Septiembre 2017
POLONIA

Desde Auschwitz los jóvenes de Sant'Egidio se comprometen a abrir nuevos caminos de paz

IT | ES | DE | CA | PL | HU
22 Septiembre 2017
WIELICZKA, POLONIA

Empieza en Polonia el congreso de los "Jóvenes europeos por un mundo sin violencia"

IT | ES | DE | FR | CA | PL
todas las noticias
• LIBERACIÓN
25 Febrero 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

25 Febrero 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

25 Febrero 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

24 Febrero 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

10 Febrero 2018
SIR

50° Sant’Egidio: Gentiloni (presidente del Consiglio), “dalla condizione dei più deboli si misura il benessere autentico di una società”

10 Febrero 2018
Il Sole 24 ore

Migranti, Gentiloni: sbagliato promettere fine dei flussi

todos los comunicados de prensa
• NO PENA DE MUERTE
2 Julio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

ir a ninguna pena de muerte
• DOCUMENTOS

Intervención de Branislav Savic durante la visita del papa Francisco a la Comunidad de Sant'Egidio

todos los documentos

FOTOS

330 visitas

312 visitas

337 visitas

314 visitas

349 visitas
todos los medios de comunicación afines