change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
29 Novembre 2014 | WÜRZBURG, GERMANIA

Würzburg: anche quest’anno in tanti per la memoria della prima deportazione degli ebrei dalla città

La manifestazione organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio nella città tedesca: non c'è futuro senza memoria.

 
versione stampabile

Il 27 novembre 1941 c’è stata la prima grande deportazione degli ebrei di Würzburg. Più di duecento persone, tra loro quaranta bambini, sono stati deportati nell’Europa dell’Est per essere assassinati. Da quattordici anni la Comunità di Sant’Egidio organizza, insieme alla comunità ebraica una marcia in memoria di quella tragica giornata, cui ne sono seguite altre. Gli interventi dei decani cattolico ed evangelico della città hanno introdotto la marcia, che si è poi snodata per le strade del centro, con le fiaccole illuminate, fino a raggiungere il teatro della città.

In quel luogo, 73 anni fa, gli ebrei sono stati raccolti per poi iniziare il viaggio della morte. Ogni anno sono sempre di più i cittadini e soprattutto giovani e nuovi europei che partecipano all’iniziativa.

Marion Schäfer-Blake, sindaco di Würzburg, ha ricordato la vergogna dell’indifferenza della grande maggioranza dei cittadini a ciò che stava avvenendo. “Questa memoria – ha detto il sindaco- ci deve spingere oggi ad aiutare chi è nel bisogno”. Il presidente della comunità ebraica, Josef Schuster, ha ricordato la necessità di non perdere oggi la memoria di ciò che è avvenuto: “Dimenticare –ha detto- sarebbe una vittoria dei nazisti”. Klaus Reder, della Comunità di Sant’Egidio, ha ricordato che la memoria è una responsabilità verso le giovani generazioni, perché siano incoraggiate a costruire una civiltà del convivere tra gente di diverse culture e appartenenze religiose.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
4 Febbraio 2018
MACERATA, ITALIA

Macerata, solidarietà di Sant’Egidio con le vittime: una delegazione visita i feriti in ospedale

IT | ES
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
30 Gennaio 2018

Memoria della deportazione dalla Stazione di Milano

28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera

IT | DE
27 Gennaio 2018
LIVORNO, ITALIA

Una pietra d'inciampo per non dimenticare. A Livorno la manifestazione per la #Giornatadellamemoria2018

tutte le news
• STAMPA
25 Febbraio 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

25 Febbraio 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

25 Febbraio 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

24 Febbraio 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

8 Febbraio 2018
Vatican Insider

Macerata, l’impegno della Chiesa per la “pacificazione sociale”

6 Febbraio 2018
La Notizia

I rifugiati sono una risorsa. Sant’Egidio: toni sbagliati

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
29 Settembre 2014
ANSA

Obama contro le discriminazioni razziali in America. Anche pena di morte applicata su base razziale

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Per un mondo senza razzismo – per un mondo senza violenza

L'appello finale del pellegrinaggio dei giovani europei ad Auschwitz (IT)

Comunità di Sant'Egidio

APPELLO FINALE - Pellegrinaggio ad Auschwitz-Birkenau

Matteo Zuppi

"IL SIGNORE CI AIUTI A VIVERE INSIEME" - Omelia di Mons. Matteo Zuppi

Zuccari Alessandro

NON C'È FUTURO SENZA MEMORIA - Intervento di apertura di Alessandro Zuccari, Comunità di Sant'Egidio

Toaff Elio

NON C'È FUTURO SENZA MEMORIA - Intervento di Elio Toaff, Rabbino capo di Roma

tutti i documenti

FOTO

332 visite

369 visite

369 visite

352 visite

330 visite
tutta i media correlati