change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
19 Agosto 2015 | CATANIA, ITALIA

Accogliere è un abbraccio che dice “non ci sto” al rifiuto e alla paura. I Giovani per la Pace al molo di Catania

offrono un sorriso, un paio di scarpe e un abito asciutto a chi arriva. Un fiore e una preghiera a chi non ce l'ha fatta

 
versione stampabile

Respingere è un atto di guerra, accogliere è un atto di Pace. Con questa chiarezza questa mattina tanti giovani per la Pace si sono recati al porto di Catania per accogliere oltre quattrocento migranti e per salutare quarantanove di loro che non ce l'hanno fatta, morti soffocati nella stiva del barcone su cui erano saliti. Siamo al porto, ancora una volta, qui a Catania a salutare quarantanove persone che cercavano la speranza ed hanno trovato la morte. Non è un rituale, è solo una preghiera di giovani che sale in cielo accompagnando amici mai arrivati. È la preghiera di chi voleva essere accolto, vivo. È il nostro "non ci sto!" 

Oggi è il giorno del silenzio, ma anche quello di una solidarietà che cresce tra la città di Catania, tra i suoi giovani e chi, dall'altra sponda del Mediterraneo, arriva sfinito sulle nostre coste. 

Appena diffusa la notizia dell'arrivo della nave che li avrebbe condotti al porto di Catania, presso la sede della Comunità di Sant'Egidio, sono iniziati ad arrivare i primi aiuti. Scarpe soprattutto, perché molti di loro sono arrivati scalzi e vestiti di pochi stracci, molti i bambini e le donne. Ma al porto c'è bisogno anche di un sorriso,  di qualcuno che giochi con i bambini, di una parola di conforto, per questo erano presenti anche tanti giovani per la pace, nuovi europei, dei vari centri di accoglienza che hanno aiutato con le traduzioni e hanno ascoltato le parole di chi ce l'ha fatta.

Per i Giovani per la Pace oggi accogliere è veramente un atto di pace, un abbraccio tra popoli, un canto al futuro.

 

   
     
     
OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
31 Gennaio 2018
BARCELLONA, SPAGNA

Anche a Barcellona, la Guida per chi è senza dimora 'On menjar, dormir i rentarse'. Quest'anno diventa una APP, utile per chi ha bisogno di aiuto e per chi vuole aiutare

IT | ES | CA
5 Gennaio 2018

A Thiene, in Veneto, è stato istituito un indirizzo virtuale per chi è senza dimora: Via della Comunità di Sant'Egidio

20 Dicembre 2017
CATANIA, ITALIA

Un nuovo centro di Sant'Egidio per i poveri di Catania

17 Novembre 2017

Giornata mondiale dei poveri, Sant'Egidio: un forte messaggio di solidarietà che invita a superare l'indifferenza

IT | ES | DE | RU
13 Novembre 2017
ROMA, ITALIA

L'integrazione inizia con la lingua e la cultura: ecco i nuovi diplomati della scuola di italiano di Sant'Egidio a Roma

6 Agosto 2011

Estate di solidarietà in Albania, con gli amici della casa famiglia e dell’ospedale psichiatrico. Dossier

IT | DE | FR | NL
tutte le news
• STAMPA
20 Febbraio 2018
OnuItalia

Rohingya: la crisi nei colloqui di Sant’Egidio con la premier del Bangladesh

14 Febbraio 2018
La Nazione

Un pasto per chi non ha nulla. Ecco come si può dare una mano

12 Febbraio 2018
Gazzetta del Sud

Ecco i professionisti dell’integrazione. Cento mediatori per una società plurale

6 Febbraio 2018
Avvenire

L'Italia già «casa comune». Anziani e badanti, la forza di un abbraccio di debolezze

4 Febbraio 2018
SIR

Immigrazione: Comunità Sant’Egidio, oggi anche la ministra Fedeli alla consegna dei diplomi per mediatori interculturali

3 Febbraio 2018
FarodiRoma

Raid xenofobo a Macerata. La Comunità di Sant’Egidio conforta i feriti

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Contrasto all’esclusione sociale: iniziative per l'estate 2013

Giovani e anziani per un estate di solidarietà 2013

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

La GUIDA "DOVE mangiare, dormire, lavarsi" 2013

Programma in RUSSO

tutti i documenti

FOTO

912 visite

830 visite

859 visite

885 visite
tutta i media correlati