change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
30 Settembre 2015 | UNGHERIA

Sant'Egidio con i profughi in Ungheria: i muri crollano con la solidarietà

Continua l'accoglienza ai rifugiati in transito verso il Nord Europa

 
versione stampabile

Nell'Ungheria dove un muro di 175 km vorrebbe fermare la speranza di donne, uomini e bambini che fuggono la guerra e la violenza terroristica, Sant'Egidio continua, con mezzi poveri ma con tenacia, a rappresentare un punto di riferimento e di accoglienza.

Camminare con loro, incontrarli, offrire loro non solo il ristoro di bevande calde e cibi nutrienti, ma anche il calore di un abbraccio che aiuti ad allontanare il rumore della guerra e il dolore dell'ostilità inaccogliente.

Per questo, un gruppo delle Comunità di Sant'Egidio dell'Ungheria ha raggiunto Bicske, una località non lontana da Budapest, dove è stato allestito un centro per richiedenti asilo che ha visto il passaggio di migliaia di profughi ed oggi ospita 175 persone. 

"Welcome, vi vogliamo bene", "Eid Mubarak” (tradizionale augurio per la festa musulmana Eid al-Adha, cioè la festa del Sacrificio): è bastato poco perchè scoppiasse una gioia incontenibile, sottolineata da canti e balli delle proprie terre.

Nei giorni dopo, rappresentanti della Comunità da Roma, Brno, Budapest e Pécs si sono recati a Hegyeshalom-Nickelsdorf, al confine con l'Austria, ed hanno attraversato a piedi la frontiera insieme a loro a simboleggiare il legame di fraternità e il comune destino.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
18 Dicembre 2017

Giornata Internazionale dei diritti dei migranti: per una cultura del dialogo, dell'accoglienza, dell'inclusione

IT | ES | DE | FR | CA
28 Novembre 2017

Profughi, corridoi umanitari: giovedì il primo arrivo dall'Africa

IT | ES | CA
22 Novembre 2017

Con i bambini rifugiati in Ungheria

IT | ES | FR
22 Novembre 2017

Anche in Belgio si aprono i corridoi umanitari per i profughi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
7 Novembre 2017
BANGLADESH

I primi aiuti di Sant'Egidio per i profughi rohingya arrivano nei campi in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
7 Novembre 2017

Ancora 1000: nuovo accordo per corridoi umanitari. Impagliazzo "favoriscono sicurezza e integrazione”

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

21 Febbraio 2018
OnuItalia

Rohingya: la crisi nei colloqui di Sant’Egidio con la premier del Bangladesh

14 Febbraio 2018

Der Weg bleibt beschwerlich

30 Gennaio 2018
La Vanguardia

Treinta sirios llegan a Italia con los llamados "corredores humanitarios"

29 Gennaio 2018
Agenzia Fides

Asia/Bangladesh - Una scuola per i bambini profughi Rohingya

26 Gennaio 2018
Il Mattino di Padova

«Il dolore è lingua che accomuna»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti

FOTO

102 visite

112 visite

117 visite

126 visite

121 visite
tutta i media correlati