change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
4 Gennaio 2016 | CALAIS, FRANCIA

Il regalo di Sant'Egidio ai profughi nella Giungla di Calais

A pochi giorni dal Natale la Comunità ha portato stivali e vestiti caldi ai profughi nel campo vicino al Canale della Manica

 
versione stampabile

A pochi giorni dal Natale una delegazione della Comunità di Sant'Egidio della Francia, del Belgio e della Gran Bretagna ha visitato i rifugiati di Jungle Calais, il campo sorto nei pressi del Canale della Manica dove tanti sostano nella speranza di raggiungere il Regno Unito.

Già nei mesi scorsi Sant'Egidio aveva visitato il campo, notando che la gran parte dei rifugiati indossava delle semplici ciabatte di gomma estive, i più fortunati vecchie scarpe da ginnastica, senza calzini, in un luogo dove il fango, come il freddo, è onnipresente. E' così che il 28 dicembre la Comunità è tornata a Jungle Calais portando oltre 400 paia di stivali nuovi, insieme a vestiti donati da alcuni commercianti o acquistati dalla Comunità. E’ stato per quei rifugiati il più bel dono di Natale.

Dopo la distribuzione si è svolta anche una festa, profughi di tutte le nazionalità sono accorsi nel cortile della chiesa del campo: eritrei, afgani, iracheni, sudanesi, curdi e siriani hanno cantato e ballato.

Jungle Calais è un luogo difficile, a tratti paradossale: chi visita il campo nota subito l’accoglienza calorosa da parte di rifugiati, persone che appartengono alle classi più agiate dei loro paesi d'origine, generalmente con un alto livello di istruzione, cheperò adesso vivono in un ambiente dove i diritti umani sono lontani dall’essere rispettati. Sono trascorsi molti mesi dalla nascita del campo ma le condizioni di vita non sono migliorate e le istituzioni appaiono assenti.
“E’il sogno che mi fa resistere”, ha detto Ahmed, un giovane siriano che parla un inglese fluente. E’ il sogno di andare in Inghilterra, di integrarsi in Francia o in qualsiasi altro paese dove non c’è la guerra, sogno di ritrovare la propria famiglia, sogno di un mondo in pace.

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

18 Dicembre 2017

Giornata Internazionale dei diritti dei migranti: per una cultura del dialogo, dell'accoglienza, dell'inclusione

IT | ES | DE | FR | CA
29 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
28 Novembre 2017

Profughi, corridoi umanitari: giovedì il primo arrivo dall'Africa

IT | ES | CA
25 Novembre 2017
PARIGI, FRANCIA

Nuovi arrivi in Francia con i #corridoiumanitari! Ieri accolte 5 famiglie dalla Siria

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

21 Febbraio 2018
OnuItalia

Rohingya: la crisi nei colloqui di Sant’Egidio con la premier del Bangladesh

14 Febbraio 2018

Der Weg bleibt beschwerlich

30 Gennaio 2018
La Vanguardia

Treinta sirios llegan a Italia con los llamados "corredores humanitarios"

30 Gennaio 2018
Avvenire

Corridoi umanitari. Italia, Francia, Belgio, Andorra: l'Europa che accoglie i siriani

29 Gennaio 2018
Agenzia Fides

Asia/Bangladesh - Una scuola per i bambini profughi Rohingya

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti

FOTO

217 visite

206 visite

211 visite

213 visite

218 visite
tutta i media correlati