change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
12 Dicembre 2016 | TOMPA, UNGHERIA

I regali di Sant'Egidio ai bambini profughi che aspettano il Natale al confine tra la Serbia e l'Ungheria

Consegnati giochi, aiuti alimentari e legna per il riscaldamento alle famiglie profughe bloccate lungo la frontiera verso l'Europa

 
versione stampabile

A pochi giorni dal Natale una delegazione della Comunità di Sant'Egidio dell'Ungheria è tornata a visitare i profughi accampati lungo il confine che separa la Serbia dall'Unione Europea, nei pressi delle città ungheresi di Tompa e Röszke. Negli ultimi mesi la situazione è peggiorata: circa 120 persone, tra cui 35 bambini, vivono in ripari di fortuna in un luogo dove di notte il termometro segna fino a 6 gradi sotto lo zero. A rendere ancora più difficile la situazione è l'allungamento dei tempi di attesa per l'ingresso dei profughi nella zona di transito che dà accesso al territorio dell'Unione: le autorità ungheresi hanno ridotto il numero degli ingressi giornalieri consentiti.

Attraversando la frontiera a Tompa, verso la Serbia, non si vedono più le tende di plastica di cui abbiamo raccontato nei mesi scorsi: la polizia serba ha sgomberato l'accampamento dei profughi, che ora vivono nascosti dietro a un palazzo abbandonato non lontano dal confine.

Con l'aiuto del personale dell'UNHCR, l'unico ente autorizzato ad accedere alla zona di transito tra Serbia e Ungheria, la Comunità di Sant'Egidio ha consegnato ai profughi quintali di legna per riscaldarsi, insieme ad aiuti alimentari e regali di Natale per i bambini.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

18 Dicembre 2017

Giornata Internazionale dei diritti dei migranti: per una cultura del dialogo, dell'accoglienza, dell'inclusione

IT | ES | DE | FR | CA
29 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
28 Novembre 2017

Profughi, corridoi umanitari: giovedì il primo arrivo dall'Africa

IT | ES | CA
22 Novembre 2017

Anche in Belgio si aprono i corridoi umanitari per i profughi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
22 Novembre 2017

Con i bambini rifugiati in Ungheria

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

21 Febbraio 2018
OnuItalia

Rohingya: la crisi nei colloqui di Sant’Egidio con la premier del Bangladesh

14 Febbraio 2018

Der Weg bleibt beschwerlich

30 Gennaio 2018
La Vanguardia

Treinta sirios llegan a Italia con los llamados "corredores humanitarios"

29 Gennaio 2018
Agenzia Fides

Asia/Bangladesh - Una scuola per i bambini profughi Rohingya

26 Gennaio 2018
Il Mattino di Padova

«Il dolore è lingua che accomuna»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti

FOTO

121 visite

112 visite

107 visite

102 visite

112 visite
tutta i media correlati