change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
24 Gennaio 2017 | TOMPA, UNGHERIA

'Mi sono svegliato e un filo di ghiaccio copriva il cappotto': rifugiati al confine tra Serbia e Ungheria

Portando aiuti nel campo profughi di Tompa

 
versione stampabile

La situazione per i profughi accampati tra Tompa e Röszke, lungo la frontiera che separa la Serbia dall'Ungheria, si fa sempre più difficile a causa delle temperature che nei giorni scorsi hanno toccato i 10 gradi sotto zero. Al momento sono circa 40 le persone che dormono all'aperto, tra loro anche alcuni bambini. La Comunità di Sant’Egidio dell'Ungheria in questi giorni sta distribuendo ai profughi i generi alimentari di cui hanno estremamente bisogno.

Il campo profughi di Tompa è diviso in due: da una parte ci sono siriani e iracheni in attesa del permesso da parte delle autorità ungheresi per oltrepassare la frontiera europea, dall'altra parte ci sono marocchini e algerini, anche loro in attesa nonostante il rifiuto da parte delle autorità ungheresi di farli entrare in Ungheria.

Tra loro c'è Ahmed, un giovane algerino di circa 20 anni. Ha lasciato l'Algeria tre anni fa, ha vissuto nei campi profughi di Turchia e Grecia, poi ha viaggiato dalla Serbia alla Macedonia ed infine in Albania dove ha perso tutto quello che aveva.  Il suo sogno è poter andare in Germania. E' molto grato per la coperta ricevuta, ha raccontato che quella mattina, quando si è svegliato, il suo cappotto era ricoperto di un sottile strato di ghiaccio. Ha detto: " Un giorno forse ci rivedremo in qualche parte nel mondo, e io vi riconoscerò e rideremo di tutto questo".

In questi giorni la frontiera tra l’Ungheria e Serbia sembra una base al  Polo Nord: tutto è bianco, freddo, solo neve e ghiaccio che coprono le tende dentro cui sono accampati i profughi. Gente che sogna una vita diversa, una casa e un lavoro, grati per questa visita che per un giorno ha alleviato la sofferenza.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

29 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
22 Novembre 2017

Con i bambini rifugiati in Ungheria

IT | ES | FR
20 Ottobre 2017
POLONIA

Oltre 30 città della Polonia unite nella preghiera per i rifugiati

IT | ES | DE | RU | PL
17 Ottobre 2017
LIBANO

Incontro di Marco Impagliazzo con il primo ministro del Libano, Saad Hariri

IT | ES | DE | FR
3 Ottobre 2017
POLONIA

Polonia, al via la settimana di preghiera per i rifugiati promossa da Sant'Egidio in tutto il paese

IT | PL
tutte le news
• STAMPA
13 Gennaio 2018
SIR

Belgio: vescovi in visita alle famiglie di profughi accolti nelle diocesi

2 Novembre 2017
Adista Segni Nuovi

Rifugiati: sarà vera svolta?

31 Agosto 2017
Famiglia Cristiana

Apriamo gli occhi sull'inferno libico

22 Agosto 2017
Corriere della Sera

Per il Papa l’integrazione è il processo chiave

21 Agosto 2017
Radio Vaticana

Sant'Egidio: preoccupazione per sgomberi di rifugiati a Roma

20 Agosto 2017
Vatican Insider

Sant'Egidio, preoccupazione per i rifugiati sgomberati a Roma

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti

FOTO

102 visite

112 visite

117 visite

126 visite

121 visite
tutta i media correlati