change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
10 Marzo 2017 | NOVARA, ITALIA

''Da Homs a Novara con i corridoi umanitari, ecco com'è cambiata la nostra vita''

Antonios e la sua famiglia sono fuggiti dalla Siria. La storia di un nuovo inizio, dalla scuola al lavoro.

 
versione stampabile

Quest'anno abbiamo più volte documentato l'arrivo dei profughi siriani attraverso i corridoi umanitari. Com'è adesso la loro nuova vita in Italia? In una lettera gli amici della Comunità di Sant'Egidio di Novara raccontano a storia di Antonios e della sua famiglia, arrivati nel nostro paese lo scorso dicembre.

Antonios e Julanar sono cristiani fuggiti da Homs, rasa al suolo dai combattimenti. "Quattro volte hanno distrutto la mia casa e il mio laboratorio di falegnameria, quattro volte ho ricominciato per la mia famiglia. - racconta Antonios - Ma quando sono stato richiamato alle armi, sono fuggito in Libano. Io non voglio uccidere nessuno e non voglio lasciare una vedova e degli orfani. Io non voglio fare la guerra."
Antonios e Julanar hanno due bambine: Natali e Zein, nate dopo l'inizio della guerra civile, non hanno mai conosciuto la pace.

A Novara sono accolti in un appartamento messo a disposizione gratuitamente da una famiglia, una delle tante sparse in tutta Italia che con generosità hanno aperto le loro case ai profughi. E così si sviluppa una rete rete di amici che si dividono le spese e sostengono la vita della famiglia siriana, una parrocchia si mobilita per trovare risorse economiche e un lavoro.

Natali e Zein hanno iniziato subito la scuola, gli altri bambini hanno fatto a gara per dare loro il benvenuto, e in pochissimo tempo hanno già imparato tante parole. Anche Antonios e Julanar sono alle prese con lo studio, alla Scuola di Lingua e Cultura Italiana di Sant'Egidio.
Dopo una settimana dall'arrivo a Novara ecco il primo regalo importante per le bambine, un tavolino verde con due seggioline. Le bambine ci si siedono senza aspettare un minuto, iniziano a scrivere e disegnare, e Antonios e Julanar scoppiano in lacrime: ne avevano uno uguale a Homs, ma serviva alle bambine per nascondersi quando i rumori della guerra le spaventavano.

Tra gli amici della parrocchia c'è un falegname che ha chiamato Antonios per metterlo alla prova con una borsa lavoro. Antonios è felice: "Appena ho sentito il profumo del legno, mi sono sentito rivivere!" e ricomincia a lavorare. "E chi ne può fare a meno adesso?" ha commentato soddisfatto il falegname novarese dopo tre settimane.

E così, a pochi mesi dal suo arrivo, questa famiglia fuggita dalla guerra è riuscita a ricominciare una nuova vita in pace, in un paese nuovo dalla lingua sempre meno sconosciuta, accompagnata dall'amicizia della Comunità e di tanti altri. Una grande speranza per il futuro.


APPROFONDIMENTI
Sostieni i Corridoi Umanitari

Dona Online


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
1 Febbraio 2018

Videoclip: i nuovi corridoi umanitari in un servizio del TG1

30 Gennaio 2018

Questa mattina l'arrivo a Roma dei primi corridoi umanitari del 2018 dalla Siria: la via della speranza

IT | ID
30 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

Arrivati in Italia i primi corridoi umanitari del 2018. La nuova fase del progetto che è diventato un modello di accoglienza e integrazione per l'Europa

IT | ES | DE | FR | CA | ID
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
27 Gennaio 2018

Migranti: La guerra in Siria non è finita, ma l’Europa che crede nel futuro continua ad accogliere e integrare. Tra pochi giorni nuovi arrivi con i #corridoiumanitari

IT | FR | NL
tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

27 Febbraio 2018
La Repubblica

Profughi, dal Corno d'Africa a Roma corridoio umanitario per 114 persone

27 Febbraio 2018
Agenzia SIR

Corridoi umanitari: Impagliazzo (Comunità Sant’Egidio), “polemiche politiche finiranno ma il futuro è nell’integrazione”

27 Febbraio 2018
Avvenire

Cei. Atterrati a Roma 113 profughi. «La cooperazione fra istituzioni fa miracoli»

27 Febbraio 2018
Vatican Insider

Corridoi umanitari, 114 profughi dall’Etiopia. Galantino: no allo sciacallaggio politico

27 Febbraio 2018
Vaticannews

Corridoi umanitari: 114 nuovi arrivi dall’Etiopia

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti