change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
17 Novembre 2008

Cipro 2008:

L'arcivescovo cattolico di Baghdad all'Incontro di Sant'Egidio insieme agli altri rappresentanti religiosi dell'Iraq

 
versione stampabile

Programma
I luoghi
Trasmissioni
TV Web Sat
Stampa
Tutti i video dell'evento

A Cipro l’arcivescovo cattolico di Baghdad, Jean Baptiste Sleiman, condanna una politica che continua a parlare il linguaggio della violenza. “Anche se ora gli attentati sono calati, la violenza è sempre in agguato. Le autobomba tornano sempre in concomitanza con alcuni passaggi politici importanti. E cristiani diventano monete di scambio nella lotta per il potere”.
“Il nostro popolo è costantemente umiliato – dice Sleiman nel corso di un incontro con la stampa – e all’estero chi viene dall’Iraq è interrogato per ore e guardato con sospetto. È il paese del petrolio e manca la benzina. Il prezzo del gas negli ultimi anni è cresciuto di oltre venti volte. E chi accetta di lavorare per compagnie straniere rischia la vita”.
L’arcivescovo cattolico descrive un quadro in cui la situazione per i cristiani è particolarmente difficile. Interi quartieri sono stati abbandonati, e almeno la metà dei cristiani ha dovuto lasciare il paese. “Eravamo forse un milione e mezzo prima della guerra, ed ora siamo quattrocentomila cattolici, mezzo milione al massimo con i cristiani di altre confessioni: ma attenzione ai numeri, che diventano strumenti politici. Grazie alla mediazione dell’Onu, la legge ora prevede una rappresentanza politica delle minoranze, davvero molto esigua, ma è comunque importante che sia stata stabilito il principio dei loro diritti, compresi quelli dei cristiani”.
Secondo Sleiman, il vecchio regime aveva messo tutte le tensioni nel “congelatore della storia”. Ma non per questo si può sostenere che si stesse meglio con Saddam. “È vero che prima i cristiani erano in pace ma era una pax saddamiana, che non ammetteva alcun dissenso. Con la dittatura si perde il senso della verità, le relazioni sociali sono sconvolte, i rapporti governati dalla diffidenza. Il regime portava all’alienazione delle menti, e i gruppi e le chiese venivano come svuotati dall’interno. La risposta ai problemi attuali non è guardare indietro ma costruire una società pacificata, costruita intorno a valori repubblicani condivisi”.
Concludendo, l’arcivescovo di Baghdad ha affermato: “Al meeting di Sant’Egidio a Cipro, oltre a me sono presenti altri iracheni: un vescovo caldeo, un esponente della minoranza mandea, importanti rappresentanti sciiti e sunniti. Ognuno di noi chiederà qualcosa per il nostro paese. Ma ciò che io chiedo è di aiutare la nostra società a liberarsi dalla violenza, perché si compia una catarsi. Bisogna riconoscere che la violenza è radicata nella nostra storia, non può venire solo dall’esterno. La magistratura non può diventare un ministero di vendetta, né la politica ridursi alla legge del più forte
”.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera

IT | DE
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

'La potenza della Chiesa di Gesù è una forza disarmata che ferma il male' La predicazione del pastore Paolo Ricca per la Settimana dell'Unità tra i cristiani

IT | FR | HU
24 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

La Chiesa è il popolo dell'attesa. Meditazione del pastore valdese Paolo Ricca

18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti

IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news
• STAMPA
23 Febbraio 2018
Domradio.de

"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"

1 Febbraio 2018
SIR

50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”

30 Gennaio 2018
Vaticannews

Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza

26 Gennaio 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg

Angst und Lethargie überwinden

15 Gennaio 2018
Roma sette

Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi

15 Dicembre 2017
GNZ

Im Mittelpunkt steht das Gebet für den Frieden

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

ASSISI 2016 - il programma in pdf

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Incontro di Preghiera per la Pace

tutti i documenti
• LIBRI

L'abbraccio di Gerusalemme





Paoline
tutti i libri