change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
9 Marzo 2002

R.D.Congo - Solidarietà con le vittime del vulcano: Notizie da Goma e da Bukavu

 
versione stampabile

Due mesi dopo l’eruzione del vulcano, la situazione a Goma continua ad essere drammatica. Le notizie sugli aiuti della comunità: la Scuola della Pace, gli aiuti nei villaggi, il sostegno al centro per bambini “non accompagnati”.

 

A circa due mesi dall’eruzione del vulcano Nyiragongo, la situazione della città di Goma continua ad essere drammatica. 

La lava ha tagliato in due la città: la parte centrale, i quartieri più importanti, la cattedrale, l’ospedale, le scuole principali, parte dell’aeroporto, sono sommersi da circa 5 metri di lava, che in molte parti è ancora calda - e si calcola che prima di sei mesi non si raffredderà del tutto. 

Ora però la gente è tornata quasi tutta, anche se le case non ci sono più. La speranza di tanti è che, con la lava, la terra diventi più fertile.

Anche alcuni della Comunità di Sant’Egidio di Goma hanno perso tutto e, come tanti, sono ospitati presso parenti e amici nella piccola parte della città rimasta indenne dalla lava. 
Nonostante queste difficoltà, proseguono gli aiuti, che stanno raggiungendo centinaia di persone.


La campana è tutto ciò che rimane 
della Cattedrale, interamente 
seppellita dalla lava

Rivestire un villaggio...

Oltre 2 tonnellate di vestiti, arrivati dalle Comunità del Belgio, hanno letteralmente “rivestito” un intero villaggio (circa 600 persone, che vediamo in fila, nella foto, il giorno della distribuzione).

Si tratta di una località poverissima, a 6 km da Goma, dove, a causa della guerra civile, non possono arrivare gli aiuti internazionali.


A Bukavu

A Ibanda, un quartiere sulla riva del lago, antico porto della città, sorge un grande complesso scolastico lasciato dai belgi. 
Qui hanno trovato rifugio, il giorno dell’eruzione del vulcano, i primi che sono scappati con le barche attraversando il lago.
All’inizio erano circa 2.500 persone. Molte, ora sono tornate nelle case o hanno trovato una sistemazione. Ne restano 680. Per loro, il tempo di permanenza in questa struttura improvvisata, si presenta lungo: la lava ha completamente distrutto le loro case, ha coperto i campi. Non hanno più nulla.

Il centro è sotto la protezione della Croce Rossa, ma c’è solo personale para-medico. La Comunità di Sant’Egidio di Bukavu, di cui fanno parte alcuni medici e studenti di medicina, ha fatto in modo di coinvolgere l’Università perché fossero assicurati i primi soccorsi.
Nell’intervento di aiuto, oltre alla distribuzione di centinaia di kg di riso e farina di manioca, è stato fornito con regolarità anche il sapone. E la cura dell’igiene personale e degli ambienti è stata tenuta in primo piano. 
Per aiutare a tornare ad una vita normale, un altro aspetto importante è stato l’inserimento scolastico dei bambini nelle scuole della città. Attualmente ci sono circa 250 bambini nel centro. 200 sono stati iscritti e vanno regolarmente a scuola- Gli altri 50, che non era possibile inserire, fanno la Scuola della Pace all’interno del centro. 

La scuola della Pace non è solo un luogo di studio per i bambini, ma è diventato un momento importante per tutti i sinistrati, perché è l’occasione per parlare, stare insieme, risolvere problemi concreti, a volta anche solo avere il conforto dell’amicizia.
Particolarmente utile e gradita è stata la distribuzione di materassi, che ha permesso di realizzare una sistemazione più “vivibile”. I tempi infatti, per tornare alla vita normale, si preannunciano lunghi.

 


A Bagira, i bambini “non accompagnati”

Sulla collina, in un quartiere chiamato Bagira, c’è un centro dell’UNICEF, che accoglie i “bambini non accompagnati”, quei bambini cioè che, scappando dall’eruzione, hanno perso il contatto con i loro genitori. 
Anche qui, la presenza di una Comunità si è rivelata preziosa: tanti hanno ritrovato le loro famiglie, perse nella confusione e nella disperazione della fuga dalla lava. Nel centro, dove c’erano circa 400 bambini, oggi ne restano 57. Ed il lavoro di ricongiungimento prosegue.

Francesco Tedeschi


 LEGGI ANCHE
• NEWS
11 Gennaio 2018
MALAWI

Vestiti nuovi per 160.000 bambini in Malawi

IT | ES | DE | FR | PT | NL | HU
5 Gennaio 2018
CONAKRY, GUINEA

Il ministro degli Esteri Alfano visita il centro Dream di Conakry "Qui i sogni si trasformano in realtà"

IT | DE | PT
22 Dicembre 2017
NAKURU, KENYA

In certe parti del mondo, l'acqua è il più bel regalo di Natale: una cisterna per le detenute di Nakuru in Kenya

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
22 Dicembre 2017
BANGLADESH

Non dimentichiamo il popolo rohingya: la seconda missione di Sant'Egidio nei campi profughi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
19 Dicembre 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

Una delegazione di Sant'Egidio ad Addis Abeba incontra il Presidente della Commissione dell'Unione Africana Moussa Faki

IT | DE | FR | NL
14 Dicembre 2017
LIBIA

Libia: aiuti umanitari agli ospedali della regione del Fezzan

IT | ES | DE | FR | NL
tutte le notizie
• STAMPA
26 Febbraio 2018
Roma sette

Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»

24 Febbraio 2018
Avvenire

A spasso per Milano aiutando l'Africa

22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

21 Febbraio 2018
Vatican Insider

Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa

21 Febbraio 2018
SIR

Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane

24 Gennaio 2018
Avvenire

Sviluppo. Alfano: «La Cooperazione è tornata al centro dell'agenda politica»

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

tutti i documenti

FOTO

1551 visite

1487 visite

1526 visite

1494 visite

1481 visite
tutta i media correlati