change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
9 Settembre 2012

SARAJEVO - “LA PACE SI PUÒ INSEGNARE”: CONTRO LE GANG, LA VIOLENZA E IL FONDAMENTALISMO, BISOGNA RIPARTIRE DALL’EDUCAZIONE

 
versione stampabile

«I giovani sono spaesati, e cercano la loro identità nella violenza. Educare, creare comunità, dare forza alle famiglie è l’unica risposta possibile». Jaime Aguilar, responsabile della Comunità di Sant’Egidio per l’America Centrale ed esperto del fenomeno delle maras, le bande giovanili che imperversano in El Salvador, concorda nella sua analisi con esperti e testimoni da diverse zone di conflitto: dal Pakistan della difficile convivenza islamo-cristiana, al Burundi ferito dal genocidio, fino ai Balcani e al Nord Europa scosso, un anno fa, dalla violenza omicida della strage di Oslo.

A Sarajevo, nel Meeting interreligioso “Vivere insieme è il futuro”, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, si è parlato di “Educare a vivere insieme per la pace”, partendo, in una tavola rotonda di stamattina, dall’analisi di un mondo in cui l’aggressività è sempre più diffusa, come una risposta alle difficoltà.

«Anche la televisione e gli altri media – ha dichiarato il vicepresidente di Ideasolidarité, Augusto Forti – esaltano la violenza e di fronte a questo c’è come una carenza dei sistemi educativi, in primo luogo la famiglia e la scuola». Ciò che manca è la capacità di creare comunità, che diano identità diversa da quella attribuita dalle gang o dall’ostilità verso altri gruppi etnici. «Oggi la grande religione del mondo è l’individualismo – ha spiegato Stanislav Hocevar, l’arcivescovo metropolita cattolico di Belgrado – e di fronte a questo le religioni storiche hanno una responsabilità e devono cooperare per superare i conflitti e dare più enfasi ai punti in comune piuttosto che alle differenze».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Visita del Presidente del Parlamento sloveno Milan Brglez alla Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | DE | PT
5 Giugno 2015

Papa Francesco a Sarajevo, la città da ricominciare

7 Potrebbe 2015
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Studenti toscani a Sarajevo con Sant'Egidio per ricordare la guerra nei Balcani.

IT | EN | FR
6 Potrebbe 2015
FIRENZE, ITALIA

150 studenti toscani a Sarajevo

27 Potrebbe 2014
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

A 100 anni dalla I° Guerra Mondiale, a Sarajevo, giovani cristani e musulmani si incontrano

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
9 Potrebbe 2013
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

A Sarajevo, è cittadino chi lavora per la pace

IT | ES | DE | FR | CA
tutte le news
• STAMPA
5 Giugno 2015
Avvenire

La città da ricominciare

28 Potrebbe 2015
Avvenire

Un sogno multiculturale che vive ancora

15 Novembre 2012
Criterio

Encuentro de paz en Sarajevo: convivir es el futuro

19 Ottobre 2012
Il Giorno

SARAJEVO LA SCOMPARSA DEI CATTOLICI

25 Settembre 2012
Tertio

Samenleven is de toekomst

22 Settembre 2012
Famiglia Cristiana

La forza della preghiera per un mondo riconciliato.

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
26 Potrebbe 2014 | SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Giovani cristani e musulmani si incontrano 100 anni dopo la 1° Guerra Mondiale

11 Settembre 2012

Cerimonia Finale

11 Settembre 2012

Incontri di preghiera in luoghi diversi

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Zeinab Ahmed Dolal

Contributo di Zeinab Ahmed Dolal

Lucjan Avgustini

Contributo di Lucjan Avgustin

Ghaleb Bader

Contributo di Ghaleb Bader

tutti i documenti

VIDEO FOTO
1:20:35
La cerimonia finale - Living Together is the future, Sarajevo

747 visite

689 visite

816 visite

746 visite

733 visite
tutta i media correlati