change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
24 Settembre 2012 | ROMA, ITALIA

Comunicato Stampa

SIRIA, Appello di Mar Gregorios, metropolita di Aleppo. Una risposta della Comunità di Sant'Egidio

“Fate qualcosa per la Siria, inventatevi qualcosa per fermare questo disastro. Là dove la Comunità Internazionale ha finora fallito, spero che Sant’Egidio possa fare parlare direttamente l’opposizione e il governo per fermare questa distruzione”.

 
versione stampabile

Mar Gregorios Ibrahim è uno dei vescovi che è rimasto con la propria gente, ad Aleppo, anche durante la guerra e gli attacchi. Un caro amico, di lunga data, della Comunità di Sant’Egidio. Ha vissuto con noi il lungo viaggio dello “Spirito di Assisi”, un quarto di secolo di fili di dialogo tra credenti e uomini di buona volontà, tra le religioni, per ricreare, in ogni circostanza, la capacità di vivere insieme. Anche durante le guerre. Quella di Bosnia, quella del Mozambico, firmata esattamente venti anni fa a Roma, il 4 0ttobre. Aleppo, con lui, con la sua gente, è stata fino a tre mesi fa un luogo di convivenza e di ospitalità. Anche per quasi 50 mila profughi irakeni.

L’appello che Mar Gregorios Ibrahim ha lanciato al Corriere della Sera, ad Antonio Ferrari, riecheggia quelli ascoltati dai vescovi e dai preti delle diverse confessioni cristiane, che hanno dovuto lasciare Homs, come quasi centomila cristiani.

Riecheggia le preoccupazioni e la drammatica situazione di milioni di siriani. Occorre trovare un’alternativa alla guerra in una Siria dove già uscire di casa sicuri è diventato un sogno, e dove a rischio è non solo la convivenza pacifica e la dignità delle persone, ma l’integrità stessa del Paese.

La Comunità di Sant’Egidio sente le ferite della Siria come proprie. Ha avviato piani di aiuto alle vittime, agli sfollati, assieme ai padri francescani e ai gesuiti all’interno del paese.
  Guarda il video di Antonio Ferrari

E in Libano, tra i profughi di tutte le provenienze, sta incrementando in questi giorni un piano di aiuti a 600 famiglie a Beirut, a 400 famiglie sfollate nella Bekaa est e a 200 famiglie nella Bekaa nord: sostegno alimentare, sanitario e l’apertura di due scuole per circa mille bambini.

La Comunità di Sant’Egidio ha offerto una prima occasione a rappresentanti dell’opposizione siriana dall’interno del Paese di riunirsi a Roma per lavorare a una piattaforma comune. Undici movimenti politici e sociali che hanno indicato, con   l’Appello di Roma, la strada a un’uscita politica dalla crisi siriana.  L’Appello di Roma è continuato sul terreno. Altri movimenti e forze politiche siriane hanno manifestato in queste ultime settimane la decisione di rafforzare la richiesta per una via politica e la fine della violenza e della guerra. Alcuni a rischio della vita. Come Abdulaziz al-Khayer, sequestrato la scorsa settimana sulla strada dall’aeroporto alla città di Damasco in circostanze non chiarite. Mentre l’ONU registra violazioni dei diritti umani e violenze ingiustificabili da entrambi i lati, e l’inviato dell’ONU e della lega Araba Brahimi ha avviato contatti con le parti, la Comunità di Sant’Egidio sostiene tutti gli sforzi di chi chiede un futuro democratico per la Siria e la fine immediata della violenza. Per una uscita politica e non militare e disgregante dall’escalation attuale.

La Comunità di Sant’Egidio conferma la sua disponibilità, la propria iniziativa  e i propri sforzi  per avviare al più presto un cessate il fuoco effettivo che permetta l’avvio di un dialogo nazionale tra tutti i protagonisti della crisi.

 

Per approfondire:

Con i profughi siriani in Libano. Primi aiuti a Beirut e nella Bekaa >

Dossier Siria: i documenti dell'incontro delle opposizioni a Sant'Egidio per una soluzione politica della crisi >
 

...................................................................................................................

Piazza di S.Egidio 3/a – 00153 Roma - Tel 39.06585661  -  Fax 39.065883625
www.santegidio.org   Email – [email protected]


 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Gennaio 2018
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Chantal, Elodie e le altre: storie di bambini e non solo in cura con il programma DREAM a Bangui, capitale del Centrafrica

IT | ES | DE | FR | CA | NL
29 Gennaio 2018

Questa mattina l'arrivo a Roma dei primi corridoi umanitari del 2018 dalla Siria: la via della speranza

IT | ID
24 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

Centrafrica, il presidente Touadera a Sant'Egidio: prosegue il processo di pace, parte ora la nuova fase del disarmo

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
23 Gennaio 2018

Centrafrica, domani il presidente in visita a Sant'Egidio: Colloqui sul processo di pace e incontro con la stampa

IT | PT
14 Gennaio 2018

'Fare Pace - la diplomazia di Sant'Egidio' è in libreria

IT | ES | DE | PT
8 Gennaio 2018
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Aiuti umanitari in Repubblica Centrafricana mentre proseguono le operazioni di disarmo

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
26 Febbraio 2018
Avvenire

Cei. Atterrati a Roma 113 profughi. «La cooperazione fra istituzioni fa miracoli»

25 Febbraio 2018
Roma sette

Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»

24 Febbraio 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

24 Febbraio 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

24 Febbraio 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

23 Febbraio 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Appello di Pace 2016

tutti i documenti
• LIBRI

Fare Pace





San Paolo

La forza disarmata della pace





Jaca Book
tutti i libri