change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
10 Aprile 2013 | LAHORE, PAKISTAN

Cristiani e musulmani tornano a Joseph Colony con un messaggio di pace

Dopo la distruzione del villaggio cristiano di Lahore

 
versione stampabile

Significativamente, l'invito è partito dal Maulana Kahbir Azad, Imam della grande moschea Badshai di Lahore, amico di Shahbaz Bhatti e uomo impegnato del dialogo tra le comunità religiose: visitare insieme alla Comunità di Sant'Egidio il quartiere di Joseph Colony a Lahore  dove alcune settimane prima erano state incendiate oltre  200 case di cristiani con il pretesto di un presunto caso di blasfemia.
L’Imam era intervenuto nei giorni successivi alla tragedia per pacificare gli animi della gente e per portare solidarietà alle famiglie dei cristiani che a causa dell’attacco avevano perso la casa e tutto quello che c’era dentro.
Così una delegazione composta da alcuni rappresentanti di Sant’Egidio in Pakistan e da alcuni Imam della città di Lahore ha fatto un sopralluogo nel quartiere per verificare  lo stato dei lavori di ricostruzione delle case distrutte o danneggiate. La loro presenza insieme offriva un messaggio di pace e riconciliazione alla gente ancora impaurita dall’accaduto.

I cristiani colpiti, questa volta non sono fuggiti. I primi giorni sono stati ospitati in alcune tende montate nel quartiere, ma già dopo due settimane erano rientrati nelle loro case. Infatti la ricostruzione è avvenuta immediatamente. Grazie anche al contributo di tanti musulmani di buona volontà, è stato dato un segno molto importante per la convivenza pacifica tra gli uomini di diverse fedi. E si vede come in realtà, nella follia dell’attacco alle case, siano state bruciate anche molte abitazioni di musulmani.

Le persone incontrate esprimevano la gratitudine per la solidarietà ricevuta da parte di alcune organizzazioni come la Comunità di Sant’Egidio e la Caritas locale. Girando per il quartiere i segni della violenza, nonostante la ricostruzione, erano ancora ben evidenti ma quello che colpiva erano soprattutto le ferite nel cuore della gente: Joseph Colony è una piccola enclave cristiana inserita nel quartiere di Badami Bagh. Famiglie cristiane e musulmane che fino a pochi giorni prima vivevano e lavoravano insieme, improvvisamente si sono ritrovate l’una contro l’altra.
Ma da questi fatti così violenti, forse per la prima volta in Pakistan, è nato (come si accennava prima) un movimento di solidarietà e convivenza tra la gente  i responsabili religiosi di diverse fedi. La lettera dell’Imam Khabir Azad e la risposta di condanna di tanti altri Imam  sono il segno e la speranza che può essere posto un argine al male della divisione e della violenza in Pakistan.

OGGETTI ASSOCIATI
FOTO

234 visite

129 visite

149 visite

164 visite

175 visite

192 visite

220 visite

 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Agosto 2017

Le Scuole della Pace del Pakistan in festa per i 70 anni dell'indipendenza del Paese

IT | ES | DE | FR
17 Potrebbe 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | ES | FR | CA
17 Marzo 2017
LIVORNO, ITALIA

Storia e futuro nel Mediterraneo: a Livorno il convegno internazionale Medì

2 Marzo 2017

Ricordiamo Shahbaz Bhatti, ministro cristiano del Pakistan, uomo di pace e di dialogo, a 6 anni dalla morte

IT | ES | DE
20 Dicembre 2016
FAISALABAD, PAKISTAN

Premio del Ministero dei Diritti Umani del Pakistan alla Comunità di Sant'Egidio per il suo lavoro con i poveri

IT | EN | DE | FR | PT | NL | ID
9 Giugno 2016
PAKISTAN

In Pakistan il termometro segna 47 gradi: Sant'Egidio in campo per proteggere gli anziani

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
16 Ottobre 2017
Radio Vaticana

Al ghetto di Roma "Marcia della memoria" per non dimenticare

14 Ottobre 2017
Il Gazzettino - ed. Padova

"Games4Peace": integrazione con calcio, pallavolo e giochi

27 Agosto 2017
Avvenire

L'intervista . «Un no all'odio. Vivere insieme si può»

22 Agosto 2017
Il Mattino di Padova

Lavorare per far crescere la "voglia di comunità" a Padova

29 Luglio 2017
Radio Vaticana

Indonesia, Giornata della gioventù asiatica: no all'estremismo

10 Potrebbe 2017
Avvenire

Pakistan. Shahbaz Bhatti, sangue cristiano versato per gli altri

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Sant’Egidio: Migranti, Siria, Cristiani in Medio Oriente

Christians in the Middle East: What Future?

Cristiani in Medio Oriente: quale futuro?

Omelia di S.E. Paul R. Gallagher per la commemorazione dei martiri contemporanei

Omelia di Mons. Matteo Zuppi alla veglia di preghiera per la liberazione dei metropoliti di Aleppo

L'appello finale del pellegrinaggio dei giovani europei ad Auschwitz (IT)

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore
tutti i libri