change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
21 Gennaio 2014 | NAPOLI, ITALIA

Una preghiera per celebrare la "Giornata del migrante"

 
versione stampabile

Domenica 19 gennaio a Napoli, nella Chiesa di San Pietro Martire, si è celebrata la giornata del migrante, indetta cento anni fa da Pio X soprattutto per ricordare le traversie degli italiani all’estero, e divenuta negli ultimi anni un’occasione per fare memoria e pregare per i tanti profughi e migranti che non sempre trovano l’accoglienza sperata. Ben prima dell’inizio della celebrazione la Chiesa della Comunità era già piena di indiani, cingalesi, filippini, ucraini, russi, kirghisi, peruviani, salvadoregni, ghanesi, nigeriani e decine di altri italiani di adozione nati, però, in altre parti del mondo. Tra gli asiatici, tanti indossavano coloratissimi sari e sarong, per ricordare il Paese lasciato, dove spesso vivono ancora i parenti più cari.

Don Gino Battaglia, nel richiamare il titolo della giornata “Migranti e rifugiati: verso un mondo migliore” ha ricordato a tutti i convenuti la dottrina della destinazione universale dei beni della Chiesa, secondo la quale la Terra è stata data da Dio agli uomini e nessuno ha il diritto di appropriarsene in via esclusiva, né tantomeno di impedire a chi è nel bisogno di goderne i frutti.  Parole, quelle di don Gino Battaglia, che fanno eco al messaggio del Papa Francesco che ha iniziato il suo pontificato proprio recandosi a Lampedusa. Nello spiegare il significato di “mondo migliore” Papa Francesco afferma “Questa espressione non allude a realtà irraggiungibili … orienta piuttosto alla ricerca di uno sviluppo autentico e integrale, a operare perché vi siano condizioni di vita dignitose per tutti, perché trovino giuste risposte le esigenze delle persone e delle famiglie, perché sia rispettata, custodita e coltivata la creazione che Dio ci ha donato”.

Durante la Liturgia è stata portata in processione, in un clima di grande partecipazione e commozione, una croce costruita con due schegge di legno delle imbarcazioni naufragate a Lampedusa. La croce è stata solennemente deposta sull’altare delle croci, accanto alle altre provenienti dai luoghi di maggiore sofferenza del pianeta, per ricordare a ciascuno il dovere di pregare e impegnarsi perché il mondo migliore verso il quale sono incamminati migranti e rifugiati sia ogni giorno più vicino.


Dopo la liturgia i partecipanti, oltre 350 persone, si sono ritrovati per pranzare e fare festa insieme. C’erano anche varie associazioni provenienti da ogni parte della Campania. Tanti coloro che hanno voluto contribuire alla festa con poesie, canti e balli.  Significativa la presenza del Movimento Viva gli Anziani, del Movimento Gli Amici e dei Giovani per la pace che hanno testimoniato la loro gratitudine e il loro affetto per gli immigrati. Antonietta (87 anni) nel saluto rivolto ai presenti ha detto: “Siete i nostri figli, siamo un’unica grande famiglia. Noi vi vogliamo molto bene”.
La realizzazione dell’iniziativa è stata possibile grazie all’aiuto di tanti, tra cui il Ristorante Le Arcate e la Banca di credito cooperativo di Napoli.

 

 
   

 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Febbraio 2018

Mediatori interculturali, fattore di integrazione in una società plurale: oggi consegna dei diplomi

IT | ID
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
22 Gennaio 2018

Una settimana di eventi per la non violenza e l'inclusione. Per dire no all'intolleranza e il razzismo

15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

12 Dicembre 2017
NAPOLI, ITALIA

Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e Campania 2018: presentata la nuova edizione della guida per i poveri

tutte le news
• STAMPA
8 Febbraio 2018
SIR

Migrazioni: Pompei (Comunità Sant’Egidio), “nuove modalità di ingresso in Italia più flessibili ed efficienti”

5 Febbraio 2018
La Repubblica - Ed. Napoli

Violenza: la battaglia non è persa

11 Gennaio 2018
La Repubblica - Ed. Napoli

Ragazzi violenti servono nuovi modelli

2 Gennaio 2018
Corriere del Mezzogiorno

Napoli, il cardinale Sepe sfida i ragazzi delle baby-gang: «Il futuro è solo morire o il carcere»

27 Dicembre 2017
Corriere del Mezzogiorno

Chi apparecchia la tavola della fraternità

26 Dicembre 2017
Il Mattino

Dieci pranzi e 1.200 poveri a tavola: il Natale di solidarietà della Comunità di Sant'Egidio a Napoli

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Gennaio 2018 | NAPOLI, ITALIA

Naples without violence. La solidarietà cambia il mondo

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Dove Napoli 2015

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

240 visite

698 visite

702 visite

241 visite

677 visite
tutta i media correlati