change language
you are in: home - ecumenis...dialogue - internat...or peace - world me... to hope newslettercontact uslink

Support the Community

  

Let us help Rohingya refugees in Bangladesh

The Community of Sant'Egidio launches a fundraising campaign to send humanitarian aid to the refugee camps in Bangladesh, in collaboration with the local Church

Christmas Lunch with the poor: let's prepare a table table that reaches the whole world

The book "The Christmas Lunch" available online for free. DOWNLOAD! And prepare Christmas with the poor


 
printable version
September 30 2013 09:00 | Peace Hall

La speranza e la pace, i ruoli delle religioni in Giappone



Dominic Ryoji Miyahara


Catholic Bishop, Japan
Due anni fa, quell'11 marzo del 2011, la regione nord-orientale del Giappone è stata colpita da un grande terremoto, seguito dall'attacco di uno gigantesco tsunami. Lo tsunami ha portato via case, campi, lavoro, proprietà, le vite umane, ogni cosa, distruggendo tutto nel suo passaggio. Preghiamo che non si ripeta mai più una catastrofe di così immane porzione. 
 
Ma soprattutto, abbiamo visto la conseguenza dell'incidente nucleare, che ha superato ogni nostra immaginazione! Anche oggi centinaia di migliaia di persone vivono in casette precarie costruite per i rifugiati, che non possono tornare nei loro paesi natii.
 
Non vogliamo che si ripetano calamità in cui sia distrutto tutto, ma per me esiste una cosa sola che vorrei che sia distrutta, cioè il muro di divisione di cui l'apostolo Paolo parla nella lettera agli Efesini. "Veramente Cristo stesso è la nostra pace. È uno che ha riunito due cose che erano separate. Cristo, attraverso il suo corpo, ha tolto il muro che divideva gli uomini, cioè togliendo via l'inimicizia, annullando la legge con numerosi precetti, e congiungendo a sè due cose, ha creato "l'uomo nuovo" realizzando la pace" (Efeso 2, 14-18). L'origine da cui nascono tutte le divisioni, contrasti, conflitti è questo "muro di divisione". Non esiste nemmeno una persona al mondo che non desideri la pace. Esistono la pace mondiale, la pace locale, la pace nei posti di lavoro, in famiglia, ecc., anche se le loro dimensioni, livelli, intensità, diciamo anche gli "aspetti cromatici" sono vari, il desiderio di pace è un'aspirazione comune a tutta l'umanità. Pertanto, per me è di grande gioia che mi sia data l'occasione di poter parlare con voi, su questo tema cruciale della pace.
 
Il disastro che aveva colpito il Giappone lascia in noi, dentro ciascuno di noi, delle "crespature" che vanno allargandosi con cerchi concentrici.... Mi accorgo che stia emergendo anche una forza che tende a distruggere "tutti i muri di divisione". Nella città di Fukuoka, dove risiedo, dopo 6 mesi e dopo un anno dalla catastrofe siamo riusciti a organizzare la funzione religiosa congiunta di 5 gruppi ecumenici per pregare per le anime delle vittime. Questi gruppi erano: chiesa anglicana, battista, chiese cristiane unite, luterani, chiesa cattolica. Anche in passato, cioè 5 anni prima, noi e il reverendo Sato della scuola zen Soto avevamo celebrato la funzione religiosa congiunta, dedicata a tutte le vittime della fede dell'epoca di Edo, giustiziate nel luogo di patibolo. 
 
Nell'occasione più recente, ho spiegato l'intento in questi termini:
 
" Alla base del "muro di divisione" esistono l'autoconvincimento (credere di essere nel giusto), l'abitudine a mettere se stesso nel centro, presunzione, ecc. Non solo, si nota una certa rarefazione del sentimento di rispetto per l'altro. Se, dopo il disastro, 5 comunità religiose sono riuscite ad unirsi per pregare insieme, questo è perché in ciascuno di noi esisteva il comune convincimento e un desiderio appassionato di dover in qualche modo rispondere alle necessità delle persone che soffrono e si trovano nella tristezza. Quando riusciamo a condividere le domande "per chi?", "per quale cosa? " e se riusciamo ad avere il comune convincimento che qui occorra fare ed intervenire, non è tanto difficile togliere via tutti i muri di divisione. Ho sentito  che l'esperienza recente del grave disastro ha fatto in modo che noi ci accorgessimo di questi aspetti fondamentali ed essenziali.
 
Per me vi è un'altra cosa che desidero assimilare come un insegnamento. Si tratta del problema dei modi di utilizzo dell'energia nucleare. Il Giappone è l'unico Paese al mondo che ha subito la tragedia causata dall'uso delle armi nucleari. In questo senso, credo che i rappresentanti religiosi giapponesi abbiano una responsabilità ed un ruolo molto grandi. Noi avevamo vissuto credendo nella "assoluta sicurezza" delle centrali nucleari per la produzione dell'energia elettrica, senza mai dubitare. Ma, con l'incidente accaduto alla centrale di Fukushima, quella fatua "mitologia" è crollata completamente. Dovremmo riconoscere che non si può mai dire che le centrali nucleari sono assolutamente sicure, ma occorre ammettere che gli incidenti nucleari sono possibili. D'altra parte la conseguenza dell'incidente nucleare, a differenza di incidenti aerei o ferroviari, causa la minaccia contro la vita degli abitanti, che permane per lunghissimi anni. Non si tratta di semplici problemi scientifici, chimici, o problemi politici, bensì coinvolge il tema essenziale della "vita" che è affidata all'uomo da Dio. Sento che proprio qui è attesa..., che si introducano in scena "uomini religiosi". Se riusciamo a vedere il volto delle persone tormentate, piangenti, sofferenti, in ansia, a causa del pericolo di contaminazione nucleare, e se riusciamo a sentire le loro esigenze profonde, i muri di divisione s'abbasseranno.
 
 

LINKED EVENTS
in the World

PROGRAMMA
PDF

LIVE STREAMING
Programme

RELATED NEWS
October 23 2013

The courage to hope: three videos


From Côte d'Ivoire to Rome, the images of this year's meetings of men and religions broadcast again on television
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
October 3 2013
SAN ANTONIO, UNITED STATES

The spirit of Assisi in Texas


Nearly 1,000 people in San Antonio Texas for the U.S. edition of The Courage of Hope
IT | EN | ES | DE | PT
October 2 2013
ABIDJAN, CÔTE D'IVOIRE

“The Courage to Hope”, also organised in Africa.


Religions meeting in Abidjan, in connection with Rome
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
October 1 2013

Speech of the Holy Father Francis to the participants of the International Meeting for Peace “The Courage to Hope”

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
October 1 2013
To delegitimize religious terrorism

The Indian intellectual Kulkarni said: “Religious Terrorism divides ‘in primis’ its originating religion”.

IT | EN | ES | DE | PT | CA | ID
October 1 2013
To delegitimize religious terrorism

Catholic Theologian Puig i Tàrrech: «Terrorism in the name of God is an attack to all the faithful»

IT | EN | ES | PT | CA | ID
all related news

NEWS HIGHLIGHTS
December 26 2017

Look at the world map enlightened by the Christmas lunches

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
December 25 2017

Merry Christmas from the Community of Sant'Egidio!


The joy of Christmas is the joy of a visit, the one we receive, because Jesus comes into the world, and the one each of us can give, because the visit is a joy and a light that remains. WATCH THE VIDEO
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
December 13 2017 | BLANTYRE, MALAWI

The new church in the House of Friendship of the Community of Sant’Egidio in Blantyre has been inaugurated.


The first prayer was presided by Mgr. Vincenzo Paglia, who met the Community in his visit to Africa
IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | PL | HU

ASSOCIATED PRESS
September 6 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
November 11 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
October 29 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
October 13 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
October 6 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
all press-related