change language
you are in: home - ecumenis...dialogue - internat...or peace - world me... to hope newslettercontact uslink

Support the Community

  

Let us help Rohingya refugees in Bangladesh

The Community of Sant'Egidio launches a fundraising campaign to send humanitarian aid to the refugee camps in Bangladesh, in collaboration with the local Church

Christmas Lunch with the poor: let's prepare a table table that reaches the whole world

The book "The Christmas Lunch" available online for free. DOWNLOAD! And prepare Christmas with the poor


 
printable version
October 1 2013 09:30 | Theatre of the Collegio Urbano

La crisi in Medio Oriente



Antonio Ferrari


Editorialist of "Corriere della Sera", Italy
Vi sembrerà probabilmente un paradosso, ma devo dire che da qualche giorno, pensando e riflettendo sul Medio Oriente, sono tornato a frequentare un compagno che temevo di aver perduto: l'ottimismo. Ottimismo congelato, anzi ibernato dal crescente pessimismo per una serie impressionante di cattive notizie: notizie che sembravano andare nella direzione di una terribile guerra, sempre più ampia ed estesa, con il rischio concreto di un coinvolgimento davvero globale.
 
Il paradosso è reso, se mi consentite, ancor più paradossale da una sensazione che mi sembrava quasi palpabile. Cioè il richiamo alle logiche della "guerra fredda" di tanti decenni fa, che i giovani di oggi hanno potuto vedere soltanto nei film. Quando, cioè, l'Unione sovietica e i suoi satelliti del cosiddetto socialismo realizzato, erano pronti a utilizzare tutti i mezzi a disposizione per provocare e colpire un nemico, quell'Occidente libero e prospero, guidato dagli Stati Uniti d'America. Un Occidente che talora, anzi spesso, utilizzava gli stessi disinvolti sistemi dell'avversario: un misto di provocazioni, propaganda, e scorribande dei servizi segreti e del loro agenti, pronti a tutto, anche a ricorrere alla licenza di uccidere.
 
Ma i protagonisti della "guerra fredda", soprattutto all'Est, ma anche all'Ovest, sapevano bene come arrivare alla frontiera dell'estremo, fermandosi all'ultima stazione, prima del baratro, che sarebbe potuto diventare persino un abisso nucleare, con immagini terrificanti. Quindi, utilizzare tutti i mezzi, pronti però a fare marcia indietro. La crisi dei missili e il blocco di Cuba sono l'esempio del passato più lampante per far capire quel clima di "guerra fredda".
 
Quel che è accaduto in Siria, dove si sta combattendo una feroce guerra civile, sembra quasi andare in questa direzione. La Siria viene minacciata non nel momento peggiore (ah, se ci si fosse mossi un anno fa!, abbiamo tutti  pensato spesso) ma nel momento in cui era stata preparata quella che aveva tutta l'aria d'essere una trappola. Una trappola pretenziosa e maldestra, l'utilizzo del gas venefico, del gas che uccide. Il primo sospetto, dopo che le navi da guerra americane stavano già dirigendosi verso il Mediterraneo orientale, mi è venuto subito, pensando alla Siria e a cosa significa la Siria per la Russia di Vladimir Putin. Damasco è l'alleato di cui Mosca non può fare a meno, e su quel legame -probabilmente- si è sviluppata la partita estrema. La mossa, sulla scacchiera, era così angosciante da imporre non soltanto uno sforzo di fantasia diplomatica. Ma anche necessaria per far ritrovare, allo stesso tavolo, gli Stati Uniti e la Russia, dopo la crisi provocata dal Datagate e dall'asilo concesso da Putin a Edward Snowdon, e spingerli a unire gli sforzi - nonostante le evidenti difficoltà di condivisione di due caratteri diametralmente opposti - il solare Obama e l'arrogante e ambiguo presidente russo- per disinnescare la crisi più devastante: appunto quella siriana.
 
Se non ci fossero state le minacce, e il richiamo a quella "linea rossa" evocata troppo frettolosamente da Barack Obama per punire con la forza chi avesse osato adoperare armi chimiche, probabilmente la guerra civile siriana sarebbe andata avanti come prima, e avremmo dovuto assistere impotenti alla moltiplicazione dei massacri. Un secondo sospetto mi è venuto osservando i video, postati su facebook e su youtube dai ribelli anti-Assad, sui morti per il gas, alla periferia di Damasco. Video strani. Mi avevano colpito l'innaturale postura di alcuni cadaveri, i volti dei bimbi, e l'assenza di donne. Avendo assistito personalmente ad un'orribile manipolazione, proprio di cadaveri, avvenuta in Libano negli anni Ottanta, il dubbio era più che legittimo. Anche perchè mi avevano colpito le dichiarazioni del procuratore Carla del Ponte, la quale sosteneva che, secondo numerosi elementi raccolti, il gas sarebbe stato utilizzato dall'opposizione, non dal regime.
 
Ora, che in Siria vi siano depositi di armi chimiche era noto a tutto. Del resto la Siria non aveva firmato la Convenzione di Parigi per la messa al bando, appunto, delle armi chimiche nel 1993. Questo però non escludeva che i gas fossero stati sottratti, o rubati, magari dalle mani esperte degli ufficiali che hanno abbandonato le Forze armate del regime per unirsi all'opposizione.
 
Ero convinto che il presidente Obama avrebbe comunque, nonostante le apparenze e le minacce, rinviato l'attacco. Forse attendendo, nel rispetto di un gioco delle parti con Mosca che non è neppure necessario esplicitare, la mossa dell'amico-protettore di Damasco, che è puntualmente arrivata. E che forse potrebbe contribuire ad avviare quel percorso necessario alla pacificazione. Un percorso accidentato, lungo, irto di ostacoli e dei giochi inconfessabili dei tanti attori regionali interessati ad alimentare la confusione e a incentivare le condizioni per una guerra totale tra sciiti e sunniti.
 
Devo dire che anche stavolta, come già accadde con la crisi di Cuba, al tempo di papa Giovanni XXIII, è stato essenziale, e forse decisivo, il ruolo del pontefice, di papa Francesco. Non soltanto con la sua immensa autorità morale, ma con la consapevolezza di parlare a nome di tutti coloro (credenti di ogni religione, di ogni fede, laici e atei) che sono animati dal desiderio della pace, pronti a scendere in piazza e a far sentire la loro voce, anche con il silenzio e il digiuno.
 
Il gesto di Francesco, com'è bello poter chiamare il Papa così, è stato di straordinaria rilevanza politica. Chi conosce il Medio oriente sa bene quanto la parola del Papa sia seguita e ascoltata in Libano, in Siria, in Giordania, in Iraq, in Iran. E sia ascoltata con interesse e circospezione persino nell'Arabia Saudita del fondamentalismo sunnita, che però oggi deve venire incontro ai bisogni religiosi di milioni di lavoratori cristiani, e soprattutto cattolici, che vivono nel regno. 
 
Le parole di papa Francesco contro i mercanti del commercio illegale di armi, che sfruttano le guerra per pubblicizzare e vendere i loro strumenti di morte, hanno avuto un impatto che forse fatichiamo ad immaginare.
 
Un po' di ottimismo, allora! Quell'ottimismo che potrebbe aiutare l'Egitto a ritrovare la strada di una convivenza tra le parti, e tra musulmani e cristiani copti. E quell'ottimismo che potrebbe infondere coraggio ai riformisti iraniani, che sono tornati al potere con Rohani, nonostante il compromesso con la componente più oltranzista, rappresentata dall'ayatollah Kamanei. E' chiaro che una nuova atmosfera potrebbe far ripartire anche il negoziato sulla madre di tutti i problemi. Cioè quell'accordo tra israeliani e palestinesi che potrebbe essere preludio ai due Stati, Israele e Palestina che vivano l'uno accanto all'altro in pace e sicuri. Ecco, se questo si materializzasse vorrebbe dire che le primavere arabe, nonostante errori madornali e pericolose scivolate, hanno almeno trovato non solo un obiettivo, ma un traguardo vero: la convivenza. Vi ringrazio per l'attenzione.
 

LINKED EVENTS
in the World

PROGRAMMA
PDF

LIVE STREAMING
Programme

RELATED NEWS
October 23 2013

The courage to hope: three videos


From Côte d'Ivoire to Rome, the images of this year's meetings of men and religions broadcast again on television
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
October 3 2013
SAN ANTONIO, UNITED STATES

The spirit of Assisi in Texas


Nearly 1,000 people in San Antonio Texas for the U.S. edition of The Courage of Hope
IT | EN | ES | DE | PT
October 2 2013
ABIDJAN, CÔTE D'IVOIRE

“The Courage to Hope”, also organised in Africa.


Religions meeting in Abidjan, in connection with Rome
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
October 1 2013

Speech of the Holy Father Francis to the participants of the International Meeting for Peace “The Courage to Hope”

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
October 1 2013
To delegitimize religious terrorism

The Indian intellectual Kulkarni said: “Religious Terrorism divides ‘in primis’ its originating religion”.

IT | EN | ES | DE | PT | CA | ID
October 1 2013
To delegitimize religious terrorism

Catholic Theologian Puig i Tàrrech: «Terrorism in the name of God is an attack to all the faithful»

IT | EN | ES | PT | CA | ID
all related news

NEWS HIGHLIGHTS
December 26 2017

Look at the world map enlightened by the Christmas lunches

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
December 25 2017

Merry Christmas from the Community of Sant'Egidio!


The joy of Christmas is the joy of a visit, the one we receive, because Jesus comes into the world, and the one each of us can give, because the visit is a joy and a light that remains. WATCH THE VIDEO
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
December 13 2017 | BLANTYRE, MALAWI

The new church in the House of Friendship of the Community of Sant’Egidio in Blantyre has been inaugurated.


The first prayer was presided by Mgr. Vincenzo Paglia, who met the Community in his visit to Africa
IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | PL | HU

ASSOCIATED PRESS
September 6 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
November 11 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
October 29 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
October 13 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
October 6 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
all press-related