change language
usted está en: home - ecumenis...diálogo - encuentr...r la paz - roma 201...go y paz newslettercómo contactarnoslink

Ayuda a la Comunidad

  

Liturgia de Acción de Gracias por el 50 aniversario de la Comunidad de Sant'Egidio

10 de febrero, a las 17.30 h Basílica de San Juan de Letrán

Más dificultades para los más pobres para encontrar, conservar o quedarse en una casa

Presentación de la guía DÓNDE 2018

Llegan a Italia los primeros corredores humanitarios de 2018. La nueva fase del proyecto que se ha convertido en un modelo de acogida e integración para Europa


 
versión para imprimir
1 Octubre 2013 09:30 | Basílica de San Bartolomeo

Martirio, il dono della Chiesa irakena



Louis Raphaël I Sako


Patriarca de Babilonia de los caldeos, Iraq
Per noi cristiani dell’Iraq, il martirio è il carisma della nostra Chiesa, antico di oltre 2 mila anni. In quanto minoranza, siamo continuamente di fronte a delle difficoltà e sacrifici, ma siamo coscienti che, essere  cristiani non è una scelta facile, essere cristiano davvero  vuol dire incorporarsi in Cristo per  essere i suoi  testimoni, e può significare giungere fino alla fine,” al martirio”. Il martirio non è una ideologia o uno scopo come pensano i Mujahidin musulmani, ma è una scelta ed un impegno. Dunque il martirio è una realtà quotidiana.
 
Qui in Iraq si capisce che la fede non è una questione ideologica, o una speculazione teologica, ma una realtà mistica. La fede è un incontro personale con Cristo che ci conosce, che ci ama e a cui ci doniamo totalmente. Credere è conoscere, amare e vivere e condividere. Per lui bisogna andare sempre oltre, fino al sacrificio. Il martirio è l’espressione assoluta  della fedeltà a questo amore. Il 31 ottobre 2011, il p. Wassim, il giovane prete della cattedrale siro-cattolica  in Bagdad si è rivolto ai terroristi e ha gridato: Uccidete me e liberate i fedeli. Sapeva quel che diceva: era il suo impegno  di pastore e d’amore per Cristo e per i suoi”.
 
 Penso che uno non diventa cristiano col battesimo automaticamente , ma diventa cristiano ogni giorno..Da quello che ho vissuto e visto in Iraq  mi ha colpito e sono tante volte rimasto in ammirazione. Ad un padre di famiglia gli hanno portato il suo figlio un ingegnere ucciso, invece di lamentarsi  è venuto a mettersi in ginocchio davanti all'altare  gridando Signore grazie. Tu me l’hai dato e tu lo prendi. Era per me il vero  Giobbe! 
I cristiani del mondo intero possono rinnovare la loro fede e il loro impegno stando a contatto con i cristiani perseguitati in Iraq e altrove. Il loro esempio aiuta a trovare un senso per la vita. Le nostre preghiere le celebrazioni non sono riti magici ma  sono momenti forti e privilegiati di festa, speranza e gioia. L'Eucaristia non è un rito che corre ma un tempo di unione, condivisione, comunione, d'incoraggiamento e d'invio.
Allo stesso tempo, l’amicizia, la solidarietà e il sostegno dei nostri fratelli e sorelle dell’occidente ci dà il coraggio di resistere e restare nella nostra terra e nelle nostre chiese, continuando la nostra presenza e la testimonianza cristiana. Sapere che ci siete vicini, ci spinge a coltivare una vita in comune, in pace e in armonia, con i nostri fratelli musulmani.
Non lasciateci perdere  il nostro coraggio e la nostra speranza.
Nel libro dell’Apocalisse è detto alla Chiesa di Smirne e forse la stessa parola si ripete ai cristiani in difficoltà come in Iraq e in Siria. " non temere… sii fedele sino alla morte, e ti darò la corona della vita " (Apocalisse  2/10) e  "Coraggio, ho vinto il mondo" (Gv 16, 33).
 
 
I vostri fratelli e sorelle, testimoni coraggiosi della loro fede e che hanno sofferto vari tipi di persecuzione hanno bisogno della vostra solidarietà, vicinanza e preghiera. Grazie a Dio di questo dono.
 
I Cristiani in ME sono invitati a continuare la loro testimonianza nella loro situazione concreta e tuttavia le loro difficoltà e la sofferenza di essere un vero segno di speranza e di pace per i loro cittadini. Essi dovrebbero sviluppare un migliore dialogo di comprensione basato sui diritti umani e valori religiosi. Incoraggiamo i laici a essere più coinvolti e attivi nella cultura, sociale, politica dei loro paesi e a non avere paura di rivendicare i loro diritti civili e l'uguaglianza della cittadinanza.

 


EVENTOS CONECTADOS
en el mundo

PROGRAMMA
PDF

RETRANSMISIONES VÍDEO
Programa

NOTICIAS RELACIONADAS
23 Octubre 2013

La valentía de la esperanza: tres vídeos


Desde Costa de Marfil hasta Roma, las imágenes de los encuentros de este año entre hombres y religiones se han transmitido por televisión
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Octubre 2013
SAN ANTONIO, ESTADOS UNIDOS

The Courage to Hope. El espíritu de Asís en Texas


Líderes religiosos y estudiantes han participado en el encuentro de San Antonio que ha seguido el encuentro de Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Octubre 2013
ABIDJAN, COSTA DE MARFIL

También en África, "La valentía de la esperanza"


Encuentro con las religiones en Abiyán en conexión con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
1 Octubre 2013

Mensaje del Papa Francisco a los participantes del Encuentro Internacional por la Paz "La valentía de la esperanza"

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
1 Octubre 2013
Deslegitimar el terrorismo religioso

El intelectual indio Kulkarni: El terrorismo religioso divide in primis las religiones de las que nace.

IT | EN | ES | DE | PT | CA | ID
1 Octubre 2013
Deslegitimar el terrorismo religioso

El teólogo católico Armand Puig: "El terrorismo en nombre de Dios es un ataque a cada creyente"

IT | EN | ES | PT | CA | ID
todas las noticias relacionadas

NOTICIAS DESTACADAS
6 Febrero 2018

Sant'Egidio, 50 años al servicio de la paz - entrevista a Marco Impagliazzo


"Satisfecho de haber hecho descubrir a muchos la alegría del Evangelio"
IT | ES | CA | ID | HU
4 Febrero 2018 | MACERATA, ITALIA
Comunicado de prensa

Macerata, solidaridad de Sant'Egidio con las víctimas: una delegación visita a los heridos en el hospital


“Al lado de quien ha sufrido el odio y el racismo. No al desprecio que provoca violencia”
IT | ES
1 Febrero 2018 | IRAK

Iraq: preocupación de Sant'Egidio por el recurso a la pena de muerte

IT | ES | DE | FR

PRENSA RELACIONADA
6 Septiembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Noviembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Octubre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Octubre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Octubre 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
todo relacionado con la prensa