change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - antwerp ...e future newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
Peace is the future

 
versione stampabile
9 Settembre 2014 09:30 | Auditorium KBC

Intervento


Cornelio Sommaruga


Già presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa, Svizzera

Sono onorato di essere il moderatore del dibattito che la Comunita' di Sant' Egidio ha voluto dedicare al tema: "100 anni dalla Prima Guerra Mondiale: Il disarmo e' possibile." Notiamo subito che non che non c' e' un punto interrogativo nel titolo, "Il disarmo e' possibile" e' un' affermazione.

Permettetemi prima di presentarmi. Sono un avvocato svizzero di lingua italiana dell' Universita' di Zurigo. In precedenza ho lavorato nella Diplomazia svizzera, prima ai Rapporti politici bilaterali, poi ai Negoziati commerciali (dove sono stato ambasciatore per gli Accordi commerciali e  segretario di stato per le relazioni economiche esterne della Svizzera), infine alle Questioni umanitarie. In quest' ultimo ambito ho presieduto per 13 anni il Comitato internazionale della Croce Rossa. Successivamente mi sono occupato di sminamento, di diritti umani in Medio Oriente e Nord Africa e di Riarmo Morale, attivita' oggi ridenominata Iniziative di Cambiamento, di cui sono presidente onorario. Ma soprattutto sono un amico della Comunita' di Sant' Egidio, che ho conosciuto all' epoca del negoziato per la pace in Mozambico. Questo di Anversa e' il sedicesimo incontro di Uomini e Religioni a cui partecipo. 

Nessuno di noi ha vissuto di persona l' inizio della Prima Guerra Mondiale, con l' assassinio di Sarajevo e la dichiarazione di guerra dell' imperatore Francesco Giuseppe alla Serbia il 28 luglio 1914. Siamo tutti consapevoli pero' delle terribili conseguenze di quel conflitto che in quattro anni si e' lasciato dietro milioni di morti, feriti e mutilati, centinaia di migliaia di vedove, innumerevoli orfani. Il soldato combattente in quei tempi non era considerato un essere umano: la guerra era fra Stati!

Come ex presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa ricordo che gia' nel 1862 Henry Dunant aveva avvertito che le nuove tecnologie minacciavano di rendere le guerre ancora piu' barbariche. Cosa che si e' certamente verificata  nella Prima Guerra Mondiale, con l' avvento degli aerei, dell' artiglieria pesante e delle armi chimiche. La previsione del fondatore della Croce Rossa rimane d' attualita' in questo scorcio del XXI secolo.

E' per iniziativa del Comitato internazionale della Croce Rossa che nel 1925 e' stato firmato il Protocollo di Ginevra sulle armi chimiche, nell' ambito della Societa' delle Nazioni. Ad esso ha fatto seguito nel 1972 la Convenzione sulle armi chimiche delle Nazioni Unite.

E' soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale che sono stati fatti molti sforzi per un disarmo generale bilanciato e controllato. I risultati sono stati scarsi, anche perché la regola della decisione per consenso blocca da anni la Conferenza sul Disarmo, che non riesce neanche a fissare l' agenda. Dobbiamo ammettere che l' enorme aumento degli armamenti costituisce una grave minaccia per la stabilita' e la pace. L' accumulo eccessivo e il commercio indiscriminato di armi non sono moralmente giustificabili. Le armi non possono essere considerate alla stregua degli altri beni commerciati internazionalmente.

Qualche progresso e' stato compiuto per la non proliferazione delle armi nucleari, anche se devo deplorare, soprattutto dopo la fine della guerra fredda, la mancata inclusione di tali armi nella Legge Internazionale Umanitaria, considerate le conseguenze catastrofiche che avrebbe il loro impiego. Mi fa piacere constatare che il Movimento Croce Rossa - Mezzaluna Rossa ha recentemente approvato un piano d' azione quadriennale per la messa al bando delle armi nucleari.  

Uno sviluppo positivo e' stata la firma della Convenzione sulle armi biologiche, cosi' come la conclusione di accordi sui residuati bellici esplosivi, sulle mine anti-uomo e sulle munizioni a grappolo e la firma del trattato sul commercio di armi. Sono trattati che io definisco di disarmo umanitario. Bisognerebbe ora richiamare la responsabilità dei paesi produttori di armi nell' evitare la proliferazione di armi leggere fra le formazioni combattenti non statali.

Affermiamo con forza che un' enorme responsabilità al cospetto dell' intera umanità grava sui paesi che posseggono armi di distruzione di massa. La tendenza generale dovrebbe essere al bando della produzione, della vendita, dell' importazione  e dell' esportazione, dell' accumulazione e dell' impiego di ogni sorta di arma! Ma per progredire sulla via del disarmo occorrono un forte impegno politico, risorse umane e finanziarie e l' aiuto dell' Onnipotente, che dobbiamo incessantemente invocare. 

Fatemi aggiungere che non bastano gli accordi sul disarmo, se, come accade, l' applicazione ne è disattesa.

Sul municipio della mia città, Lugano, un' iscrizione recita: ............, che tradurrei liberamente come: LA LIBERTÀ CI VIENE DALLE LEGGI; MA CHE SONO LE LEGGI E LA FIDUCIA SENZA RETTI COMPORTAMENTI ?

Apro ora il dibattito e chiedo ai miei distinti colleghi di darci le loro opinioni, in particolare sulla questione se il disarmo sia realmente possibile!

 

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
31 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

La Comunità di Sant’Egidio ricorda il prof. Joachim Gnilka scomparso a Monaco all’età di 90 anni.

IT | DE
30 Gennaio 2018
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Chantal, Elodie e le altre: storie di bambini e non solo in cura con il programma DREAM a Bangui, capitale del Centrafrica

IT | ES | DE | FR | CA | NL
28 Gennaio 2018
MONACO, GERMANIA

'Il piatto più buono è quelllo dell'amicizia': lo offre Sant'Egidio a tanti amici nelle periferie di Monaco di Baviera


Visita di Marco Impagliazzo alla Scuola della Pace e alla mensa
IT | DE
25 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

Centrafrica, il presidente Touadera a Sant'Egidio: prosegue il processo di pace, parte ora la nuova fase del disarmo

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
24 Gennaio 2018
Comunicato Stampa

Centrafrica, domani il presidente in visita a Sant'Egidio: Colloqui sul processo di pace e incontro con la stampa

IT | PT
15 Gennaio 2018

'Fare Pace - la diplomazia di Sant'Egidio' è in libreria


Alla vigilia del 50mo, un libro per comprendere il lavoro per la pace di Sant'Egidio
IT | ES | DE | PT
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
7 Febbraio 2018

50 anni di Sant'Egidio: la gioia del Vangelo da Roma alle periferie del mondo


La Comunità compie 50 anni. Una storia cominciata il 7 febbraio 1968 a Roma da Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che volevano cambiare il mondo...
IT | DE | PT
7 Febbraio 2018

'Un aspetto chiave di Sant'Egidio è la sua dedizione al dialogo' Da Yad Vashem, il Memoriale dell'Olocausto a Gerusalemme, gli auguri per il 50mo

IT | DE
7 Febbraio 2018

'Vi auguro di continuare la vostra missione per la pace': Ahmad Al-Tayyeb, Grande Imam di Al-Azhar, per i 50 anni di Sant'Egidio

IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
26 Febbraio 2018
Roma sette
Congo e Sud Sudan, Gnavi: «La liberazione ha il nome di Gesù»
23 Febbraio 2018
Domradio.de
"Wir können Frieden organisieren wie andere den Krieg"
22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana
La preghiera sia un urlo contro le guerre
21 Febbraio 2018
SIR
Giornata preghiera e digiuno: Comunità di Sant’Egidio, adesione all’invito del Papa. Veglia nella basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma e in molte città italiane
21 Febbraio 2018
Vatican Insider
Sant’Egidio si unisce alla Giornata di digiuno per Congo e Sud Sudan indetta dal Papa
tutta la rassegna stampa correlata