change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più anziani - il segre...alleanza - il senso...ecchiaia newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Il senso della vecchiaia


 
versione stampabile

Il senso della vecchiaia

Vivere a lungo ed avere una vecchiaia felice resta un obiettivo ed una speranza per la grande maggioranza delle persone. L'aumento della speranza di vita si accompagna alla crescita della speranza di una vita attiva. Sempre più delle persone anziane rimangono a lungo in buona salute e sono autonome. Vecchiaia non è sinonimo di dipendenza. Tuttavia, molti dei nostri contemporanei rifiutano di accettare questo periodo della vita umana e lo percepiscono come la perdita di tutto ciò che li gratificava durante la vita attiva. La mancanza di amicizia, di solidarietà intergenerazionale, l'allontanamento dai circuiti relazionali hanno la loro origine anche nell'immagine deformata, erronea, carica di pregiudizi e di stereotipi radicata nell'opinione pubblica sulla vecchiaia. Le condizioni di vita di tanti anziani soli, poveri, abbandonati sono rivelatrici dell'orientamento utilitaristico della nostra società. L'anziano rappresenta un grande paradosso contemporaneo: è quello di una vita donata e prolungata ma anche ritenuta il più delle volte inutile e ingombrante. Proprio su questi temi, in occasione dell'Anno Internazionale dell'Anziano, la Santa Sede, attraverso il Pontificio Consiglio dei Laici, ha prodotto un interessante documento che sottolineando la dignità dell'anziano aiuta l'uomo contemporaneo ad interrogarsi sulla missione degli anziani nella Chiesa e nel mondo.

In effetti la nostra società ha smarrito il senso della vecchiaia. L'ultimo discorso che le dava significato era quello sull'anziano saggio che aveva una sua verità in una società tradizionale in cui l'informazione e la comunicazione era lenta ma oggi il fare e il sapere di chi è anziano non reggono il confronto con le rapide trasformazioni tecnologiche. Questo si sta verificando anche in altre zone del pianeta dove resistevano antiche tradizioni e strutture sociali arcaiche. Pensiamo al Continente africano e alla crisi dell'anziano che si profila anche lì dove finora gli anziani hanno beneficiato dell'assistenza e della protezione dei loro parenti prossimi, del loro clan, della comunità locale. Oggi anche in queste aree diventa più difficile preservare tali relazioni nel momento in cui il numero degli anziani cresce e contemporaneamente, a causa dell'emigrazione e dell'urbanizzazione, le tradizionali strutture che si occupavano della loro assistenza, quali ad esempio la famiglia estesa, vengono sottoposte a cambiamenti radicali. 

Così, per chi invecchia  viene un'età in cui si riesce a fare di meno, in cui il proprio fare è datato, in cui le cose che uno dice o fa sono fuori tempo, nella quale emerge la fragilità di non tenere il passo con una vita che è diventata molto competitiva.

Emergono in questo critico contesto sociale le domande di molti adulti e giovani anziani: come reagire alla vecchiaia, come non diventare cittadini del continente anziano, come evitare di finire in quei grandi parcheggi che sono i cronicari, come non perdere la considerazione e il potere tra i sani, i giovani, i forti? È meglio restare giovani il più a lungo possibile, difendere la propria giovinezza. Essere vecchio è un valore negativo. È allora necessario aiutare l'uomo contemporaneo, l'anziano di oggi e di domani, a ritrovare il senso della sua vita al di là della sola fase produttivo - consumista. I vecchi con la loro fragilità, la loro debolezza sono una domanda prepotente di un senso della vita che vada ben oltre quello che gli attribuisce il mercato, la competitività, la concorrenzialità. Incontrare gli anziani vuol dire scoprire in loro una grande voglia di vivere. Sconfiggere l'attuale rappresentazione negativa della vecchiaia è anzitutto un'impresa culturale ed educativa che deve coinvolgere tutte le generazioni. Esiste una responsabilità verso gli anziani di oggi che vanno aiutati ad accettare la loro età apprezzandone le risorse e sconfiggendo il ripiegamento su di sé, i dolorosi sentimenti di inutilità, la disperazione e la rabbia verso le nuove generazioni. Esiste anche una responsabilità verso le generazioni future: quella di preparare un terreno più favorevole alla condizione anziana. Il depauperamento relazionale investe tutta la società, ma in modo più evidente la condizione anziana. Il benessere, la giustizia sociale, l'equità, la centralità della persona umana, la sua dignità, la condivisione fraterna devono essere perseguiti per contrastare la cultura dell'indifferenza, l'esasperato individualismo, la competitività e l'utilitarismo che minacciano tutti gli ambiti del consorzio umano.

I più Anziani


 LEGGI ANCHE
• NEWS
18 Gennaio 2018

Anziani, Sant'Egidio: la creazione di un Ministero per la solitudine nel Regno Unito è un campanello di allarme

IT | EN | ES | DE
2 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Una visita alla mostra degli artisti disabili "La forza degli anni" aperta a Roma fino al 9 dicembre

24 Novembre 2017

La storia di Tina. Quelle coperte che scaldano le notti degli ultimi di Roma

22 Novembre 2017
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

A Ouagadougou apre una casa per anziani: per Marie e Angele inizia una nuova vita

IT | ES | DE | NL | ID
23 Ottobre 2017
BEIRA, MOZAMBICO

Dare da mangiare agli anziani in Mozambico: distribuiti aiuti alimentari ai più poveri nella città di Beira

IT | ES | DE | FR | PT | RU | ID
17 Ottobre 2017
LOME, TOGO

Telemedicina per i bambini di strada e gli anziani in Togo: dove scienza e solidarietà si alleano

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
7 Febbraio 2018
Avvenire

L'Italia già «casa comune». Anziani e badanti, la forza di un abbraccio di debolezze

26 Gennaio 2018
Il Mattino di Padova

«Il dolore è lingua che accomuna»

24 Gennaio 2018
La Stampa

Apre il centro sociale a Sant’Andrea: “Una casa accogliente per tutti”

18 Gennaio 2018
SIR

Ministero per la solitudine: Comunità Sant’Egidio, “problema da non sottovalutare”. Servono “reti di protezione” e “alleanze tra generazioni”

21 Dicembre 2017
La Stampa

Villaggio Dalmazia. Una struttura per gli anziani

8 Dicembre 2017
La Repubblica.it

Marzia, i vecchi e la poesia della fragilità

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Gennaio 2018 | PADOVA, ITALIA

Convegno ''La città del noi, una proposta per Padova''

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Scheda del programma Viva gli Anziani (Giugno 2017)

Comunità di Sant'Egidio

Progetto ''Una città per gli anziani, una città per tutti''

Alcuni dati: il numero di anziani soli in Italia

Alcuni dati: popolazione anziana nel mondo

I dati del programma Viva gli Anziani!

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

746 visite

713 visite

689 visite

694 visite

668 visite
tutta i media correlati