change language
sie sind in: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  

il Cittadino

27 Januar 2016

Il vescovo della chiesa ortodossa ucraina testimone di una proficua amicizia con il vescovo cattolico

Kovalenko a Genova : «Unità come muro contro il male»

 
druckversion

E' la Domenica delle Palme del 2014 quando in una piazza della città ucraina di Zaporozhye scendono centinaia di persone: con i loro slogan vogliono contestare i manifestanti di piazza Maidan che a Kiev si oppongono alla sospensione, da parte del Governo ucraino, dell'accordo di associazione tra Ucraina e Unione europea. Nel giro di poco tempo, attorno a loro si raduna un numero molto maggiore di persone favorevoli a quella sospensione che li circondano e iniziano a tempestarli di uova e farina.
Arrivano pullman di persone da altre città per rafforzare le fila degli assedianti: in una città che si trova proprio sul confine delle zone in conflitto c'è il rischio serissimo di un'esplosione di violenza. Il vescovo cattolico e quello ortodosso-ucraino si incontrano e decidono di andare a parlare con le due parti, poi l'ortodosso solleva il medaglione con l'immagine di Maria e, insieme, i due si mettono alla guida di una colonna di persone, rompendo l'assedio e portando in salvo le donne e gli uomini che erano circondati.
Luka Kovalenko, il vescovo della chiesa ortodossa ucraina che è stato protagonista di questo episodio è stato in visita a Genova lo scorso fine settimana dove ha incontrato la Chiesa genovese e ha parlato a molta gente. In occasione della Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, ricordare come l'amicizia con il vescovo cattolico permise di salvare tante vite evitando uno spargimento di sangue, aiuta a comprendere come la ricerca

dell'unità non sia solo un esercizio di cortesia, ma «l'unità è misteriosamente e concretamente un muro contro il male».
Invitato dalla Comunità di 
Sant'Egidio, Kovalenko, che è arcivescovo dell'eparchia di Zaporozhe e Melitopol', non ha tenuto una vera conferenza, ma ha dialogato - nella sala Frate sole del convento dell'Annunziata gremita di pubblico - sulle sfide della riconciliazione in Ucraina, sul ruolo dell'educazione e dei media, sul dialogo tra le generazioni. «Noi cristiani ha spiegato il Vescovo - non esortiamo mai alla vittoria dell'una parte o dell'altra, ma per noi l'unica vittoria è la riconciliazione. La Chiesa conosce una sola vittoria: quella dell'uomo su se stesso».
Passando dalla politica alla spiritualità, Luka Kovalenko ha raccontato qualcosa delle tensioni che ancora lacerano l'Ucraina (nonostante la tregua ufficiale, solo nel giorno di venerdì scorso settanta scontri a fuoco nel paese «cristiani che sparano ad altri cristiani» - con un soldato morto e più di dieci feriti), ma ha anche voluto parlare di quanto sia necessario un lavoro di pacificazione che parta dall'interiorità degli uomini e delle donne: «noi siamo chiamati a creare fiducia, a costruire quella che 
Sant'Agostino chiamava una "concordia ordinata", ad educare noi stessi e i nostri figli alla pace: la riconciliazione non è innanzitutto un lavoro diplomatico, ma inizia dal cuore dell'uomo».


 LESEN SIE AUCH
• NACHRICHTEN
23 Januar 2018

Gebetswoche für die Einheit der Christen: Alle sollen eins sein

IT | ES | DE
23 Oktober 2011

Der Geist von Assisi: 25 Jahre Friedensgebet

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
30 Juni 2011

Kiew (Ukraine): Urlaub mit den alten Menschen, um zu sagen, dass ein langes Leben für alle wertvoll ist

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | RU
13 Juni 2011

Dresden: Einsatz für das Leben und für den Schutz der Roma, die Themen von Sant'Egidio beim Kirchentag 2011 der evangelischen Kirche in Deutschland

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
9 Juni 2011

Die Geschichte von Tania, dem urkainischen Mädchen aus dem Patenschaftsprogramm

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
2 Juni 2011

Rom: In der St. Bartholomäusbasilika wurde die Stola von Ragheed Aziz Ganni übergeben, einem in Mosul im Irak getöteten chaldäischen Priester

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
all news
• RELEASE
31 Januar 2018
SIR

50° Comunità Sant’Egidio: Hilarion (Patriarcato di Mosca), “la nostra una collaborazione che ha dato tanti buoni frutti”

29 Januar 2018
Vaticannews

Corridoi umanitari: la collaborazione ecumenica via della speranza

25 Januar 2018
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg

Angst und Lethargie überwinden

14 Januar 2018
Roma sette

Ecumenismo, in processione con anglicani, luterani e ortodossi

21 Dezember 2017
Il Secolo XIX

Con Sant’Egidio, a tavola in settemila: serve aiuto: offerte, doni e... volontari

21 November 2017
SIR

Ecumenismo: mons. Spreafico (Cei), “il cammino verso l’unità deve diventare modello per coinvolgere altri in un impegno per cura della casa comune, giustizia, vita, pace”

die ganze presseschau
• GESCHEHEN
24 Januar 2018

Ökumenischer Gottesdienst in der Gebetswoche für die Einheit der Christen

ALLE SITZUNGEN DES GEBETS FÜR DEN FRIEDEN
• KEINE TODESSTRAFE
9 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

6 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

4 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

23 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

11 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

11 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

8 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

8 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

8 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

27 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

14 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

10 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

Hilde Kieboom: "Die Freundschaft als Weise um Kirche zu sein"

alle dokumente