change language
sie sind in: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
29 Mai 2016

Dal campo alla casa, la nuova vita della famiglia rom

Le storie. Seguita dalla Comunità di Sant'Egidio, era stata sgomberata da via Rubattino: «Che bello avere i figli puliti»

 
druckversion

Dal campo a una casa vera. È il percorso che sta seguendo la famiglia di Ramona, mamma Rom di 25 anni, che da un paio di mesi vive, con il marito e i tre figli (di 8, 6 e 2 anni), nella palazzina solidale di Greco. Insieme ad altre cinquanta, la famiglia di Ramona è stata presa in carico dalla Comunità di Sant'Egidio dopo lo sgombero della baraccopoli di via Rubattino nel novembre 2009. Oggi tutti i nuclei vivono in una casa vera e hanno avviato un progetto di riscatto e integrazione sociale.
«I figli grandi di Ramona - spiega Stefano Pasta, responsabile del Servizio Rom della Comunità di 
Sant'Egidio di Milano - frequentano regolarmente la scuola del quartiere e il più piccolo è in lista d'attesa per la scuola materna. Il marito lavora e questo permette alla famiglia di versare la piccola pigione che chiediamo per la casa. Che non è una soluzione definitiva, ma garantirà alla famiglia di costruirsi un'autonomia per arrivare ad avere una casa propria».
Basta «topi e insetti giorno e notte» e «sporcizia ovunque». Oggi Ramona è davvero felice, anche perché, intorno alla sua famiglia, è cresciuta la rete solidale della parrocchia, che, attraverso un gruppo di volontarie, l'aiuta nella gestione della casa e dei bambini. «Qui - racconta la giovane mamma Rom - ho trovato nuove amicizie e, soprattutto, una casa vera. Finalmente, i bambini sono puliti e non giocano più tutto il giorno in mezzo al fango. Questa sì che è vita».
Anche per Claudia, disabile di 27 anni, la svolta della vita è stata l'ingresso nella palazzina solidale. Con altre tre persone nelle sue condizioni, oggi abita nel grande e luminoso appartamento al secondo piano. «Aiuto a cucinare e faccio le pulizie», racconta la giovane, in attesa di essere inserita in un Centro socio educativo della zona, dove passerà le giornate per poi rientrare, la sera, nella casa di Greco.
«A regime - spiega Paola Pirani, responsabile della struttura - l'appartamento ospiterà nove persone, con tre educatori e una famiglia d'appoggio per la notte. Lo scopo è attivare percorsi di autonomia e alleviare le famiglie di origine degli ospiti».
Il tema di fondo è quello del "dopo di noi", per preparare i disabili a una vita autonoma e di qualità anche dopo la scomparsa dei genitori. Un obiettivo oggi più vicino per Claudia e i suoi amici.


 LESEN SIE AUCH
• NACHRICHTEN
18 November 2017

Welttag der Armen, Sant’Egidio – eine starke Botschaft der Solidarität, die zur Überwindung von Misstrauen aufruft

IT | ES | DE | RU
22 September 2017
WIELICZKA, POLEN

Das Treffen der „Europäischen Jugendlichen für eine gewaltfreie Welt“ hat begonnen

IT | ES | DE | FR | CA | PL
20 September 2017

500 europäische Jugendliche in Auschwitz: das Gedenken an die Shoah wird zum Vorschlag für eine gewaltfreie Welt

IT | ES | DE | FR
22 August 2017
VÍTKOV, TSCHECHIEN

Eine Botschaft des Zusammenlebens und der Integration der Kinder von Vítkov

IT | DE | FR
28 Juli 2017
MÜNCHEN, DEUTSCHLAND

Sommer der Solidarität - ein neues Zentrum für die Schule des Friedens in der Peripherie

27 Juli 2017
WÜRZBURG, DEUTSCHLAND

Sprache, Kultur und Solidarität – die Schlüssel der Integration

all news
• RELEASE
24 Februar 2018
Avvenire

A spasso per Milano aiutando l'Africa

15 Februar 2018
La Nazione

Un pasto per chi non ha nulla. Ecco come si può dare una mano

10 Februar 2018
SIR

50° Sant’Egidio: Gentiloni (presidente del Consiglio), “dalla condizione dei più deboli si misura il benessere autentico di una società”

10 Februar 2018
Il Sole 24 ore

Migranti, Gentiloni: sbagliato promettere fine dei flussi

4 Februar 2018
FarodiRoma

Raid xenofobo a Macerata. La Comunità di Sant’Egidio conforta i feriti

2 Februar 2018
el Periódico

La brújula de los sintecho

alle pressemitteilungen
• KEINE TODESSTRAFE
10 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

Zeugnis von Adriana Ciciliani, einer Frau mit Behinderung

Zeugnis von Branislaw Savic, Roma

alle dokumente

FOTOS

829 besuche

862 besuche

814 besuche

908 besuche

890 besuche
alle verwandten medien