change language
sie sind in: home - pressearchiv newsletterkontaktlink

Unterstützung der Gemeinschaft

  
25 August 2017

La road map per la pace riparte dalle Ramblas

L’antidoto al terrore

Cinquecento ragazzi di tutta Europa nella città ferita dagli attentati per ribadire l’impegno a costruire «una società di coesistenza». Oggi saranno alla marcia contro il fondamentalismo con il presidente della Comunità, Impagliazzo. Continua in Catalogna la polemica politica. Puigdemont: «Madrid ha giocato con la sicurezza»

 
druckversion

«Dopo l’orrore degli attacchi terroristici di Barcellona, noi vogliamo mostrare la nostra volontà di pace e il nostro impegno per lavorare alla costruzione di una società di coesistenza». L’appello alla pace dei giovani europei della Comunità di Sant’Egidio risuona in spagnolo, inglese, francese, italiano, tedesco, forte e commovente, sulla Rambla, accanto alla montagna di fiori e peluche e alle centinaia di lumini che ricoprono i punti dove sono cadute le vittime del 17 agosto scorso: tredici là sul vialone, più una sulla Diagonal e un’altra a Cambrils.
Al flusso costante di turisti che, fra un “tapas bar” e una gelateria, si soffer
mano pensosi per qualche attimo a leggere le migliaia di bigliettini che invocano pace e dialogo, si sono aggiunti ieri cinquecento fra liceali e studenti universitari della Comunità di Sant’Egidio, provenienti da tutta Europa con alcuni ospiti da Africa, Pakistan e Usa, determinati a non cedere alle ragioni del male.
Una sfilata silenziosa dal mare sino all’altezza del Teatro Liceu dove si è interrotta la folle corsa del furgone killer, per depositare 15 bouquet (uno per ogni vittima) portati da 15 ragazzi di nazionalità diverse: lì è stato poi letto il loro manifesto per la pace dedicato ai morti di Barcellona e Cambrils. Al termine, giovani e passanti hanno compiuto un gesto di pace, abbracciandosi e dandosi la mano prima di concludere la serata con una preghiera nella basili
ca di Santos Justo y Pastor.
Una delle voci è quella di Clara, 18 anni, studentessa di Barcellona, short e lunghi capelli neri, impegnata ad assistere gli anziani della città vecchia: «Anche se siamo tutti ancora scioccati, la risposta non è la vendetta – ci dice senza esitazioni –. Non dobbiamo vedere come diversi i musulmani, perché questa sarebbe la vera sconfitta». Coraggiosi e altruisti questi ragazzi che, nonostante i timori di molti genitori, non hanno voluto rinunciare al settimo Incontro internazionale dei Giovani per la Pace europei – Young for Peace – a Barcellona, già fissato da un anno. «Sono qui per unirmi al grido “No tinc por” (Io non ho paura) – spiega Agnese, 16 anni, romana, che durante l’anno fa visita agli anziani nelle case di riposo –. Stando uniti possiamo costruire ponti e possiamo essere
noi stessi aprendoci agli altri».
L’incontro del movimento dei giovani della Comunità – presente in Europa e in altri Continenti – dopo Assisi, Cracovia, Roma, Berlino, Anversa e Parigi, si è aperto ieri al Museo del Mare di Barcellona per una tre giorni di incontri, riflessioni, scambi e visite anche nei luoghi più poveri della città catalana, come il quartiere periferico
de La Mina. A chiudere domenica, prima della Messa, sarà l’incontro con il presidente di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, che ribadirà la fiducia nei giovani. Il tema infatti è “More Youth, More Peace” (Più giovani, più pace) e vede a confronto ragazzi che tutto l’anno si occupano di costruire la pace operando a favore dei bambini dei quartieri più svantaggiati, degli anziani, dei senza tetto e dei rifugiati.
«La sera dell’attentato noi dovevamo portare, come ogni giovedì, i panini ai nostri “amici di strada” che vivono sulla Rambla e nei quartieri circostanti – racconta Roger, ingegnere, 28 anni, di Barcellona –. Siamo stati bloccati, ma il giorno dopo siamo andati personalmente a cercarli. Stavano bene, anche se molti erano scioccati per le scene terribili che hanno visto. Questo è stato un attacco alla convivenza, dobbiamo dare una risposta forte attraverso l’integrazione dei bambini, dei rifugiati e delle differenti religioni». L’educazione è il punto fondamentale, sostiene Massimiliano,
 25 anni, laureato in Lettere che a Napoli si occupa della scuola di pace di Sant’Egidio nel rione Sanità. «Bisogna far parlare questi ragazzi che sono abituati a vivere nella violenza. Guardando le facce degli attentatori ragazzini ho pensato la stessa cosa: la mancanza di una educazione e una figura di riferimento può degenerare
nel male, che si tratti di camorra o fondamentalismo islamico».
I ragazzi di Sant’Egidio hanno deciso di lanciare un forte messaggio di pace proprio dalla cuore della città ferita. «Ancora una volta abbiamo scelto il dialogo e la solidarietà con i più poveri e i più deboli della nostra società per costruire un futuro di pace e di coesistenza in Europa e nel mondo – dicono fieri – Noi siamo convinti che solo il dialogo e l’integrazione aprono la via alla pace. Noi vogliamo sconfiggere il male col bene, far trionfare il perdono sulla vendetta. Per questo noi vogliamo contribuire attivamente a creare un’Europa dove tutti possano vivere insieme: un mondo senza razzismo ». Il messaggio verrà portato oggi dai 500 giovani che, guidati da Impagliazzo , si uniranno alla grande manifestazione contro il terrorismo organizzata dal Comune e dalla Generalitat.

Al corteo parteciperanno, oltre al re Felipe VI, il premier Mariano Rajoy e il presidente del governo catalano, Carles Puigdemont. Un segno di unità che non ferma, però, le polemiche. Anche ieri Puigdemont ha accusato Madrid di aver messo a rischio la sicurezza della regione non consentendo il reclutamento di 500 nuovi agenti.


 LESEN SIE AUCH
• NACHRICHTEN
25 Januar 2018

Unsere Mission: eine ‚global friendship‘. Video mit der Botschaft der europäischen Jugendlichen zum #Holocaustgedenktag

IT | EN | DE | FR | HU
23 Januar 2018
PERU

Die Gemeinschaft Sant’Egidio von Lima bei Treffen mit Papst Franziskus

IT | ES | DE | FR | PT
19 Januar 2018
MÖNCHENGLADBACH, DEUTSCHLAND

Die Geschichte von Rawan: Aus dem Krieg im Irak in die Schule des Friedens in Mönchengladbach

IT | ES | DE | NL | HU
18 Januar 2018

Alte Menschen, Sant’Egidio: Einrichtung eines Ministeriums für Einsamkeit in Großbritannien ist ein Alarmsignal

IT | EN | ES | DE
24 November 2017
CASTAÑHEIRA DE PÉRA, PORTUGAL

Farben der Hoffnung der Jugend für den Frieden aus Porto und Lissabon

IT | DE | PT
1 November 2017

Die Jugend für den Frieden aus Nigeria hat den ersten Preis des Liederwettbewerbs Sounds for Peace gewonnen

IT | EN | DE
all news
• RELEASE
13 März 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

2 Februar 2018
el Periódico

La brújula de los sintecho

1 Februar 2018
La Vanguardia

La dificultad de acceso a vivienda aumenta el riesgo de pobreza en Barcelona

1 Februar 2018
Flama.info

La Comunitat de Sant Egidi presenta la “Guia Michelin dels pobres” 2018

1 Februar 2018
CATALUNYARELIGIO.CAT

Sant'Egidio presenta la versió mòbil de la seva Guia Michelin

1 Februar 2018

La ''Guia Michelin pels pobres'' s'edita per primera vegada com a aplicació de mòbil

alle pressemitteilungen
• GESCHEHEN
23 Januar 2018 | BARCELONA, SPANIEN

Semana de Oración por la Unidad de los Cristianos

ALLE SITZUNGEN DES GEBETS FÜR DEN FRIEDEN
• KEINE TODESSTRAFE
10 Oktober 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

7 Oktober 2015
VEREINIGTE STAATEN

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

5 Oktober 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

24 September 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

12 März 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 März 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 März 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 März 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 März 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Februar 2015
VEREINIGTE STAATEN

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

15 Februar 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

11 Dezember 2014
MADAGASKAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

gehen keine todesstrafe
• DOKUMENTE

La GUÍA "DÓNDE comer, dormir, lavarse" 2016

alle dokumente

FOTOS

1521 besuche

1561 besuche

1492 besuche

1533 besuche

1490 besuche
alle verwandten medien