change language
you are in: home - press review newslettercontact uslink

Support the Community

  
December 1 2015

Gli ultimi incontri in terra ugandese

Desiderio di riscatto

 
printable version

«Non dimenticate i poveri». È l'appello fatto dal Papa a tutte le parrocchie e le comunità africane: un invito a uscire nelle periferie della società e a cercare Cristo nel sofferente e in chi è nel bisogno.
Durante la visita alla Casa di carità Nalukolongo Bakateteyamba a Kampala, nel pomeriggio di sabato 28 novembre, Francesco non ha usato mezzi termini: «In quanto cristiani, non possiamo semplicemente stare a guardare. Qualcosa deve cambiare!». Così, come nel visitare uno slum di Nairobi aveva scelto una realtà che portasse avanti un tentativo di riscatto, una realtà che, pur nella tragicità delle situazioni, fosse in grado di dare un segnale positivo, con lo stesso criterio a Kampala, nello spazio della visita dedicato ai poveri e ai deboli, ha incontrato una rappresentanza delle istituzioni cattoliche che lottano contro l'esclusione, che si piegano sui malati, che accolgono lo straniero. Che vivono, cioè, giorno dopo giorno la misericordia.
In particolare, la casa della carità di Nalukolongo, fondata nel 1978 dal cardinale Emmanuel Kiwanuka Nsubuga, accoglie e cura un centinaio di poveri senza distinzione tra religione o età (il più piccolo ha undici anni, il più anziano 107). E proprio ai bambini e agli anziani, i più deboli della società, ha fatto riferimento il Pontefice nel discorso pronunciato nel cortile della casa, sotto un gazebo decorato di bianco e di giallo, con il tocco femminile delle suore del Buon samaritano che gestiscono la struttura. Sono una trentina, guidate da suor Theresa di Avila Basemera.
Il Papa appena arrivato ha pregato nella cappella intitolata ai martiri ugandesi, la cui testimonianza qui è particolarmente sentita. Dopo una sosta davanti alla tomba del cardinale Nsubuga, il Pontefice è giunto nel cortile dove è stato salutato dal vescovo Robert Muhirwa, incaricato della pastorale della salute in seno alla Conferenza episcopale ugandese. Erano presenti anche il parroco, padre Joseph Puye, e il presidente delle opere di carità, padre Francis Ndamira.
Di fronte al Papa, con gli ospiti della casa anche una folta rappresentanza di quanti vengono aiutati dalle istituzioni caritative cattoliche in Uganda. Tra questi, una trentina di malati di aids e alcuni profughi sudsudanesi che nel nord dell'Uganda hanno trovato sostegno nei volontari della comunità di 
Sant'Egidio. In particolare, ci spiega Rosa, una volontaria romana appena arrivata in Africa, la comunità ha avviato qui una "scuola della pace" proprio con i profughi e, già oggi, un migliaio di bambini possono studiare con regolarità. Tra le persone che, contrariamente a quanto si crede, negli ultimi anni in Africa vivono situazioni di gravissimo disagio ci sono gli anziani. La "civiltà" del materialismo, infatti, sta progressivamente spazzando via anche le più salde tradizioni familiari. Di fronte a tante povertà, Francesco ha ricordato a tutti: «Qui è presente Gesù!». Al termine del suo discorso, il Papa ha ricevuto in dono un quadro con il suo ritratto e, dopo aver firmato il libro degli ospiti - dove ha scritto in inglese «"Beati voi poveri, perché vostro è il regno di Dio" (Luca 6, 20). Sappiate sempre che vi sono vicino spiritualmente» - ha visitato la casa per incontrare in privato alcuni malati più gravi. È entrato in una decina di stanze singole e li ha baciati uno per uno.
Congedatosi dalle suore del Buon samaritano, il Papa ha raggiunto l'arcivescovado. Migliaia di fedeli erano assiepati ai margini delle strade, arrampicati su qualsiasi appoggio possibile, affacciati da edifici in costruzione. Nella residenza dell'arcivescovo di Kampala, il Pontefice ha incontrato in privato presuli
ugandesi, guidati dal presidente, l'arcivescovo di Gulu, John Baptist Odema. Ormai la maggior parte dell'episcopato è autoctona. Prima di dirigersi nell'adiacente cattedrale per l'appuntamento con il clero, i religiosi e i seminaristi, Francesco ha incontrato in privato anche il re dell'Uganda, Ronald Muwenda Mutebi.
Particolarmente toccante il successivo appuntamento in cattedrale. Ad attendere il Papa nella chiesa intitolata al Sacro Cuore di Gesù c'erano circa milleduecento persone, tra preti, suore, consacrati e alunni dei seminari. All'esterno una grande folla e tanti bambini che, insieme al rettore, l'hanno accolto cantando. Sui primi gradini della scalinata un mosaico multicolore ricordava il motto del cinquantenario della canonizzazione di san Carlo Lwanga e dei suoi compagni: «Sarete miei testimoni». E proprio dalla memoria di quella testimonianza - dopo i saluti del vescovo, John Baptist Kaggwa, incaricato della vita religiosa, e tre testimonianze - è iniziata la riflessione di Francesco, che ha parlato a braccio in spagnolo, lasciando all'arcivescovo il discorso preparato. Tre le parole-chiave: memoria, fedeltà e preghiera. Quest'ultima è la risorsa attraverso la quale poter trasformare il negativo in positivo, la leva con cui smuovere le coscienze per non rassegnarci alle ingiustizie del mondo.
E con questo incontro in cattedrale si è di fatto conclusa la visita del Papa in Uganda. La mattina successiva, domenica 29, sotto una pioggia battente, il Pontefice ha infatti lasciato la nunziatura di Kampala per recarsi allo scalo di Entebbe. Qui, si è svolta una semplice cerimonia di congedo, presente il presidente Museveni con altre autorità. Al termine Francesco è salito a bordo dell'aereo che, decollato alle 9.55 locali, lo ha portato nella Repubblica Centrafricana, ultima attesissima tappa del viaggio.


 ALSO READ
• NEWS
September 10 2017
MÜNSTER, GERMANY

Pope Francis at the meeting "Paths of Peace": "to overcome the ignorance in front of war and violence. Europe should be more open and united"

IT | EN | ES | DE | PT | NL
September 1 2017

September 1st, memory of Saint Egidio. The Community that took his name give thanks in every part of the world

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
June 20 2017
ROME, ITALY

Central African Republic: an agreement for immediate cease-fire and a road map to peace was signed at Sant'Egidio

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU | HU
June 3 2017
ROME, ITALY

South Sudan humanitarian crisis in the meeting between Sant'Egidio and an international delegation of special envoys

IT | EN
April 25 2017
BERLIN, GERMANY

Youth, Africa and interreligious dialogue at the centre of the meeting between Andrea Riccardi and Angela Merkel

IT | EN | ES | DE | FR | PT
April 22 2017
ROME, ITALY

Pope Francis' prayer in memory of the martyrs of our time. Photogallery of the visit

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
all news
• PRESS
February 25 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

February 25 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

February 25 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

February 24 2018
Avvenire

A spasso per Milano aiutando l'Africa

February 24 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

February 22 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

all press releases
• NO DEATH PENALTY
October 10 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

October 7 2015
UNITED STATES

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

October 5 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

September 24 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

March 12 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

March 12 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

March 9 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

March 9 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

March 9 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

February 28 2015
UNITED STATES

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

February 15 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

December 11 2014
MADAGASCAR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

go to no death penalty
• DOCUMENTS

''Entente de Sant'Egidio'': Political Agreement for Peace in the Central African Republic

all documents

PHOTOS

174 visits
all the related media