change language
usted está en: home - selecciÓn de prensa newslettercómo contactarnoslink

Ayuda a la Comunidad

  
20 Septiembre 2015

Tirana, la "casa dei pazzi" voluta dal regime. La storia dei genovesi che chiusero il lager

La "casa dei pazzi" è un cubo rosso magenta che sembra spuntato in mezzo ai palazzi squadrati dell'ospedale di Tirana come un pomodoro in un campo di cemento. È un pugno in un occhio, in faccia al reparto psichiatrico lager che è ancora lì accanto, dove fino a due anni fa gli ospiti della casa erano sepolti vivi. Una sfida urlata contro ilgrigio della dittatura, contro l'ingiustizia, l'idea che da lì sotto non si esce più, tanto sei matto e non c'è nessuna cura. Ma la fuga per la vittoria non è stata una corsa: progettata e cesellata a piccoli passi, dai volontari genovesi della Comunità di Sant'Egidio. Un'evasione durata vent'anni. Era infatti il 1995 quando per la prima volta sono arrivati qui i volontari da Genova

 
versión para imprimir

Era il '95, quando i volontari da Genova sono arrivati per la prima volta a fare visita ai malati del reparto cronici dell'Ospedale Madre Teresa della capitale albanese, per qualche settimana d'estate. La dittatura di Enver Hoxha era finita dieci anni prima, ma quelli erano ancora gli anni della povertà estrema, dell'emigrazione di massa verso l'Italia, i primi gommoni nell'Adriatico prima che gli sbarchi fossero un bollettino quotidiano. I volontari non si trovarono davanti dei pazienti: ma dei morti che camminano.
Ci sono ancora le foto, e i video, nella Casa famiglia rosso squillante aperta l'anno scorso da 
Sant'Egidio per portare fuori tutti i reclusi del reparto cronici, che ora è stato definitivamente chiuso. "La detenzione in manicomio era usata all'epoca anche come modo per eliminare gli oppositori - racconta Elisa Di Pietro della Comunità di Sant'Egidio, facendo strada tra le sale arredate dal Rotary di Genova piene di quadri alle pareti, alcuni dipinti dagli ospiti - camminavano scalzi, erano denutriti, vivevano sottoterra, con finestre a fessura. La terapia non esisteva: davano loro una pastiglia al giorno, la stessa per tutti".
Mardi è il figlio di uno scrittore albanese. Quando la dittatura di Hoxha guardava a Mosca, la sua famiglia era molto in vista. Ma poi venne il periodo filocinese, loro vennero accusati di essere il veleno del popolo. Lui finì in manicomio. Oggi è qui, a riprendersi una quotidianità fatta di disegni in giardino, partite a domino, pranzi tutti a tavola insieme.
"Dei trenta pazienti che avevamo conosciuto - spiega Elisa - alcuni sono morti. Nel 2004 abbiamo trovato una casa in affitto, in centro: e ne abbiamo portati cinque. Poi abbiamo iniziato a costruire questa: in tutto oggi ci sono 16 persone".
In Albania, i reparti lager ci sono ancora. A Elbasan, Scutari, Valona. Più di 600 pazienti, in tutto. "Li andiamo a trovare, facciamo laboratori di pittura - spiegano i volontari - il sogno è di costruire altre case, e tirarli fuori. Qui abbiamo potuto vedere che è possibile". Su una parete è appesa una frase di Giovanni Paolo II. Dice: "Tutto può cambiare".


 LEA TAMBIÉN
• NOTICIAS
3 Febrero 2017
ROMA, ITALIA

Visita del presidente del parlamento esloveno Milan Brglez a la Comunidad de SantEgidio

IT | ES | DE | PT
27 Enero 2016
BRUSELAS, BÉLGICA

Congreso: El diálogo interreligioso, instrumento para la resolución de conflictos y para la reconciliación

IT | EN | ES | FR | NL
19 Noviembre 2015
BLANTYRE, MALAWI

Esperanza y solidaridad entre generaciones: una nueva casa para los ancianos de Blantyre

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
5 Noviembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Andrea Riccardi participa en el Global Christian Forum sobre la persecución y el martirio de los cristianos en Albania.

IT | ES | DE | FR | RU
30 Octubre 2015

Gracias por habernos mostrado la grandeza de la religión: carta del ministro albanés Klosi a Sant'Egidio

IT | ES | DE | CA
27 Octubre 2015
SHKODËR, ALBANIA

Veinticinco años de libertad religiosa en Albania: en Shköder se celebra una oración por la paz y el fin de toda violencia

IT | ES | DE | FR
todas las noticias
• PRENSA
21 Febrero 2018
Il Messaggero - ed. Civitavecchia

Nasce una catena della solidarietà per combattere il disagio mentale

6 Marzo 2017
Avvenire

La chiusura dell'ultimo «carcere» psichiatrico. Opg, un'altra vittoria della vita

9 Noviembre 2016
SIR

Disagio mentale: domani a Roma convegno su “nuovi percorsi e soluzioni abitative” per chi ne è colpito

17 Mayo 2016
La Nazione

Il 'ponte solidale' degli studenti dalla Toscana a Tirana

6 Septiembre 2015
Gazeta Shqip

Takimi për Paqen, 4 mijë të ftuar, Klosi: Organizimi më i madh ndërkombëtar në vend

todos los comunicados de prensa
• DOCUMENTOS

Articolo su Credere nr. 18 - Trattoria degli amici

Valgo anch’io in Lussemburgo

Matteo Zuppi

Dieci anni della Comunità di Sant’Egidio con l’Albania: Intervento di Don Matteo Zuppi

todos los documentos

FOTOS

519 visitas

523 visitas

512 visitas

531 visitas

489 visitas
todos los medios de comunicación afines