change language
te itt vagy: home - sajtószemle newsletterlink

Support the Community

  
Február 24 2018

Solo chi ha pazienza e forza d'animo...

Riuscirà a entrare nel mondo degli ultimi, come quello degli homeless. Che per averne passate troppe vivono in un inverno perenne. Senza sorrisi

 
nyomtatható verzió

Sonia è un nome fittizio: non si scherza con l'identità degli stranieri senza permesso di residenza, nell'America di Trump. Anche se, nel suo caso, è qui da una vita. Brasiliana, 70 anni inoltrati, deve avere avuto un passato "normale", una storia più che rispettabile.
Quando Stefania, mia moglie, la incontrò per la prima volta alla stazione ferroviaria Grand Central di New York, Sonia aveva già alle spalle anni di vagabondaggio, accattonaggio, mancanza di fissa dimora. Eppure parlava tre o quattro lingue - qualche frase anche in italiano - con espressioni raffinate: sprazzi di un passato in cui aveva avuto istruzione e lavoro. Un marito, anche. Poi la sua vita aveva imboccato alcune direzioni sbagliate. Restare sola, senza lavoro né pensione, a quell'età, se in più hai uno status irregolare, non è facile da nessuna parte. Negli Usa ancora meno.
Tornare in Brasile forse sarebbe stato meglio. Ma Sonia era ormai prigioniera della sindrome dello "zio d'America": i tuoi distanti familiari, nella tua terra d'origine, danno per scontato che come emigrata tu abbia avuto successo. E troppo umiliante tornare a casa avendo bisogno di aiuto.
Nel mondo degli homeless newyorchesi Sonia si distingueva per le buone maniere, e forse alla fine questo le ha portato fortuna. In mezzo a tante disgrazie orribili - un'infezione stava degenerando in cancrena, le hanno amputato una gamba - si è imbattuta nei volontari della Comunità di Sant'Egidio, con i quali Stefania lavora. Le hanno trovato assistenza medica nonostante lo status irregolare. Dopo l'amputazione la hanno collocata in una casa di cura, Upstate New York (la zona settentrionale dello Stato, lungo la valle dell'Hudson). Là Sonia è rinata.
In confronto alla stazione ferroviaria, quella casa di cura le sembra un hotel a cinque stelle. Fraternizza con tutti. Medici, infermieri, pazienti l'hanno adottata come un'ospite gradita, simpatica, piena di energia e vitalità. La riempiono di una gioia ancora più visibile le visite settimanali che le fa Stefania, portandole oltre al suo tempo e alla sua amicizia anche un piccolo regalo proibito: un pacchetto di sigarette. Diamine, siamo nella nazione del proibizionismo, ma una settantenne ex-homeless a cui hanno amputato una gamba avrà pure il diritto a qualche sigaretta.
La storia di Sonia è una di quelle che gratificano i volontari di Sant'Egidio, compensando altre esperienze meno confortanti. Le viscere di questa metropoli ospitano un mondo spietato. Tra gli homeless a cui portano pasti caldi in questo inverno polare di New York, c'è chi "ringrazia" con insulti, sollevando il dito medio in un gestaccio osceno. I vestiti regalati, a volte, invece di essere indossati per proteggersi dal gelo, spariscono, rivenduti per comprare birra o droghe. È un ambiente dove dilagano malattie mentali, alcolismo, tossicodipendenze, piccole e grandi violenze quotidiane per sopravvivere.
Il volontariato è una vocazione che richiede pazienza infinita, forza d'animo e una vera professionalità. Occuparsi dei più poveri non è affare da anime belle che si aspettano ringraziamenti e lieto fine. Per una storia come quella di Sonia, ce ne sono 99 che rimangono bloccate in un presente squallido e sordido. Non solo i volontari lavorano gratis, per definizione, ma imparano a non aspettarsi neppure un sorriso in cambio del loro aiuto e affetto. Chi vive nel sottosuolo della società ha troppe ragioni per covare un risentimento infinito.
Stefania ne ha ricavato uno sguardo nuovo verso alcuni mestieri ingrati: il poliziotto, l'infermiere dell'ambulanza. Anche loro, non sempre sono gentili come vorremmo. Ma gli abbiamo delegato il compito di lavorare a tempo pieno in quel mondo lì, che il 99% di noialtri sfiora a malapena, tenendosi a distanza.


 OLVASSON
• HÍR
Január 31 2018
RÓMA, OLASZORSZÁG

Modesta csodája

IT | ES | FR | CA | ID | HU
November 8 2017
MOSZKVA, OROSZORSZÁG

Moszkvai barátaink megnyitottak egy központot a hajléktalanok megsegítésére

IT | DE | FR | PT | RU | HU
Október 10 2017
RÓMA, OLASZORSZÁG

Egy szelíd ember: ő lesz az, aki kinyitja majd előttünk a mennyország kapuját – Valentin története

IT | HU
Június 9 2017
NEW YORK, EGYESÜLT ÁLLAMOK

Az ENSZ és a Sant'Egidio közösség megállapodást írt alá New Yorkban: együttműködnek a békéért

IT | EN | PT | HU
Május 24 2017
RÓMA, OLASZORSZÁG

Ivanka Trump a Sant’Egidio közösséghez látogatott

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU | HU
Február 16 2017
INDONÉZIA

Mások taligásoknak hívják őket – Nekünk a barátaink

IT | ES | DE | PT | ID | HU
minden hír
• RELEASE
Február 26 2018
Avvenire

Emergenza freddo. Rifugi e parrocchie aperte ai senza dimora

Február 26 2018
Avvenire

Emergenza freddo. Rifugi e parrocchie aperte ai senza dimora

Február 24 2018
Avvenire

A spasso per Milano aiutando l'Africa

Február 24 2018
Il Sole 24 ore

Emergenza freddo, S. Egidio: non lasciamo soli i senza dimora

Február 24 2018
La Repubblica.it

Bologna, appello di S.Egidio: "Coperte e maglioni per i senzatetto"

minden sajtóközlemények
• ESEMÉNYEK
Január 7 2018

Per vincere l'isolamento di chi vive per la strada, domenica 7 gennaio a Roma pranzo e tombolata di solidarietà

MINDEN ÜLÉSEI IMÁDSÁG A BÉKÉÉRT
• NO HALÁLBÜNTETÉS
Október 10 2017

On 15th World Day Against the Death Penalty let us visit the poorest convicts in Africa

Október 7 2015
EGYESÜLT ÁLLAMOK

The World Coalition Against the Death Penalty - XIII world day against the death penalty

Október 5 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

Szeptember 24 2015

Pope Francis calls on Congress to end the death penalty. "Every life is sacred", he said

Március 12 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

Március 12 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

Március 9 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

Március 9 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

Március 9 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

Február 28 2015
EGYESÜLT ÁLLAMOK

13 Ways Of Looking At The Death Penalty

Február 15 2015

Archbishop Chaput applauds Penn. governor for halt to death penalty

December 11 2014
MADAGASZKÁR

C’est désormais officiel: Madagascar vient d’abolir la peine de mort!

nem megy a halálbüntetés
• DOKUMENTUMOK

Levél fővárosi képviselőknek

az összes dokumentum

FOTÓK

1734 látogatások
a kapcsolódó média