change language
anda berada di: home - kliping berita newsletterlink

Support the Community

  
29 Juli 2012

Il ministro in Burkina Faso: migliorare le condizioni di vita per frenare l`emigrazione verso l`Europa. L`impegno contro le mutilazioni femminili

Roma torna «africana». Aiuti ai profughi del Sahel. Riccardi: «Intervenire dove ci sono le crisi»

 
versi cetak
OUAGADOUGOU - La cooperazione italiana riprende alla grande i suoi rapporti con il Sahel e dopo aver cominciato con il Niger, prosegue con un aiuto concreto al Burkina Faso, dove stanno arrivando masse di profughi dal nord del Mali. I Paesi ai confini meridionali del Sahara sono diventati un punto focale per l`Italia 
e vanno aiutati con decisione, sostiene il ministro per la Cooperazione Andrea Riccardi (finalmente un appassionato d`Africa a capo di un ministero). 
Da lì, infatti, partono i flussi migratori verso l`Italia, nonché corposi carichi di cocaina, per non parlare di altri traffici illeciti, come armi e organi. Lì si sono sistemate le bande che traggono enormi vantaggi dal traffico di 
droga e dalla presa di ostaggi. Se poi si aggiunge il collante di tutto, cioè, la piccantissima e taglientissima salsa islamica, si arriva a un potente cocktail esplosivo. 
Soldi per far ripartire il volano della cooperazione ce ne sono pochi, ma la passione è grande, dunque occorre individuare con intelligenza gli obbiettivi. 
Il Burkina Faso in questa parte del continente gioca un ruolo essenziale. Stabile, il Paese è guidato da un dittatore, Blaise Compaoré, tutto sommato «illuminato», che non ha bisogno del pugno di ferro. Cosa che non guasta, è un ottimo amico dei francesi, ai quali ha restituito l`influenza che avevano perso in Costa d`Avorio (ha infatti sfacciatamente appoggiato il vincente candidato di Sarkozy, Alassane Ouattara). 
Infine ha giocato un ruolo importante nei negoziati per liberare gli ostaggi italiani, Maria Sandra Mariani e Rossella Urru, catturati dalla nebulosa islamica legata a Al Qaeda e rilasciati dopo il pagamento di un riscatto. 
La delegazione italiana guidata da Riccardi, il giorno prima di arrivare a Ouagadougou, ha inviato un aereo con 32 tonnellate di aiuti dal valore da 180 mila dollari composto da purificatori d`acqua, cibo, medicinali, coperte, 
tende e quanto può essere utile nei campi profughi che accolgono i maliani in fuga dal loro paese. È una prima tranche di quei 3 milioni di euro di aiuti previsti nelle prossime settimane. 
Per disegnare la strategia della nuova svolta della cooperazione italiana nell`area (in realtà nel Sahel l`Italia riprende un`importante tradizione quasi abbandonata negli ultimi anni), Andrea Riccardi utilizza una simbologia: 
«E` come se i confini dell`Italia si siano spostati verso sud. I Paesi che si affacciano sul Mediterraneo sono soltanto "di passaggio". 
Noi invece dobbiamo intervenire direttamente dove ci sono le crisí: siccità, profughi, traffici». Nelle intenzioni del ministro ci sono altri interventi più incisivi non solo in Burkina Faso, ma anche in Niger, Mali, Mauritania e Ciad. 
«Se noi creiamo condizioni di vita accettabili, la gente non ha più alcun interesse a lasciare il proprio Paese e a emigrare verso l`Europa. 11 problema non è quindi solo italiano, anche se noi siamo in prima linea». 
Nell`ambito della visita in Burkina Faso, Elisabetta Belloni, direttore dell`ufficio Cooperazione del ministero degli Esteri (oggi lavora a stretto contatto con quello della Cooperazione), ha incontrato la moglie del presidente Compaoré, Chantal. Le due donne, tra l`altro, hanno discusso il problema legato alle mutilazioni genitali femminili, una pratica che non è - come erroneamente si crede - di origine islamica ma di derivazione addirittura faraonica. In Burkina l`Fgm è vietata per legge ma, purtroppo, ancora largamente praticata. Chantal Compaoré è in prima linea per contrastare il fenomeno, Elisabetta Belloni ha chiesto alla première dame un aiuto nel lavoro di lobbying alle Nazioni Unite per accelerare l`iter di una risoluzione per mettere al bando tutti i tipi di mutilazioni genitali femminili. Per altro Chantal Compaoré è impegnata a esercitare pressioni sui Paesi africani perché sottoscrivano 
il protocollo di Maputo (www.maputoprotocol.com/index.php), altrettanto duro su questa delicata questione. 

 JUGA MEMBACA
• BERITA
22 Desember 2017
ROMA, ITALIA

Andrea Riccardi diterima oleh Paus Fransiskus di pada audiens: koridor kemanusiaan dan perdamaian menjadi tema percakapan

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
22 November 2017
OUAGADOUGOU, BURKINA FASO

Di Ouagadougou dibuka sebuah rumah untuk lansia: hidup baru dimulai bagi Maria dan Angele

IT | ES | DE | NL | ID
9 Oktober 2017
ROMA, ITALIA

Dialog antar agama dan komitmen untuk pengungsi dalam pembicaraan dengan Menteri Luar Negeri Indonesia di Sant'Egidio

IT | EN | NL | ID
9 Oktober 2017
ROMA, ITALIA

Presiden Jerman Steinmeier mengunjungi Komunitas Sant’Egidio: “jadikan dunia tempat yang damai”

IT | EN | DE | ID
4 Oktober 2017

25 Tahun Perdamaian di Mozambik: Sejarah satu Negara Keluar dari Perang dan Kemiskinan

IT | EN | ES | DE | PT | ID
14 Juli 2017
MAPUTO, MOZAMBIK

Tantangan dalam mengkomunikasikan Injil bagi masyarakat berkembang: Andrea Riccardi mengunjungi Komunitas di Mozambik

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | ID
berita semua
• PRINT
24 Februari 2018
Avvenire

A spasso per Milano aiutando l'Africa

22 Februari 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

22 Februari 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

21 Februari 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

21 Februari 2018
Famiglia Cristiana

La rivoluzione dell'amore e della tenerezza, l'unica necessaria #santegidio50

20 Februari 2018
La Repubblica.it

Mattarella: "L'Italia ha bisogno di solidarietà, non di divisioni"

semua rilis pers
• ADA HUKUMAN MATI
18 Januari 2015
news.abidjan.net

La Côte d’Ivoire va mettre fin à la peine de mort

31 Oktober 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Oktober 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 September 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 September 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

pergi ke tidak ada hukuman mati
• DOKUMEN

''Entente de Sant'Egidio'': Political Agreement for Peace in the Central African Republic

semua dokumen