change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  

Pubblico Giornale

9 Ottobre 2012

Tra i nomadi di Tor de' Cenci

Rom: Sgomberati e parcheggiati nella sporcizia, il "modello Roma"

 
versione stampabile

Appena superato il cancello alle spalle di via Cristoforo Colombo, sulla destra si trova l'ufficio del decoro urbano del Comune di Roma. Paradossale che, proprio in quel luogo dove i decidono le politiche di abbellimento della Caput mundi, a 200 metri di distanza, svoltando a destra ci si possa ritrovare in una discarica a cielo aperto. Qui, a pochi passi dall'Eur, dove un tempo "sfilavano" mobili, abiti da fiera e tintinnavano i flute di capodanno, dal 28 settembre scorso vivono (temporaneamente) più di 150 rom sgomberati da uno dei campi definiti "tollerati" dall'amministrazione,quello di Tor de' Cenci.

Li hanno trasferiti all'ex Fiera di Roma in attesa del trasloco definitivo a Castel Romano, uno dei campi attrezzati previsto nel Piano nomadi della giunta Alemanno. I cumuli di vecchi arredi, legname,ferro e immondizia sparsa fungono da stuoino. Sopra, sembra di leggervi 'welcome, qui i diritti umani sono stati dimenticati'. «È una situazione insostenibile -commenta il Presidente dell'XI municipio Andrea Catarci dopo l'ennesimo sopralluogo- le tensioni interpersonali si mescolano con la disperazione e il pessimismo per un futuro indecifrabile». Appena varcata la soglia di uno dei padiglioni, un odore fetido entra nelle narici.

Resta attaccato al naso e sulla pelle portandosi dietro uno sciame di mosche ostinate a non mollare la presa. Sul pavimento, rivestito di moquette sporca e lacera, sono disseminati calcinacci, immondizia e quel che resta di cibi precotti consumati. Una attaccata all'altra, senza nem meno la rispettosa distanza che separa i letti di una corsia d'ospedale, sono state disposte le brandine su cui ogni notte, da oltre dieci notti, dormono donne, uomini, anziani e soprattutto bambini. Ottanta minori dai O ai 18 anni. Di questi, otto bambini hanno poco più di 1 anno. Roberta, ad esempio, ha festeggiato, senza candelina, la sua prima settimana in quel luogo insalubre e buio. Dopo due giorni di vita, è stata portata all'ex Fiera insieme con sua mamma che, ancora debilitata e con i punti cuciti sulla pelle, è costretta a fare la spola tra la brandina e uno dei bagni chimici allestiti all'occorrenza. 

Sedic ha 1 anno e mezzo. E uscito dall'ospedale Sant'Eugenio da 5 giorni e continua ad avere problemi di respirazione. Ma quella è l'aria che è stata decisa per lui dal Tar del Lazio, che il 26 settembre scorso ha respinto il ricorso che i residenti del campo rom di Tor de' Cenci avevano scritto contro l'ordinanza del sindaco Alemanno, in cui si disponeva la chiusura dell'insediamento per motivi d'igiene e di salute. Proprio quel tribunale amministrativo che aveva inizialmente concesso la sospensione dello sgombero e ordinato al Comune di migliorare le condizioni del campo fino a quando non avesse emesso la sentenza.

Poi il via libera allo sgombero, le ruspe e i container distrutti. «Un macigno sulla coscienza di chi ha voluto e realizzato lo sgombero in questo modo indegno nella città considerata per secoli communis patria»: è stata la condanna durissima di Caritas diocesana di Roma e della Comunità di Sant'Egidio. «Quello che ci preme oggi - hanno scritto - è denunciare il modo violento e incivile con cui è s tato urlato agli abitanti del campo di andare via e la fretta con cui si è dato seguito allo sgombero senza programmare pronte alternative dignitose».

Un duro attacco è arrivato, in questi giorni, anche dal fondatore della Comunità di Sant'Egidio, il Ministro per la Cooperazione Internazionale, Andrea Riccardi, che ha condannato i toni trionfalistici usati sui manifesti affissi ali'indomani dello sgombero. Manifesti di cui il sindaco ha rinnegato la paternità, anche se portano la firma del Pdl. E poi Amnesty International che nel 2010 ha avviato una campagna antidiscriminatoria nei confronti della popolazione rom. «Lo sgombero -ha dichiarato l'associazione rischia di rendere queste famiglie ancora più vulnerabili a nuove violazioni dei diritti umani, compreso il diritto a un rimedio efficace, a un alloggio adeguato, alla vita familiare e all'istruzione». Quest'ultima, al momento, è sospesa. «Su 40 bambini in età scolare ammette il coordinatore dell'Arci Solidarietà Paolo Perrini -al momento ne portiamo a scuola circa 10 al giorno. Tutti gli altri, vivendo in queste pessi me condizioni igienico-sanitarie, sono malati o hanno i pidocchi. È stato sgomberato Tor de' Cenci perché ritenuto insalubre. Richiedo allora una visita ufficiale dell'Asl che mi certifichi che questo posto all'ex Fiera possa accogliere persone».

A Castel Romano, fuori dal Grande Raccordo Anulare e in mezzo a una riserva naturale, sorge uno dei campi attrezzati stabiliti dall' amministrazione Alemanno con il Piano Nomadi. Lì già vivono 900 persone, rom di diverse etnie, cui si aggiungeranno da oggi i primi che traslocheranno dall'ex Fiera di Roma. «I rom di Tor de' Cenci -racconta ancora Perrini- hanno interrotto lo sciopero della fame sabato quando finalmente si è arrivati a un accordo. I container alla fine saranno 47, un po' di più rispetto a quelli stabiliti inizialmente. Abbiamo chiesto, poi, all'amministrazione comunale di organizzare una riunione tra i capi-famiglia, visto che le etnie sono diverse e una promiscuità futura potrebbe creare più di un problema. Restano comunque avviate le procedure per i ricorsi alla Corte Europea di Strasburgo e al Consiglio di Stato».

Ad oggi, come rileva l'associazione "21 luglio", per gli sgomberi sono stati spesi quasi 7 milioni di euro in 3 anni, tra l'impiego delle forze dell'ordine, la rimozione dei rifiuti e l'utilizzo delle unità mobili di strada. Oggi pubblicheremo sul nostro sito Internet il video che testimonia la situazione di degrado assoluto dello "spazio di accoglienza" della ex Fiera di Roma, all'Eur,su via Cristoforo Colombo. Quello che in teoria dovrebbe essere uno spazio attrezzato per rispondere alle emergenze versa in condizioni di scioccante sporcizia, in cui sono lasciati senza servizi anche bambini appena nati. www.pubblicogiomale.it 

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
22 Gennaio 2018

Una settimana di eventi per la non violenza e l'inclusione. Per dire no all'intolleranza e il razzismo

14 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Visita online il presepe di Sant'Egidio: Gesù accolto da poveri, malati, chi non ha casa, e uomini di ogni fede

IT | ES | DE | FR | CA | NL
13 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Vaccini antinfluenzali: Sant'Egidio e Federazione Medici realizzano campagna per 4 mila soggetti fragili

30 Ottobre 2017
ROMA, ITALIA

Visita di solidarietà di Andrea Riccardi al lavoratore bengalese aggredito a Roma

29 Ottobre 2017

Agguato contro due lavoratori stranieri a Roma, la condanna di Sant'Egidio: fermare la predicazione dell'odio

23 Ottobre 2017
NAPOLI, ITALIA

Percorsi di integrazione dei rom a Napoli

tutte le news
• STAMPA
25 Febbraio 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

25 Febbraio 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

25 Febbraio 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

24 Febbraio 2018
La Repubblica - Ed. Roma

Roma, Burian: arriva il gelo dalla Siberia. "Subito più letti per i clochard”

24 Febbraio 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

22 Febbraio 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
30 Ottobre 2017

Presentazione del libro Alla Scuola della Pace. Educare i bambini in un mondo globale

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Roma 2016

Dove Napoli 2015

"Non rassegnamoci al declino di Roma": l'intervento di Marco Impagliazzo alla manifestazione Antimafia Capitale

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

tutti i documenti
• LIBRI

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri