change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
6 Potrebbe 2013

La manifestazione neonazista in Ungheria

Un risorgente antisemitismo che nega il sogno europeo

 
versione stampabile

Qualche centinaio di persone, per lo più giovani, look neonazi, bandiere delle SS e croci uncinate: a Budapest è sfilato sabato per le vie del centro un corteo antisemita,  organizzato dal partito di estrema destra Jobbik contro la presenza in città del Congresso mondiale ebraico. È accaduto, in una capitale europea, ciò che in Europa non dovrebbe accadere, con l'inerzia delle autorità locali che non hanno impedito quella lugubre marcia. Ancora una volta  gli ebrei sono bersaglio di un odio irrazionale, come se la storia non insegnasse nulla (e se ci si ferma a riflettere sui numeri della Shoah in Ungheria, almeno 400mila morti su un totale di 500mila  ebrei, l'enormità della tragedia dà le vertigini). A settant'anni dalle deportazioni degli ebrei di Roma, iniziatesi il 16 ottobre 1943, e a settant'anni dalla rivolta e distruzione del ghetto di Varsavia, la nostra coscienza di europei non merita davvero di essere così gravemente offesa. Sotto attacco è, infatti, l'intera Europa.

L'Unione Europea nasce dalle ceneri della guerra e dalla Shoah. È costruzione economica e politica, ma è soprattutto idea di un tempo nuovo in cui popoli diversi, che si erano combattuti duramente e a lungo, trovano la via del vivere assieme. È, in un certo senso, sogno. Il sogno europeo. È voltare pagina, superando gli odi del passato. La manifestazione antisemita in Ungheria  sembra voler negare tutto ciò. Ci getta indietro nel tempo, in un periodo cupo di caccia all'" altro", il "diverso da sé" da demonizzare e colpire, con un'escalation di violenza che ebbe una giustificazione nelle teorie del razzismo e dell'antisemitismo. Non c'è, nella mentalità degli antisemiti che hanno sfilato a Budapest, alcuno spazio per una casa comune, un'Europa plurale ma coesa, in cui tutti possano vivere pacificamente. Non c'è il sogno europeo nato nel dopoguerra.

C'è, al contrario, un particolarismo aggressivo che coniuga neonazismo e antieuropeismo, antisemitismo e xenofobia. La manifestazione antisemita infrange un tabù, poiché l'antisemitismo, seppure mai scomparso, è stato bandito nel linguaggio pubblico europeo. Qui si tratta invece di un partito politico - il terzo come numero di parlamentari in Ungheria - esplicitamente antisemita. È un attacco agli ebrei e una ferita all'Europa. Non va sottovalutato, anche perché le avvisaglie di un incremento preoccupante di razzismo e antisemitismo sono state, negli ultimi tempi numerose, soprattutto nell'Europa dell'Est. Lidea è che gli ebrei siano estranei alla nazione e nocivi; che chi è "estraneo" è anche nemico. Lo stesso odio colpisce i rom e gli immigrati. E la violenza di pochi trova terreno fertile in una diffusa cultura del disprezzo verso l'altro. È una mentalità aggressiva, che già Primo Levi, introducendo "Se questo è un uomo", ha descritto lucidamente: «A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere più o meno consapevolmente, che "ogni straniero è nemico". Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; si manifesta solo in atti saltuari e incoordinati, e non sta all'origine di un sistema di pensiero.

Ma quando questo avviene, quando il dogma inespresso diventa premessa maggiore di un sillogismo, allora, al termine della catena, sta il Lager». Il fatto che oggi a propagandare idee antisemite non siano solo piccoli gruppi di neonazisti, ma partiti politici, con un qualche seguito elettorale, è allarmante. Di fronte ai fatti di Budapest c'è bisogno che la coscienza degli europei, divenuta troppo silenziosa, si desti. Il moto d'indignazione deve essere unanime, così come la richiesta al governo ungherese di assumere una posizione netta di condanna dell'antisemitismo. Come europei, e come cristiani, dobbiamo saper esprimere tutta la nostra solidarietà ai delegati al Congresso ebraico mondiale, agli ebrei d'Ungheria e d'Europa. L'Europa, salda nelle sue radici, deve essere terra di pace e di convivenza per uomini e donne di ogni cultura e religione.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
3 Febbraio 2018
MACERATA, ITALIA

Macerata, solidarietà di Sant’Egidio con le vittime: una delegazione visita i feriti in ospedale

IT | ES
23 Gennaio 2018

I Giovani per la Pace contro il razzismo. Il loro messaggio in un video

24 Dicembre 2017

Buon Natale dalla Comunità di Sant'Egidio!

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
10 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

A Roma, grave emergenza alloggiativa. Sant'Egidio propone una Agenzia Pubblica dell'Abitare

29 Novembre 2017

Europa e giovani migranti, il futuro va creato in Africa. Un articolo di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

15 Novembre 2017

Visita del Presidente austriaco Alexander Van der Bellen alla Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | DE | FR | HU
tutte le news
• STAMPA
26 Febbraio 2018
Avvenire

Cei. Atterrati a Roma 113 profughi. «La cooperazione fra istituzioni fa miracoli»

26 Febbraio 2018
Vatican Insider

Corridoi umanitari, 114 profughi dall’Etiopia. Galantino: no allo sciacallaggio politico

26 Febbraio 2018
Agenzia SIR

Corridoi umanitari: Impagliazzo (Comunità Sant’Egidio), “polemiche politiche finiranno ma il futuro è nell’integrazione”

25 Febbraio 2018
Avvenire

Emergenza freddo. Rifugi e parrocchie aperte ai senza dimora

23 Febbraio 2018
Il Sole 24 ore

Emergenza freddo, S. Egidio: non lasciamo soli i senza dimora

23 Febbraio 2018
Vatican Insider

Maltempo, Sant’Egidio: non lasciamo soli i senza dimora

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
17 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

'Siamo qui, siamo vivi. Il diario inedito di Alfredo Sarano e della famiglia scampati alla Shoah'. Colloquio sul libro

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
28 Settembre 2014
ANSA

Obama contro le discriminazioni razziali in America. Anche pena di morte applicata su base razziale

1 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Marco Impagliazzo - Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione nella Repubblica Centrafricana

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Saluto di Marco Impagliazzo al termine della liturgia per il 48° anniversario della Comunità di Sant’Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

Il martirio degli armeni





La Scuola
tutti i libri

FOTO

780 visite

675 visite

758 visite

703 visite

651 visite
tutta i media correlati