change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
12 Ottobre 2014

Storia. Così dopo san Francesco la povertà non fu più un marchio infamante

Un libro di monsignor Vincenzo Paglia sui diseredati dall'Antichità ai nostri giorni. L'incontro col lebbroso chiave di volta per la svolta epocale dovuta al santo di Assisi

 
versione stampabile

«C'è un momento - scrive monsignor Vincenzo Paglia nel suo Storia della povertà (Rizzoli, pagine 626, euro 20,00), testo che riprende e ampia il precedente La storia dei poveri in Occidente - nella storia bimillenaria del cristianesimo in cui la profezia della povertà appare nella sua eccezionale forza di cambiamento. È un momento preciso della storia, il momento di Francesco d'Assisi».
Cosa significò quella "apparizione"? Quali resistenze l'esempio di Francesco contribuì a scardinare? Quale tempo, quale orizzonte, quale intelligenza nuova inaugurò? Come mostra il presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, attorno alla povertà si era sedimentato un marchio infamante. Il disprezzo aleggiava sui diseredati e ne accompagnava nel Medioevo la condizione. Chi era ai margini lo era perché "malato", oppure perché segnato dalla colpa.
«La stessa carità e beneficenza - scrive monsignor Paglia - restavano connotate da un senso di  alterigia se non di disprezzo verso i poveri, i quali, da parte loro, dovevano solo rassegnarsi». Francesco spazzò via questa sorta di pellicola nera che avvolgeva i poveri. Con lui la povertà veniva finalmente "riabilitata". Il suo esempio rimane uno «straordinario, e forse insuperato, paradigma della "forma evangelica" della Chiesa». La carità smette di essere la semplice, e in alcuni casi asettica, somministrazione di "opere buone". Diventa invece condivisione, comunione, compassione, amicizia spinta fino alla fraternità.
Come scrive monsignor Paglia, è l'incontro con il lebbroso l'evento chiave che taglia in due l'esistenza di Francesco, che lo apre alla conversione. Francesco non si limita a elemosinare un po' della sua ricchezza. Dinanzi al lebbroso si sente convocato, provocato nel suo intero essere: lo abbraccia, si fa compenetrare dalla sua privazione, si spoglia di tutto, diventa insomma pari a lui.
Quello tra povertà e carità è un prisma che attraversa tutta la storia dell'Occidente. Esse «si sono incrociate, intersecate e alimentate a vicenda». All'interno di questo nesso, un altro passaggio epocale è stato il Concilio Vaticano II. Esso ha contribuito a stabilire «un nuovo rapporto radicato nel Vangelo e segno della verità stessa della missione della Chiesa» tra i cristiani e i poveri.
Un intreccio reso ancora più saldo da papa Francesco, la cui scelta inaugurale del Pontificato - il nome appunto del santo d'Assisi - sta a testimoniare tutta la forza di un imperativo: partire dai poveri che non è una questione ideologica ma è avvicinarsi alla «sostanza» stessa del Vangelo. I poveri - ha detto papa Francesco nella veglia di Pentecoste del 2013 - per i cristiani non sono «una categoria sociologica», ma la «carne di Cristo». Scrive monsignor Paglia: «Non basta più dire che Dio si fa carne per comprendere fino in fondo il mistero. Si deve esplicitare che Dio si fa carne affamata, assetata, malata, carcerata... Dio si è fatto carne scartata. È questa a essere "sacramento" di Cristo».  


 LEGGI ANCHE
• NEWS
12 Dicembre 2017
NAPOLI, ITALIA

Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e Campania 2018: presentata la nuova edizione della guida per i poveri

17 Novembre 2017
ROMA, ITALIA

''Sant'Egidio in Polonia insegna l'amore per i poveri''. Il ringraziamento del card. Nycz alla preghiera di Santa Maria in Trastevere

IT | PL
10 Ottobre 2017

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte visitiamo i condannati più poveri in Africa

IT | EN | DE | ID
4 Ottobre 2017

Festa di San Francesco d'Assisi

IT | EN
9 Gennaio 2017

La Guida ''Dove mangiare, dormire e lavarsi 2017'' in una APP! Disponibile nel Play Store per Android

4 Gennaio 2017

Temperature in calo, un appello alla solidarietà. In tutta Italia raccolte di coperte e sacchi a pelo per i senza dimora

tutte le news
• STAMPA
15 Febbraio 2018
La Nazione

Un pasto per chi non ha nulla. Ecco come si può dare una mano

11 Dicembre 2017
ANSA

S.Egidio,7500 senzatetto,3000 in strada

11 Dicembre 2017
La Repubblica - Ed. Roma

Roma, Sant'Egidio: "Su piano freddo Comune in ritardo. In città 7.500 in emergenza abitativa"

11 Dicembre 2017
Corriere della Sera

Sant’Egidio, la guida per i poveri dove mangiare, lavarsi e dormire

10 Dicembre 2017
Gazzetta di Parma

Poveri in crescita, a Natale Sant'Egidio triplica i posti

5 Dicembre 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Sergio Casali Sant'Egidio: "Il povero dà fastidio perché smaschera le istituzioni"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

La povertà in Italia

Alcune storie raccolte al telefono della Comunità di Sant’Egidio - 2014

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Padova 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio 2012





Francesco Mondadori
tutti i libri

VIDEO FOTO
9:37
Il pranzo di Natale 2013

250 visite

434 visite

267 visite

484 visite

280 visite
tutta i media correlati