change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
26 Aprile 2016

Testimonianza: l'afghano racconta come si consuma il viaggio disperato in cerca di una vita migliore

Youssefi: storia di un clandestino diventato educatore e volontario

 
versione stampabile

Ha una sensibilità forgiata al ferro rovente della sua esperienza di clandestino e poi richiedente asilo in Europa, Dawood Youssefi. Questo 31enne afghano può raccontarla oggi ma ha davvero rischiato la vita più volte. Adesso, Youssefi è un simbolo di pace ed integrazione, è educatore professionale, lavora con i minori non accompagnati a Roma, ove risiede. La sua storia ce la consegna la comunità di Sant'Egidio, che ieri ha promosso l'incontro sul «Coraggio della Speranza» cui hanno preso parte anche l'assessore al welfare Francesca Bottalico e il presidente della comunità di Sant'Egidio di Bari Francesco Mongelli.
Youssefi collabora alla realizzazione dei corridoi umanitari, è mediatore interculturale e fotografo. L'aula magna «Aldo Cossu» stracolma di studenti, ieri mattina, lo accoglie; oltre agli universitari anche alcune classi dei licei Scacchi, Socrate, Flacco, Bianchi Dottula, Salvemini. Toccante la sua storia: parte da Daykondi, sua città d'origine; nascosto a bordo di auto e camion attraversa l'Afghanistan. Fugge dalla guerra, all'epoca ha 17 anni. Fuggono in 5, lui ed atri 4 compagni della stessa scuola. Raggiungono Kabul, percorrendo a piedi lunghissimi tratti, e raggiungono, Zara, la prima città iraniana, dopo un mese di cammino. Poi vanno a Teheran per poi dirigersi verso la Turchia.
Per 3 mesi restano bloccati sulle montagne al confine turco-iraniano. Mancano cibo ed acqua: per 3 mesi si nutrono delle foglie degli alberi. Raggiungono la prima città in territorio turco, Makku e lì restano nascosti altri 15 giorni prima che un camion li conduca ad Istanbul. Su un gommone partono alla volta di Smirne. «Per la prima volta si presentò ai nostri occhi lo spettacolo di un enorme mare perché in Afghanistan il mare non c'è».
Partono a mezzanotte; in genere servono 3 ore per raggiungere le coste dell'isola di Leros in Grecia ma ne serviranno 50 perché il mare è molto mosso. Durante la traversata, uno dei 5 ragazzi muore cadendo in acqua. Lanciano un sos alla guardia costiera greca. Li salvano e li conducono a Leros. Il governo greco li respinge con un foglio di via. Youssefi riesce a fuggire ad Atene dove vive per 5 mesi. Dal porto di Patrasso si imbarca e si nasconde sotto la pancia di un camion per passare inosservato ai controlli e raggiungere l'Italia. Dopo 35 ore di viaggio sbarca a Bari. Con una grossa pietra batte forte sotto il camion, l'autista si ferma e scopre il clandestino, dopo lo sbarco. In treno raggiunge Roma e dopo un certo tempo chiede asilo politico. Conosce la comunità di Sant'Egidio e inizia a frequentare corsi di lingua italiana.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
12 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

13 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Visita online il presepe di Sant'Egidio: Gesù accolto da poveri, malati, chi non ha casa, e uomini di ogni fede

IT | ES | DE | FR | CA | NL
28 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
21 Novembre 2017

Con i bambini rifugiati in Ungheria

IT | ES | FR
19 Ottobre 2017
POLONIA

Oltre 30 città della Polonia unite nella preghiera per i rifugiati

IT | ES | DE | RU | PL
16 Ottobre 2017
LIBANO

Incontro di Marco Impagliazzo con il primo ministro del Libano, Saad Hariri

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
24 Febbraio 2018
kathpress

Kardinal Marx fordert mehr Engagement für Einheit der Menschen

24 Febbraio 2018
Domradio.de

"Gräben zuschütten"

24 Febbraio 2018

„Gräben zuschütten, Spaltungen überwinden“

23 Febbraio 2018
Domradio.de

Im Dienst der karitativen Arbeit

21 Febbraio 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

21 Febbraio 2018
Sonntagsblatt

Die katholischen 68er

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

tutti i documenti
• LIBRI

Il martirio degli armeni





La Scuola

Elogio dei poveri





Francesco Mondadori
tutti i libri

FOTO

1012 visite

1004 visite

975 visite

988 visite

1066 visite
tutta i media correlati