change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
28 Settembre 2016

Roma. Benedetto XVI, l'umiltà di un grande pastore

Presentata a San Gallicano la biografia di Elio Guerriero Lombardi: «Aiutare il cammino della teologia dall'interno» Parolin: «Ecumenismo, strada irreversibile verso la comunione» Riccardi: «Un grande uomo di cultura europea»

 
versione stampabile

Un uomo umile, un pastore sempre attento alle persone e alle cose della Chiesa, esercitando la cura con la volontà di ispirare in ogni situazione i sentimenti della riconciliazione e della pace. È il Joseph Ratzinger che non ti aspetti quello che è emerso ieri sera dalle parole dell'ex direttore della sala stampa valicarla padre Federico Lombardi, attuale presidente della Fondazione Ratzinger-Benedetto XVI, e da quelle del cardinale Pietro Parolin che (essendo lui impegnato in Colombia per la storica pace fra governo e Farc) sono state lette dall'assessore alla Segreteria di Stato vaticana monsignor Paolo Borgia. L'occasione è stata la presentazione, al Complesso San Gallicano di Roma, del libro di Elio Guerriero "Servitore di Dio e dell'umanità". La biografia di Benedetto XVI edita da Mondadori. Una tavola rotonda coordinata da Marco Impagliazzo e che ha visto anche l'intervento di Andrea Riccardi.
Lombardi, nel raccontare la lunga frequentazione con Benedetto, ha fra tante cose ricordato un recentissimo incontro con lui al monastero Mater Ecclesiae in Vaticano. Sempre attento all'evoluzione della speculazione teologica, «mi ha detto che bisogna aiutare il cammino della teologia in modo positivo perché continui a crescere nella Chiesa. E per fare questo bisogna aiutare la teologia dall'interno, perché dall'esterno serve a poco». E questo stile umile di attenzione e di cura pastorale che il cardinale Parolin ha ricordato partendo dalle prime parole di Benedetto dalla loggia di San Pietro: «Dopo un grande papa i cardinali hanno eletto me, un semplice e umile lavoratore della vigna del Signore».
Quel suo essere un operaio della vigna ne ha segnato l'intero pontificato, che lui stesso, ha spiegato Parolin, ha caratterizzato come quello di un pastore che ama le sue pecore e per esse è pronto a soffrire, ma è anche consapevole che amare significa pascerle col nutrimento di Dio. Umile, ha proseguito il cardinale, anche nella continua richiesta ai fedeli di essere aiutato nella preghiera «affinché non fugga davanti ai lupi». Allo stesso modo va considerato quel suo rifarsi al monachesimo benedettino proponendo (inascoltato) al mondo l'urgente equilibrio fra scienza, fede e carità. Così anche il suo impegno in favore dell'ecumenismo considerato, ha sottolineato Parolin, «come la strada irreversibile verso la comunione voluta da Gesù, mettendo al primo posto la preghiera incessante per chiedere al Signore il dono dell'unità». E «non si stancava mai di dire che la pace è un dono di Dio che si può ottenere solo con la preghiera».
Parlando della biografia di Guerriero, Riccardi ne ha sottolineato la completezza e la capacità di far emergere Joseph Ratzinger come «un uomo dal pensiero vigoroso, un grande uomo di cultura europea», capace di «comunicare la fede in modo ragionato» e dialogante e attento alle capacità di ognuno. In questo senso «i suoi libri su Gesù sono una grande innovazione per il papato». Benedetto XVI può «essere considerato il primo papa moderno o, se si vuole, il primo postmoderno». Una modernità che tutti oggi riconosciamo a Francesco per quel modo di giungere al cuore delle persone, ma della quale Benedetto è stato il precursore proprio nell'umile dedizione al ministero petrino.
Lombardi porta come esempio le catechesi del mercoledì e quella particolare capacità di trasmettere fede, spiritualità e mistero nelle omelie: «Ancora adesso, prepara quella della domenica per le cinque o sei persone che l'ascolteranno all'Ecclesia Mater, meditando la Parola tutta la settimana».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
19 Gennaio 2018
TORINO, ITALIA

Le periferie svuotate. Primo allarme di Francesco. Il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

15 Gennaio 2018

'Fare Pace - la diplomazia di Sant'Egidio' è in libreria

IT | ES | DE | PT
22 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Andrea Riccardi ricevuto in udienza da papa Francesco: corridoi umanitari e pace tra i temi del colloquio

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID
22 Dicembre 2011

Andrea Riccardi - notizie stampa internazionale

IT | ES | DE | FR | PT
21 Novembre 2011

Papa Benedetto XVI in Benin. L'incontro con i bambini e la liturgia

IT | EN | PT
tutte le news
• STAMPA
11 Febbraio 2019
Vatican Insider

Riccardi: tra Italia e Vaticano c’è freddezza ma non rottura

22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

22 Febbraio 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

21 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

21 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

La rivoluzione dell'amore e della tenerezza, l'unica necessaria #santegidio50

20 Febbraio 2018
Corriere della Sera

«Sant’Egidio, 50 anni di pedagogia civile»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
23 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace. Educare i bambini in un mondo globale''

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Medì 2016: PROGRAMMA

Medì 2016: I RELATORI

tutti i documenti
• LIBRI

Andrea Riccardi - Tutto può cambiare





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1693 visite

1492 visite

1521 visite

1397 visite

1561 visite
tutta i media correlati