change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
11 Ottobre 2008

Sant'Egidio - La coordinatrice per i minori Adriana Gulotta

«Per i bambini con handicap insostituibili i nostri centri»

 
versione stampabile

«Basta con le accuse a istituti e case famiglia. Il loro ruolo è insostituibile, oggi più che mai», tuona Adriana Gulotta, coordinatrice per la Comunità di Sant'Egidio delle attività verso i minori, e che si occupa di una casa famiglia a Roma.

«La nostra è una comunità particolare: ci occupiamo di bambini malati o affetti da handicap, e con noi ne abbiamo solo 7. Certo, ci saranno pure comunità più grandi: ma non è vero che le nuove leggi abbiano fatto solo buchi nell'acqua». C'è infatti un problema oggettivo, che riguarda soprattutto i minori del nostro Paese: «Specie in Italia i bambini in difficoltà non sempre sono "abbandonati" dalla famiglia - spiega - Spesso i loro genitori vivono sì un periodo di difficoltà, ma ci sono ancora: e mantengono un legame affettivo forte con loro. Insomma, una famiglia ce l'hanno. Magari messa male, ma c'è. Che fine farebbero se, improvvisamente, fossero catapultati dalla loro famiglia a un'altra? Direbbero di continuo: "Questo non è mio papà, questa non è mamma". Molto meglio una soluzione intermedia, dove il bimbo resta un po' in questi istituti, e poi torna a casa prima possibile». Pronta anche la replica per chi parla di «orfanotrofi camuffati»: «Nella nostra struttura due persone vivono lì, due mamme. E poi ci sono i volontari pronti a prestare aiuto. La casa è grande, ma senza barriere. Certo, mancano una vera mamma e un vero papà. Ma se no sarebbe un affidamento, e anch'esso, appunto, può creare problemi nella vita affettiva del minore». Continua: «Un esempio del cambiamento? L'istituto delle suore Calasanziane. Nato negli anni Settanta, ospitava 100 bambini. Poi, pian piano, le camerate sono state svuotate. E dopo la legge la trasformazione è stata definitiva. Le stanze sono state divise, ne sono state create di nuove dedicate al gioco ed alla ricreazione: insomma, sono state realizzate strutture familiari. Da lì sono nate circa tre case famiglia. E ci sono solo 25 ragazzi, divisi in ben tre strutture. A me questo sembra un bel cambiamento».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Novembre 2017

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini

IT | ES | DE
30 Ottobre 2017
KIGALI, RUANDA

La nuova vita di Eric, da orfano del genocidio del Ruanda a neolaureato: è bastata un'adozione a distanza!

IT | ES | DE | FR | PT | RU
2 Settembre 2017
ROMA, ITALIA

La Scuola della Pace di Sant’Egidio: «Così aiutiamo i bimbi di periferia a ritrovare un po’ di fiducia»

2 Agosto 2017

Il sogno di studiare che vale la vita: oggi ricordiamo Yaguine e Fodè e la loro lettera all'Europa

IT | FR
17 Luglio 2017
PORT-AU-PRINCE, HAITI

Adozioni a distanza ad Haiti: un futuro diverso per Dana e gli altri bambini inizia dalla scuola

IT | ES | FR | PT | NL
12 Giugno 2017

Giornata mondiale contro il lavoro minorile: Sant'Egidio dalla parte dei bambini

IT | DE
tutte le news
• STAMPA
11 Novembre 2014
Regió7

La comunitat de Sant Egidi comença a recollir joguines

1 Luglio 2014
L'Osservatore Romano

Risposte da dare

24 Potrebbe 2014
Il Piccolo

Comunità di Sant'Egidio 25 anni di impegno in aiuto ai più deboli

19 Febbraio 2014
Famiglia_Cristiana.it

Fuori dall'ombra con Sant'Egidio

5 Gennaio 2014
La Stampa.it

Ecco chi resiste alla fuga dalle scuole

18 Dicembre 2013
Corriere della Sera

Buonissimo Natale a tutti quanti

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

La mensa per i poveri di Via Dandolo

Saluto del Presidente Mario Monti

Bambini e ragazzi di origine straniera per una legge sulla cittadinanza nell’interesse del Paese

tutti i documenti

FOTO

247 visite

262 visite

243 visite

263 visite

231 visite
tutta i media correlati