change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
15 Dicembre 2011

«No alla cultura del disprezzo I giudici scoprano se c'è una regia»

Il ministro dell 'Integrazione Riccardi commemora le vittime

 
versione stampabile

BANDIERE a mezz'asta, saracinesche abbassate, un minuto di raccoglimento all'inizio di ogni turno di lavoro, fiori dei commercianti sul luogo della strage. E nelle scuole invito all'impegno contro ogni tipo di razzismo. Firenze ha vissuto ieri con composta partecipazione la giornata di lutto cittadino proclamata dal sindaco Renzi per l'uccisione di Samb Modou e Diop Mor e il ferimento di altri tre senegalesi. Ad abbracciare la comunità senegalese e a portare l'attestato di dolore del governo italiano è arrivato anche il ministro della Cooperazione Internazionale e Integrazione Andrea Riccardi, intervenuto nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio al consiglio straordinario. A sera una fiaccolata per le strade.

MI È sembrato doveroso, da ministro che si deve occupare anche dell'integrazione e della lotta al razzismo, venire a Firenze in questo giorno di lutto cittadino a seguito del gravissimo fatto di chiaro stampo xenofobo che è costato la vita a due immigrati senegalesi e ha causato il ferimento di altri tre.
Sono venuto, innanzitutto, per testimoniare la vicinanza del governo italiano alla comunità senegalese, che piange oggi le sue vittime e che guarda con crescente preoccupazione al suo futuro. Ma anche per testimoniare la solidarietà a una città come Firenze: una grande capitale culturale e civile dell'Italia, da sempre in prima linea nell'integrazione e nell'accoglienza, che è parimenti colpita e offesa dal gravissimo gesto omicida. E che non ha mancato, in questo drammatico frangente, di esprimere a voce alta la sua indignazione e la sua condanna.

HO AVUTO la sensazione, durante la mia visita di ieri a Firenze, che la città intera si stringe attorno alla comunità senegalese, forte della sua tradizione di rispetto dei diritti, di dialogo e di civiltà.

SPETTERÀ ora agli investigatori, alla magistratura, chiarire se l'assassino ha agito da solo o se esista una qualche regia o, ancora, se ci siano livelli di complicità dietro il suo folle e criminale attentato. Alla politica, nazionale e locale, ai media, alla società civile spetta invece il compito decisivo e urgente di pacificare una cultura del disprezzo che rischia talvolta di insinuarsi nella società italiana. Tale cultura mira a sovvertire i fondamenti di civiltà, umanità, accoglienza, generosità che hanno da sempre caratterizzato la nostra storia repubblicana.

E' UN IMPEGNO che riguarda tutti e al quale sarebbe pericoloso, oltre che vile, sottrarsi. Il governo di cui sono onorato di far parte è considerato, a ragione, un esecutivo tecnico, che deve occuparsi prima di tutto della grave situazione economica, nazionale ed europea, che rischia di portare il Vecchio Continente nel baratro della bancarotta. Ma ci sono scelte di fondo, politiche, che non appartengono alla destra, alla sinistra o al centro: ma sono e devono essere patrimonio imprescindibile e fondante di tutto il Parlamento e dell'intera Nazione.

LA COSTITUZIONE italiana all'articolo 3, proprio nei suoi principi fondamentali, respinge ogni discriminazione «di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali». E'una lezione viva, che va continuamente ricordata e meditata.
Credo peraltro che questa stagione rappresentata dal governo Monti – dopo anni di politica urlata e di confronto muscolare tra gli schieramenti – possa servire anche a ritrovare e a riconoscersi maggiormente in un patrimonio nazionale di valori: la pace, la convivenza, il dialogo e il rifiuto di ogni forma di violenza. E' un impegno forte, a cui credo fermamente: ne va del futuro del nostro Paese.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Febbraio 2018

Mediatori interculturali, fattore di integrazione in una società plurale: oggi consegna dei diplomi

IT | ID
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

13 Dicembre 2017
ROMA, ITALIA

Vaccini antinfluenzali: Sant'Egidio e Federazione Medici realizzano campagna per 4 mila soggetti fragili

28 Novembre 2017

Profughi, corridoi umanitari: giovedì il primo arrivo dall'Africa

IT | ES | CA
tutte le notizie
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

10 Febbraio 2018
SIR

50° Sant’Egidio: Gentiloni (presidente del Consiglio), “dalla condizione dei più deboli si misura il benessere autentico di una società”

10 Febbraio 2018
Il Sole 24 ore

Migranti, Gentiloni: sbagliato promettere fine dei flussi

8 Febbraio 2018
SIR

Migrazioni: Pompei (Comunità Sant’Egidio), “nuove modalità di ingresso in Italia più flessibili ed efficienti”

6 Febbraio 2018
Giornale di Sicilia

«Ma l'integrazione da noi è possibile»

5 Febbraio 2018
SIR

Immigrazione: Comunità Sant’Egidio, oggi anche la ministra Fedeli alla consegna dei diplomi per mediatori interculturali

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti
• LIBRI

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

FOTO

245 visite

215 visite

211 visite

122 visite

112 visite
tutta i media correlati