change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
19 Dicembre 2011

La lettera

Basta scontri sull'immigrazione. Serve il dialogo

 
versione stampabile

Caro direttore,
rispondo volentieri al suo invito di spiegare ai lettori del suo giornale le impressioni ricevute e i sentimenti provati durante le mie recenti visite a Firenze, Torino e Genova, dove ho incontrato le comunità straniere, i rom, ma anche tanti cittadini italiani che guardano ai fenomeni immigratori con un misto di speranza, di accoglienza e di preoccupazione.

Ho ribadito in questi giorni il timore - rafforzato dai recenti, preoccupanti fatti di cronaca -che la crisi economica che investe l'Italia e l'intera Europa possa diventare un detonatore per tensioni e conflitti esistenti nella nostra società, specie tra le categorie meno abbienti, che soffrono di più per tagli e sacrifici.

Credo che, a maggior ragione, le forze politiche, i media e le istituzioni, debbano operare con grande senso di responsabilità in frangenti come questi: evitando di soffiare sul fuoco e, semmai, aiutando a prevenire e a spegnere i roghi che qua e là si possono accendere.

Non credo che sottolineare questo aspetto sia contravvenire alla natura di governo tecnico che caratterizza la stagione dell'esecutivo guidato da Mario Monti e sostenuto da un'ampia maggioranza parlamentare. Penso che sia invece non solo un diritto, ma un dovere da parte di chi - sia pure temporaneamente - riveste responsabilità pubbliche, ricordare che c'è necessità di un dibattito vero sui grandi problemi del Paese in un clima meno arroventato.

Ho letto i giornali in questi giorni, ho incontrato molte persone e ho ascoltato con attenzione pareri, suggerimenti e critiche. Non pretendo che tutti siano d'accordo sulle cose che dico a proposito di cittadinanza ai bambini immigrati o di rom, anche se spero che non faccia piacere a nessuno sapere che dei bambini, di qualunque etnia essi siano, nascano e crescano nel degrado. Ma se ne può parlare liberamente in Parlamento o altrove. È il sale della democrazia: esprimere un'idea, discuterla, confrontarla, soppesare i pro e i contro. Nessuno, in politica, ha la bacchetta magica o la verità in tasca.
La questione, semmai, è quella di favorire un clima di dialogo e di fattività tra le forze politiche, dove ognuno possa esprimere il suo parere senza incorrere in scomuniche reciproche. Non esistono, credo, oggi in Parlamento partiti razzisti da una parte e partiti buonisti dall'altra. Vederla così, in una logica mediatica e spettacolare, può anche essere funzionale, ma sarebbe un grave errore. A parte piccole minoranze aggressive e isolate, c'è una larga parte del Paese che sottolinea di più gli aspetti di legittima sicurezza dei cittadini italiani: i quali non possono essere lasciati soli di fronte ai fenomeni di immigrazione che, senza interventi delle istituzioni, sono spesso fonte di disagio. C'è un'altra parte, invece, che afferma di avere a cuore di più gli aspetti di solidarietà e di accoglienza.

Non sono, a ben vedere, due discorsi estremi e non componibili. Spetta alla politica (e a chi, in particolare, il Parlamento e il governo ha affidato l'incarico di occuparsi di integrazione), lavorare con lena, senza illusioni ma con ottimismo, per ridurre le distanze, avvicinare le diversità, comporre le diverse esigenze. Non ci si può dividere tra filo-immigrati e anti-immigrati, tra difensori degli italiani e paladini degli stranieri. Posto così, il problema diventa ideologico e dunque irrisolvibile. E per giunta fonte di esasperazione e di rischi. È un momento invece in cui serve ragionare, pacatamente, intorno alle soluzioni dei problemi. Ci si può dividere, legittimamente, su quali politiche adottare. Bisogna però cominciare a discutere non sull'esistenza del problema, che è un grande tema globale che va molto oltre le nostre piccole frontiere, ma responsabilmente sul modo di risolverlo: una questione di metodo, che però consente di fare passi da gigante verso la soluzione delle questioni. Insieme ce la si può fare. È proprio in questa direzione che intendo lavorare nei prossimi mesi.

La ringrazio, caro direttore, dell'opportunità che mi ha offerto di esplicitare il mio pensiero e le faccio i miei migliori auguri per il suo giornale in un momento non facile della sua antica storia, convinto come sono che tutte le voci, anche se scomode, rafforzano il nostro patrimonio culturale e democratico.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Febbraio 2018

Mediatori interculturali, fattore di integrazione in una società plurale: oggi consegna dei diplomi

IT | ID
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
19 Gennaio 2018
TORINO, ITALIA

Le periferie svuotate. Primo allarme di Francesco. Il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

13 Gennaio 2018

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati: il messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018

22 Dicembre 2017

Natale: la festa dei valori condivisi da tutti

tutte le news
• STAMPA
13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

22 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

La preghiera sia un urlo contro le guerre

22 Febbraio 2018
Br-Online

Interview mit Sant'Egidio Mitgründer Andrea Riccardi

21 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

21 Febbraio 2018
Famiglia Cristiana

La rivoluzione dell'amore e della tenerezza, l'unica necessaria #santegidio50

20 Febbraio 2018
La Repubblica.it

Mattarella: "L'Italia ha bisogno di solidarietà, non di divisioni"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

tutti i documenti
• LIBRI

Andrea Riccardi - Tutto può cambiare





San Paolo

La forza disarmata della pace





Jaca Book
tutti i libri

FOTO

1481 visite

1386 visite

1684 visite

1506 visite

1512 visite
tutta i media correlati