change language
u bent in: home - persoverzicht newsletterlink

Support the Community

  
24 Maart 2012

Biografia del ministro pakistano Shahbaz Bhatti a un anno dall'assassinio

Shahbaz Bhatti. L'eredità di chi non si è arreso

Pubblichiamo la prefazione che il ministro italiano alla Cooperazione internazionale e l'integrazione, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, ha scritto per il libro di Roberto Zuccolini e Roberto Pietrolucci dedicato alla memoria del ministro pakistano per le Minoranze, vittima nel marzo del 2011 di un sanguinoso attentato (Shahbaz Bhatti. Vita e martirio di un cristiano in Pakistan, Milano, Paoline editoriale libri, 2012, pagine 172, euro 14)

 
afdrukvoorbeeld

Questo libro esce a un anno dalla morte di Shahbaz Bhatti. E il racconto della vita di un cristiano che non si è arreso di fronte a chi pensa che in Pakistan sia impossibile vivere insieme. È la storia di un uomo che ha lottato a mani nude ed è morto martire. La sua vicenda ci fa entrare nel mistero di una vita vissuta per gli altri fino alla fine. È una storia preziosa, non solo per i cristiani, ma per tutti: per il suo Paese, che dal 1947 cerca una via per la pace c la coabitazione, come per il mondo intero, abitato ancora da troppi conflitti, a sfondo politico, etnico e religioso.

Ho conosciuto Bhatti. Il ministro per la difesa delle minoranze era venuto a Roma nel settembre del 2010 per incontri importanti, tra cui l'udienza con Benedetto xvI. Colpiva per la serenità e il coraggio. Non aveva l'aria dell'eroe o del protagonista. Avrei dovuto incontrarlo di nuovo in Pakistan, avevo fissato l'appuntamento proprio due giorni dopo il suo assassinio nel cuore di Islamabad. Poi, all'improvviso, il 2 marzo del 2011, mi fermò la tragica notizia: l'attentato, in pieno giorno, nel cuore di Islamabad. Diceva un grande cristiano, il poeta David Maria Turoldo: «Essere stati amici e commensali di grandi è un fatto che ci mette a nudo e ci rivela che abbiamo imparato poco, che non ci siamo convertiti, che siamo quelli di sempre». Siamo stati amici e commensali di Bhatti. Lo ricordo a cena, a Sant'Egidio, la sera dell'u settembre 2010, dopo una partecipata preghiera in memoria delle vittime dell'attentato alle Torri Gemelle. Essere sopravvissuti ai martiri, come amava sottolineare Giovanni Paolo Il, è prima di tutto un debito di memoria. Questo libro ricorda bene la figura di Bhatti. È morto per una causa: liberare i cristiani del Pakistan dalla paura, dall'umiliazione e dalla marginalità, senza mai cercare lo scontro, insieme a un buon gruppo di politici e religiosi musulmani.

In questo senso, per le sue battaglie civili, in Shahbaz c'è qualcosa che ricorda Martin Luther King, assassinato nel 1968, proprio l'anno in cui era nato il ministro martire. La sua vita è stata spesa tutta per le minoranze e per un Pakistan più giusto: il suo agire come politico è stato un servizio alla liberazione.
È ciò di cui parla questa biografia di Shahbaz Bhatti, attraverso documenti e testimonianze dirette. Il racconto delle ultime ore, quello dei funerali svolti nel villaggio natale di Khushpur, una delle poche isole cristiane in un Paese al 97 per cento musulmano, la testimonianza dell'imam di Lahore, sono commoventi. Perché ci parlano di un uomo che, nonostante l'estrema insicurezza in cui viveva da quando non aveva più la scorta, aveva conservato una forte serenità cristiana. Alla vigilia della morte, ciò che contava per Bhatti era conservare vivo il ministero delle Minoranze, una struttura più volte messa in discussione dai delicati equilibri politici del Paese, ma diventata per tanti suoi con- cittadini un simbolo di resistenza e di speranza.
E un libro di grande interesse: è la ricostruzione della sua non lunga ma intensa vita che ne fa emergere in modo chiaro l'evoluzione spiri- tuale e politica. Bhatti era un cri- stiano innamorato del suo Paese. Nonostante le minacce concrete alla sua persona, non aveva mai pensato di abbandonarlo. Era, al contrario, convinto che il Pakistan dovesse ri- scoprire le sue radici, sul modello disegnato dal fondatore Ali Jinnah, fautore di uno Stato laico, in cui le diverse religioni contribuissero pacificamente al suo sviluppo. Shahbaz è stato un politico, un grande federatore di fronte al mondo tanto divi-
so delle minoranze. Lottava e sognava un futuro diverso con una passione tutta evangelica. A soli tredici anni comprese che la sua «vo- cazione» era quella di spendersi «per i cristiani e per i poveri». Era un venerdì santo e — racconta lo stesso Bhatti — aveva appena ascol- tato una predicazione sul «sacrificio di Gesù». Una fede profonda ac- compagna anche tutto il suo percor- so politico. Non era ancora venten- ne quando, con i suoi compagni di lotta, riuscì a bloccare un progetto di legge che avrebbe obbligato ogni cittadino pakistano ad aggiungere la propria confessione religiosa sulla carta d'identità. Dopo le battaglie portate avanti con il suo Christian Libcration Front (CU), a difesa dei diritti dei cattolici e dei protestanti, fondando l'Apma (All Pakistan Mi- norities Alliance) intuì l'importanza di un patto con le altre minoranze presenti nel Paese e dcl lavoro a fa- vore di tutti i poveri e le vittime
dell'ingiustizia, senza distinzioni. Tanto che, in occasione del terribile terremoto che colpì il Pakistan nel 2005, si preoccupò che gli aiuti rac- colti arrivassero a tutti, a partire dai musulmani che erano rimasti senza casa. Bhatti era convinto che la giustizia resa alle minoranze rendesse il Pakistan migliore per tutti, anche per la maggioranza musulmana.

Proprio del rapporto con i musulmani fece uno dei punti cardine del suo programma una volta diventato ministro, con autorevoli amicizie costruite con passione, dal governatore del Punjab, Salman Taseer, ucciso in un attentato due mesi prima di lui, fino all'imam della grande moschea di Lahore, Abdul Khabir Azad, passando per innumerevoli altri contatti. Bhatti credeva fermamente nel dialogo, inteso come co- noscenza diretta, amicizia, frequentazione, ricerca di una soluzione comune dei problemi.

Portò avanti con coraggio, a partire dagli anni Ottanta, una forte battaglia per modificare la tristemente famosa legge sulla blasfemia, che ancora oggi conduce a giudizio troppi innocenti. Nella sua difesa di Asia Bibi, la donna cristiana diventata simbolo di questa lotta a livello mondiale — e che molti indicano come prima cau- sa della sua morte insieme a quella del governatore Taseer, un giusto musulmano — pensò che il metodo migliore fosse il confronto: soddifatto per la solidarietà internazionale attorno alla vicenda, era convinto però che la soluzione si sarebbe dovuta trovare in Pakistan, con le autorità religiose e civili del Paese. Bhatti non era un uomo di partito e non avrebbe voluto diventare né parlamentare, né ministro. Ma alla fine, dopo molte resistenze, accettò di assumere un incarico politi- co. In appena tre anni (dal 2oo8 al 2011) raggiunse risultati insperati con un'intelligente opera di mediazione.

Le sue conquiste sono ripercorse in questo libro, dalla legge nazionale che stabilisce, per gli uffici pubblici, l'obbligo di assumere almeno il 5 per cento del personale tra le minoranze religiose, all'istituzione della festa delle minoranze, agosto, giorno anniversario dello storico «discorso alla nazione pakistana» con il quale, nel 1947, Ali Jinnah proclamò uguali diritti per tutti i cittadini. Dopo la morte di Bhatti è sopravvissuto il suo ministero, anche se ora ha un nome diverso, mentre suo fratello Paul è di- ventato consigliere speciale del primo ministro per le Minoranze nel difficile tentativo di portare avanti la sua eredità politica. Shahbaz ci lascia soprattutto un grande patrimonio spirituale. Quest'uomo non si è mai atteggiato a eroe, ma ha accettato di vivere per gli altri con tutti i rischi che ciò comportava. Ha fatto politica con una missione molto chiara, utilizzando gli strumenti istituzionali offerti dallo scenario pakistano. All'inizio del xxi secolo, la sua figura, aureolata dal martirio, si propone come modello di politico cristiano, che non ricerca il proprio interesse, ma serve il suo Paese e i più deboli tra i suoi concittadini. Per vivere questa avventura, tanto esigente, Bhatti è stato un cristiano che pregava. La sua fede profonda era nutrita dalla preghiera e dalla lettura quotidiana della Bibbia, praticata fino a pochi minuti prima di cadere martire. La sua Bibbia è ora nella basilica romana di San Bartolomeo all'Isola Tiberina, tra le me- morie dei martiri del nostro tempo. La sua storia, che Zuccolini e Pietrolucci propongono in questo libro, è una delle pagine più struggenti del cristianesimo del Duemila.


 LEES OOK
• NIEUWS
20 November 2017

Overal gedekte tafels voor de armen op de Werelddag voor de Armen

IT | ES | DE | NL | ID
29 September 2017

Zondag van het Woord, feest dat Bijbel centraal stelt. Video-opname van de introductie door Andrea Riccardi

IT | EN | ES | DE | CA | NL
13 Juli 2017
INDONESIË

Een kerk die naar buiten gaat naar periferieën en jongeren. Congres van met Sant’Egidio bevriende bisschoppen en religieuzen in Indonesië.

IT | ES | DE | FR | NL
22 April 2017
ROME, ITALIË

Paus Franciscus herdenkt Nieuwe Martelaren in de Sint-Bartolomeüs basiliek. De volledige opname van het bezoek.

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
20 December 2016
FAISALABAD, PAKISTAN

Community of Sant'Egidio in Pakistan awarded by the Ministry of Human Rights for its commitment with the poor

IT | EN | DE | FR | PT | NL | ID
12 Maart 2016

Drie jaar met paus Franciscus, om bruggen te bouwen in plaats van muren. Het geschenk van een nieuwe missionaire impuls.

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
alle nieuws
• RELEASE
27 Februari 2018
Avvenire

Cei. Atterrati a Roma 113 profughi. «La cooperazione fra istituzioni fa miracoli»

21 Februari 2018
Famiglia Cristiana

I 50 anni di Sant'Egidio. L'abbraccio.

9 Februari 2018
Vaticannews

Spadaro: la geopolitica di Francesco è fondata sulla misericordia

7 Februari 2018
Il Secolo XIX

Nessuno è troppo piccolo per aiutare

7 Februari 2018
Vaticannews

“Fare pace”: la diplomazia della speranza cristiana di Sant’Egidio

2 Februari 2018
Roma sette

A San Bartolomeo all’Isola le memorie dei pallottini assassinati in Argentina nel ’76

alle persberichten
• EVENEMENTEN
23 Januari 2018 | ROME, ITALIË

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace. Educare i bambini in un mondo globale''

ALLE ONTMOETING VOOR DE VREDE
• GEEN DOODSTRAF
25 Maart 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

ga naar geen doodstraf
• DOCUMENTEN

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Roma 2016

Omelia di S.E. Paul R. Gallagher per la commemorazione dei martiri contemporanei

Lista martiri ricordati alla veglia di preghiera della settimana Santa 2015

Scherer: In Brasile una Chiesa viva che educa e trasforma

I colori della fede, uniti nella diversità

alle documenten