change language
sei in: home - rassegna stampa newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
17 Dicembre 2015

Sant'Egidio lancia il «corridoio umanitario» per profughi

Il presidente Impagliazzo: «Procedure semplificate e più rapide per i bisognosi: donne e bambini»

 
versione stampabile

ROMA «Siamo in Avvento, nell'anno del Giubileo della Misericordia, abbiamo lavorato in collaborazione con le chiese evangeliche italiane e la chiesa valdese per un progetto "ecumenico", un accordo di pace, che va in soccorso dei "vulnerabili". Come non essere contenti? Sì, provo grande soddisfazione».  Il presidente delle Comunità di Sant'Egidio, Marco Impagliazzo, annuncia, «senza enfasi ma con gioia», il primo «corridoio umanitario per i profughi». Una novità assoluta, per l'Italia e per l'Europa. Ci sono voluti mesi di preparazione, poi è arrivato l`ok delle autorità italiane. 

Da anni si parlava di corridoi umanitari, ma non se n'è mai fatto nulla, Cosa è cambiato? 
«I numeri impressionanti dei morti in mare, soprattutto delle migliaia di bambini annegati. Ma è solo un inizio, l`Europa resta una fortezza, c`è ancora tanta paura dell`invasione dello straniero. Il nostro progetto è il segnale che anche la società civile può dare risposte».

 Gli attentati terroristici non aiutano a spegnere le paure.  «Certamente. Ma bisogna fare uno sforzo in direzione della Misericordia. Questo progetto è riservato, come dicevo, ai "vulnerabili", donne, bambini, anziani, disabili».

 In che cosa consiste questo corridoio umanitario? «Abbiamo aperto in Libano e in Marocco, e tra sei mesi confidiamo di includere anche l'Etiopia, uffici dai quali i nostri associati ci segnaleranno casi particolari di persone che hanno bisogno di essere accolte, perché vivono situazioni di grave pericolo o bisogno».

Quanti ne individuerete e come li porterete in Italia? «Il progetto-pilota prevede un migliaio di rifugiati. Non è un numero altissimo ma l'importante è cominciare. Poi, se tutto procede come pensiamo, ne aiuteremo di più». 


E come coniugherete umanità e sicurezza? «Una volta individuati i casi, lasceremo fare tutti i controlli alle autorità italiane per l`identificazione, anche attraverso le impronte digitali. Quando i consolati daranno il via libera, queste donne, questi bambini partiranno». 

Chi paga i viaggi e come arriveranno i profughi in Italia? «Tutto a carico nostro, arriveranno con aerei di linea, navi. Li accoglieremo nelle nostre strutture, li faremo studiare nelle nostre scuole di lingua e cultura o seguire corsi professionali. Vogliamo essere un esempio per l`Europa. Se lo facessero altri Paesi, i numeri potrebbero essere più alti e le vite umane salvate molte di più».


Mariolina Lossa 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Febbraio 2018

Gli auguri del pastore valdese Bernardini per i 50 anni di Sant'Egidio: continuiamo insieme per la pace, la giustizia, i corridoi umanitari

IT | HU
1 Febbraio 2018

Videoclip: i nuovi corridoi umanitari in un servizio del TG1

30 Gennaio 2018

Questa mattina l'arrivo a Roma dei primi corridoi umanitari del 2018 dalla Siria: la via della speranza

IT | ID
30 Gennaio 2018
ROMA, ITALIA

Arrivati in Italia i primi corridoi umanitari del 2018. La nuova fase del progetto che è diventato un modello di accoglienza e integrazione per l'Europa

IT | ES | DE | FR | CA | ID
30 Gennaio 2018
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! L'arrivo a Parigi di 40 profughi siriani grazie ai corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR | CA | ID
27 Gennaio 2018

Migranti: La guerra in Siria non è finita, ma l’Europa che crede nel futuro continua ad accogliere e integrare. Tra pochi giorni nuovi arrivi con i #corridoiumanitari

IT | FR | NL
tutte le news
• STAMPA
11 Febbraio 2019
Vatican Insider

Riccardi: tra Italia e Vaticano c’è freddezza ma non rottura

13 Marzo 2018
RP ONLINE

Flucht, Abi, Studium

27 Febbraio 2018
La Repubblica

Profughi, dal Corno d'Africa a Roma corridoio umanitario per 114 persone

27 Febbraio 2018
Agenzia SIR

Corridoi umanitari: Impagliazzo (Comunità Sant’Egidio), “polemiche politiche finiranno ma il futuro è nell’integrazione”

27 Febbraio 2018
Avvenire

Cei. Atterrati a Roma 113 profughi. «La cooperazione fra istituzioni fa miracoli»

27 Febbraio 2018
Vatican Insider

Corridoi umanitari, 114 profughi dall’Etiopia. Galantino: no allo sciacallaggio politico

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Dove Napoli 2015

tutti i documenti
• LIBRI

Il martirio degli armeni





La Scuola

Elogio dei poveri





Francesco Mondadori
tutti i libri

FOTO

218 visite

213 visite

250 visite

128 visite

130 visite
tutta i media correlati